Back

Zelensky presidente dell’Ukraina

Ora che ha vinto le elezioni con un mandato popolare superiore al 60%, il neo presidente dell’Ucraina Zelensky dovrà tener fede soprattutto a quanto dichiarato negli ultimi giorni della campagna elettorale:

“L’Ucraina ha due problemi principali: la guerra nel Donbas e la paura della gente di investire nel paese”, ha detto Zelenskiy, in un’intervista televisiva.

La guerra

Zelenskiy dice che il primo passo per porre fine alla guerra nel Donbas è quello di stabilire un cessate il fuoco.

“Non possiamo permetterci un lungo processo, perché ogni giorno inizia con la notizia del numero di morti e feriti in guerra. Non abbiamo tempo per altri preparativi”, ha detto, aggiungendo che era pronto a negoziare con il presidente russo Vladimir Putin.

Il processo di pace di Minsk, che si è arrestato:” Deve essere riavviato. E’ una guerra con la Russia, quindi i colloqui dovrebbero essere con la Russia. Deve essere in formato diplomatico, con la presenza di partner occidentali. Non sacrificheremo mai la nostra gente o i nostri territori.”

L’Ucraina deve anche iniziare una guerra di informazione contro la Russia, crede Zelenskiy. In precedenti interviste, ha detto che l’Ucraina ha bisogno di lanciare un canale televisivo in lingua russa che trasmetterà in Ucraina orientale e nei territori occupati dalla Russia dei Donbas.

“Dobbiamo raggiungere tutti gli abitanti dell’est e dei territori occupati: “Ragazzi, vi hanno fatto il lavaggio del cervello, siete parte dell’Ucraina, vi aspettiamo, siete ucraini”, ha detto. “Dobbiamo iniziare a pagare loro le pensioni.”

Zelenskiy intende dire che bisogna semplificare la procedura con cui gli ucraini che vivono nei territori occupati dalla Russia ottengono la pensione. Attualmente, devono registrarsi come sfollati interni e fare difficili viaggi ai posti di controllo alle frontiere per raccogliere il loro denaro sul lato controllato dall’Ucraina. Un iter particolarmente difficile per gli anziani.

Zelenskiy promette anche che l’Ucraina continuerà la sua integrazione con l’Unione europea e l’Organizzazione del Trattato Nord Atlantico (NATO), ma aggiunge che i benefici dell’adesione alla NATO devono ancora essere spiegati agli ucraini che vivono nella parte orientale del paese.

“Come cittadino ucraino sono per la NATO, ma dobbiamo spiegare alla gente che è per la sicurezza. Dobbiamo raggiungere tutti gli abitanti dell’est. L’adesione alla NATO deve essere (decisa) attraverso un referendum”, ha detto.

La lotta alla corruzione

Secondo Zelenskiy, il clima degli investimenti ucraini dipende da due cose: la protezione delle imprese e la lotta alla corruzione.

Zelenskiy ha due consiglieri anticorruzione: il giornalista diventato avvocato, Serhiy Leshchenko,  e l’avvocato ed ex membro dell’Agenzia Nazionale per la Prevenzione della Corruzione, Ruslan Ryaboshapka.

Il 6 aprile, la sua squadra ha rilasciato un dettagliato programma anti-corruzione. Al suo centro c’è la volontà politica.

“E’ sbagliato sperare che un sistema statale corrotto abbia la volontà di privarsi della sua base alimentare. La corruzione per i vecchi politici è come l’acqua per i pesci. La vecchia élite politica contro la corruzione è la stessa cosa che le api sono contro il miele”, si legge nella dichiarazione.

Qui ci sono i passi chiave nel programma anticorruzione di Zelenskiy.

Garantire una reale indipendenza dell’intera catena di agenzie anticorruzione: in particolare, le agenzie anticorruzione devono essere istituite attraverso una commissione di selezione internazionale indipendente;

Rimuovere l’immunità dai procedimenti giudiziari per i politici;

Istituire l’Alta Corte economica;

Spogliare le forze dell’ordine, come il Servizio di sicurezza dell’Ucraina, l’Ufficio del Procuratore generale e il Ministero dell’interno, dei poteri per indagare sui reati economici. Trasferire questi poteri ad una nuova agenzia per le indagini economiche;

Decriminalizzare il più possibile l’attività economica e introdurre sanzioni pecuniarie e amministrative per i reati economici, e tenere il conto dei funzionari pubblici che molestano le imprese;

Inasprire le pene per i funzionari pubblici coinvolti in atti di corruzione mediante dimissioni volontarie,

Confisca dei beni di costoro e il divieto a vita di assumere qualsiasi carica pubblica. Divieto per i tribunali di rilasciare su cauzione i funzionari corrotti;

E-government: il maggior numero possibile di servizi pubblici alle imprese dovrebbe essere spostato online;

Coinvolgere i cittadini nel denunciare la corruzione attraverso un sistema di ricompense;

Chiedere alle forze dell’ordine occidentali di avviare indagini su funzionari ucraini che, secondo quanto stabilito dalle agenzie anticorruzione ucraine, sono coinvolti nella corruzione.

Questo progetto web utilizza la tecnologia 'cookies' per migliorare l'esperienza generale del Sito. I Cookies sono piccoli file testuali mantenuti sul proprio computer o dispositivo. Ci permettono di assicurarti la miglior esperienza di navigazione possibile e di capire come utilizzi il nostro sito. Questo messaggio di avviso ti viene proposto in base alle nuove normative sui diritti utenti nelle comunicazioni e servizi web, sui dati personali e la protezione della privacy. Privacy policy

Questo progetto web utilizza la tecnologia 'cookies' per migliorare l'esperienza generale del Sito. I Cookies sono piccoli file testuali mantenuti sul proprio computer o dispositivo. Ci permettono di assicurarti la miglior esperienza di navigazione possibile e di capire come utilizzi il nostro sito. Questo messaggio di avviso ti viene proposto in base alle nuove normative sui diritti utenti nelle comunicazioni e servizi web, sui dati personali e la protezione della privacy.

Chiudi Popup