Back

Valva: la perla della Valle del Sele

Valva si trova nel mezzo della Valle del Sele, in cima a una piccola altura. Si tratta di un affascinante borgo medievale, risalente all’epoca romana. Valva offre panorami incantevoli e un centro storico ricco di vicoli medievali e splendidi palazzi. Sul borgo, domina l’imponente Villa D’Ayala, circondata da un parco di 17 ettari, magnificamente adornato. Un paradiso per chi ama il turismo di qualità.

Villa D’Ayala e la sua storia

Questo edificio certamente rappresenta la storia del borgo nonché la sua attrazione principale. Ma non solo. Autorevoli esperti internazionali la considerano una delle più belle residenze italiane in assoluto. Il parco è composto da splendidi giardini all’italiana, intersecati da lunghe passeggiate ornate da graziose statue rappresentanti divinità ed eroi, panchine, grotte e fontane. Il tutto, tra rare specie arboree. Il parco si apre in una piccola torre con portale neogotico. Dal sentiero principale potrete vedere la Cappella della Madonna di Filerno, poi troverete la Foresteria, con un portico impreziosito da stupende sculture. Di fronte si può ammirare il Maretto. Un giardino all’italiana con una bella fontana che rappresenta la dea Diana e un cervo in bronzo. Da lì è possibile raggiungere la Peschiera e la Fontana del Romitaggio.

Alla fine della passeggiata noterete una torretta che sorregge la statua di Ercole. Più avanti, una piazza semicircolare mostra le statue delle Muse, dove vedrete la porta che conduce al giardino interno, con bei viali a forma di arpa. Al centro del giardino c’è una vasca con figure umane e pesci. Busti marmorei che rappresentano personaggi dell’antichità classica e forse discendenti della famiglia circondano quell’area. Due vicoli conducono al portico del Castello, con bassorilievi realizzati da Donatello Gabrielli. Ad agosto da non perdere la sagra della “taratella”, pasta fatta in casa tipica del posto. La villa fu costruita nella seconda metà del XVIII secolo, per volontà di Giuseppe Maria Valva, marchese e ultimo discendente della nobile famiglia. I lavori furono ultimati dal nipote Francesco d’Ayala. Giuseppe d’Ayala, ultimo proprietario della residenza, rimasto senza eredi,  donò il bene al Gran Priorato di Napoli e Sovrano Ordine di Malta.

Le altre bellezze di Valva

Da visitare anche la Chiesa Madre, del XVIII secolo, a tre navate. La facciata presenta tre ingressi con portali barocchi. Vi è un altare maggiore in marmo di pregevole fattura. C’è poi la Cappella della Madonna degli Angeli: una chiesa a navata unica, la cui abside ospita uno splendido affresco rinascimentale raffigurante la Vergine Maria con Gesù Bambino, e due angeli alle spalle. Camminando per pochi minuti su un sentiero panoramico si raggiunge la Cappella di Al Biagio. Infine, bellissima, la Grotta di San Michele Arcangelo. Inoltre, grazie alla vicina autostrada Salerno-Reggio Calabria, da Valva è possibile raggiungere in meno di 1 ora Paestum e la Costiera Amalfitana.

Immagine in copertina di Freed73.

Questo progetto web utilizza la tecnologia 'cookies' per migliorare l'esperienza generale del Sito. I Cookies sono piccoli file testuali mantenuti sul proprio computer o dispositivo. Ci permettono di assicurarti la miglior esperienza di navigazione possibile e di capire come utilizzi il nostro sito. Questo messaggio di avviso ti viene proposto in base alle nuove normative sui diritti utenti nelle comunicazioni e servizi web, sui dati personali e la protezione della privacy. Privacy policy

Questo progetto web utilizza la tecnologia 'cookies' per migliorare l'esperienza generale del Sito. I Cookies sono piccoli file testuali mantenuti sul proprio computer o dispositivo. Ci permettono di assicurarti la miglior esperienza di navigazione possibile e di capire come utilizzi il nostro sito. Questo messaggio di avviso ti viene proposto in base alle nuove normative sui diritti utenti nelle comunicazioni e servizi web, sui dati personali e la protezione della privacy.

Chiudi Popup