Back
mondo sostenibile

Un mondo sostenibile: ecco la ricetta

Un mondo sostenibile è possibile? E’ difficile ed impegnativo ma lo è certamente.  Sappiamo che perchè il cambiamento avvenga realmente biosgnerà che tutti abbiano chiare le idee e che tutti abbiano chiaro che ognuno deve fare una rivoluzione nel suo modo di vivere, lavorare, produrre, far denaro, essere solidale.

L’organizzazione no profit Avaaz (una parola che viene del medioriente che significa “voce, suono”) ha lanciato un sondaggio tra i suoi 65 milioni di iscritti in 194 paesi del mondo. L’organizzazione tramite il suo sito ha chiesto quali dovrebbero essere, secondo gli iscritti, le priorità dei prossimi mesi. Le 150 mila risposte arrivate hanno dato un quadro piuttosto interessante.

Anche perchè insieme alla richiesta delle priorità, Avaaz ha anche chiesto ad ognuno di suggerire il modo per affrontarle e risolverle. Ed arrivare ad un mondo sostenibile

mondo sostenibile

da FB di Avaaz

Le risposte sulle priorità

Ecco cosa ha chiesto chi ha risposto al sondaggio, rispetto a quello che Avaaz dovrebbe fare prima di tutto : il 54,94% vorrebbe che ci si occupasse della crisi climatica.  Il 33,43% ha chiesto di difendere i diritti umani; il  31,14% di proteggere la biodiversità e porre fine alla crisi dell’estinzione delle specie; il 27,82% di combattere la polarizzazione, l’estremismo e difendere la democrazia; ed infine il 25,56% vorrebbe che la priorità fosse combattere la povertà.

Bello. E come farlo? Per esempio contro la crisi climatica cosa bisognerebbe fare? 

Il 70,71% delle risposte sostiene che bisogna accelerare la rivoluzione dell’energia verde eliminando i sussidi multimiliardari ai combustibili fossili e monitorare la spesa pubblica perché sia in linea con i dettami della scienza sul clima. Mentre il 57,64% afferma che sarebbe importante conquistare leggi vincolanti e incisive sul clima, che obblighino i governi a rispettare i loro stessi impegni ambientali tramite la giustizia ordinaria.
Due anche le proposte più suggerite per la questione della biodiversità. La prima è sul solco del ricorso ad una legislazione più ferrea: dice infatti il 66,13% degli iscritti di Avaaz che ha risposto al sondaggio che
è necessario in primo luogo fare pressione su governi e istituzioni finanziarie, perché smettano di investire su progetti che distruggono la natura. Il 45,10% invece chiede di sostenere la protezione di metà del pianeta per la conservazione della natura promuovendo piani di ripresa economica, sociale ed ecologica che funzionino per le persone e per il pianeta.
mondo sostenibile

@piqsels.com

Ancora due questioni

Naturalmente nel sondaggio erano comprese anche domande sull’emergenza Covid che ovviamente in quanto emergenza si suppone che in un certo momento sarà superata. Ma altre due questioni sulle quali il popolo di Avaaz chiede di battersi immediatamente per un mondo sostenibile, sono l’uguaglianza di genere e la disinformazione.

Rispetto alla prima il 58.62% delle risposte vorrebbe rendere il 2021 l’anno in cui i governi si impegnino in un piano d’azione globale per proteggere le donne dalla violenza e finanziare gruppi che lavorino per sradicare la violenza di genere, mentre  il 56,68%  vorrebbe ottenere un impegno dai leader mondiali per porre fine ai matrimoni precoci entro il 2030 e finanziare gruppi in prima linea che lavorino per impedire che le bambine siano date in spose.

E poi, la domanda del sondaggio era “Come combattere la tempesta di disinformazione che minaccia le nostre società?”

Per il 63.43% degli “avaaziani” è imperativo condurre campagne incisive per ottenere nuove leggi e norme sui social media che proteggano le nostre democrazie e i diritti umani. Il 37.94% chiede di formare altre organizzazioni della società civile per proteggere la democrazia dalla disinformazione e dalle notizie false soprattutto nei periodi elettorali.

Questo progetto web utilizza la tecnologia 'cookies' per migliorare l'esperienza generale del Sito. I Cookies sono piccoli file testuali mantenuti sul proprio computer o dispositivo. Ci permettono di assicurarti la miglior esperienza di navigazione possibile e di capire come utilizzi il nostro sito. Questo messaggio di avviso ti viene proposto in base alle nuove normative sui diritti utenti nelle comunicazioni e servizi web, sui dati personali e la protezione della privacy. Privacy policy

Questo progetto web utilizza la tecnologia 'cookies' per migliorare l'esperienza generale del Sito. I Cookies sono piccoli file testuali mantenuti sul proprio computer o dispositivo. Ci permettono di assicurarti la miglior esperienza di navigazione possibile e di capire come utilizzi il nostro sito. Questo messaggio di avviso ti viene proposto in base alle nuove normative sui diritti utenti nelle comunicazioni e servizi web, sui dati personali e la protezione della privacy.

Chiudi Popup