Back

Turku: città modello nella riduzione dell’impronta di carbonio

Turku, in Finlandia, è all’avanguardia nella riduzione dell’impronta di carbonio, grazie alla sua adesione al progetto Race to Zero. Ecco di cosa si tratta.

“Il modo in cui produciamo e utilizziamo i prodotti e il modo in cui produciamo cibo genera quasi la metà delle emissioni nel nostro attuale sistema economico. Questo perché la produzione di beni e infrastrutture genera emissioni lungo tutta la catena produttiva”, ha affermato Minna Arve, sindaco di Turku, città finlandese che ha fatto propri con successo gli obiettivi per il clima del progetto Race to Zero.

Il progetto Race to Zero

Race to Zero è una campagna globale che riunisce attori non governativi impegnati a raggiungere l’obiettivo di portare a zero le emissioni nette di carbonio entro il 2050. La prima tappa è promuovere l’economia decarbonizzata in vista della Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (COP26) del 2021. In tale occasione è previsto che i governi  rafforzino i loro contributi all’accordo di Parigi.

I risultati della città di Turku

La città di Turku, in Finlandia, è una delle 449 città che hanno aderito a Race to Zero. Il suo piano per il clima vincola la città ad anticipare gli obiettivo di Race to Zero, definendo come limite massimo il 2029, anziché i 2050. La città ha già dimezzato le proprie emissioni rispetto ai livelli del 1990, grazie agli investimenti in energie rinnovabili, decarbonizzazione del teleriscaldamento e trasporti a basse emissioni di carbonio.

Tuttavia, l’impronta di carbonio del consumo individuale in Finlandia rimane particolarmente elevata. Secondo il rapporto 1.5 Degree Lifestyles di Sitra e IGES, i finlandesi emettono in media 10,4 CO2 tonnellate pro capite all’anno. Un’impronta che dovrebbe diventare dieci volte più piccola entro il 2050 per raggiungere gli obiettivi fissati dall’accordo di Parigi di limitare l’incremento del riscaldamento globale a 1.5°C.

Il ruolo centrale dell’economia circolare

Ed è proprio per affrontare al meglio questa sfida, che la città di Turku sta cercando di mobilitare gli attori locali a investire nell’economia circolare. “L’economia circolare è uno strumento efficiente per affrontare perché mira a rendere più efficiente la catena di fornitura”, ha affermato Minna Arve, sindaco di Turku. Aggiungendo poi che “Turku è la prima città che collega l’economia circolare al suo piano climatico per ridurre le emissioni di gas a effetto serra in modo sistematico, ampliando il suo intervento oltre i propri confini giurisdizionali”.

Tratto da Impakter.com.

Questo progetto web utilizza la tecnologia 'cookies' per migliorare l'esperienza generale del Sito. I Cookies sono piccoli file testuali mantenuti sul proprio computer o dispositivo. Ci permettono di assicurarti la miglior esperienza di navigazione possibile e di capire come utilizzi il nostro sito. Questo messaggio di avviso ti viene proposto in base alle nuove normative sui diritti utenti nelle comunicazioni e servizi web, sui dati personali e la protezione della privacy. Privacy policy

Questo progetto web utilizza la tecnologia 'cookies' per migliorare l'esperienza generale del Sito. I Cookies sono piccoli file testuali mantenuti sul proprio computer o dispositivo. Ci permettono di assicurarti la miglior esperienza di navigazione possibile e di capire come utilizzi il nostro sito. Questo messaggio di avviso ti viene proposto in base alle nuove normative sui diritti utenti nelle comunicazioni e servizi web, sui dati personali e la protezione della privacy.

Chiudi Popup