Back
tecnologie assistive

Tecnologie assistive

Tecnologie assistive: mai come in questo ultimo periodo c’è un boom di questo settore. Di cosa parliamo? Di tutte quelle tecnologie che comprendono dispositivi assistivi, adattivi e riabilitativi per le persone con disabilità, compreso il processo utilizzato nella selezione, individuazione e utilizzo di essi.

Nel mondo le persone con disabilità sono circa un miliardo, in Italia circa 3,1 milioni, il 5,2% della popolazione. “Le persone con disabilità includono quanti hanno minorazioni fisiche, mentali, intellettuali o sensoriali a lungo termine che in interazione con varie barriere possono impedire la loro piena ed effettiva partecipazione nella società su una base di eguaglianza con gli altri“: questa è la definizione dell’ICF ((International Classification of Functioning, Disability and Health), nella Convenzione ONU sui diritti delle persone con disabilità del 2006 (ratificata dall’Italia nel 2009).

L’obiettivo numero 3 dell’Agenda Onu 2030 e le tecnologie assistive

L’obiettivo numero 3 dell’Agenda Onu 2030 recita testualmente: “Garantire una vita sana e promuovere il benessere di tutti a tutte le età”. L’Organizzazione Mondiale della Proprietà Intellettuale, (WIPO)con sede a Ginevra, ha detto che le “tecnologie assistive” stanno trovando sempre più la loro strada nelle applicazioni di consumo di massa. Il risultato offre la possibilità di una maggiore autonomia per gli utenti nel negoziare il loro ambiente, il lavoro e la vita domestica.

Due miliardi di persone bisognose entro il 2030
Attualmente, una stima di un miliardo di persone nel mondo beneficia di una tecnologia assistiva. Questa cifra dovrebbe raddoppiare entro il 2030 con l’invecchiamento della popolazione“, ha detto Marco Aleman, Assistente Direttore Generale, Settore IP (Proprietà Intellettuale) e Ecosistema delle Innovazioni.

Oltre ai miglioramenti nei prodotti consolidati, tra cui sedili per sedie a rotelle o ruote che possono essere regolate per terreni difficili, allarmi ambientali e dispositivi abilitati al Braille, la WIPO ha detto che i dispositivi “assistivi emergenti” sono cresciuti tre volte più velocemente tra il 2013-2017, con un tasso di crescita medio annuo del 17 per cento.

Robot aiutanti
I prodotti in questo settore includono robot assistivi in casa e prodotti indossabili per ipovedenti e occhiali intelligenti, secondo il WIPO Technology Trends Report 2021: Assistive Technologies.

Altri prodotti emergenti che dovrebbero prendere piede includono ausili avanzati per la deambulazione come ausili per l’equilibrio e bastoni “intelligenti”, protesi avanzate – tra cui neuroprotesi, protesi intelligenti e stampate in 3D – e “tute esoscheletriche” indossabili per la parte inferiore e superiore del corpo, per aiutare nei lavori di sollevamento e migliorare la mobilità.

La tecnologia assistiva è venuta dalle applicazioni militari e ora vediamo sempre più applicazioni nella produzione e nell’industria, quindi aiuta le persone a migliorare la loro potenza, possono portare più peso, così che già vediamo“, rileva Irene Kitsara, Industrial Property Information Officer, IP and Innovations Ecosystem Sector alla WIPO.

Onde cerebrali
Entro il 2030, Kitsara sostiene che “sarà una realtà (vedere) più progressi nell’interfaccia cervello-macchina… che ci permettono di controllare diversi dispositivi: computer, telefoni cellulari“.

L’aiuto è anche molto più disponibile che in passato per le persone con difficoltà uditive, grazie ai recenti progressi tecnologici in “apparecchi acustici controllati dall’ambiente e dalla mente, con impianti cocleari che rappresentano quasi la metà dei brevetti depositati“. Le aree di maggiore crescita nell’udito sono i dispositivi non invasivi a conduzione ossea (31% di crescita annuale).

Ora vediamo sopra la testa – il contatore – apparecchi acustici, che sono approvati dalla FDA negli Stati Uniti, che è considerato un bene elettronico di consumo, ma può servire persone che non sono considerate con una limitazione funzionale come tale, ma che non beneficerebbero altrimenti di un apparecchio acustico“, ha detto Irene Kitsara.

Trasformazione intelligente
La stessa trasformazione di prodotti convenzionali in dispositivi “intelligenti” è destinata a raggiungere anche il settore della cura della salute personale, con innovazioni che includono “pannolini intelligenti e robot di assistenza all’alimentazione“, secondo la WIPO.

Possiamo usare le stesse applicazioni per la salute digitale e una salute migliore“, ha continuato Kitsara. “Come risultato di ciò possiamo vedere più prodotti, possiamo vedere una maggiore concorrenza, e qualcosa che era considerato un settore di nicchia e un prodotto specializzato con prezzi molto alti, inizia a scendere“.

Cina, Stati Uniti, Germania, Giappone e Repubblica di Corea sono i cinque principali paesi da dove arriva l’innovazione nella tecnologia assistiva, come mostrano i dati sui brevetti.

 

 

 

Questo progetto web utilizza la tecnologia 'cookies' per migliorare l'esperienza generale del Sito. I Cookies sono piccoli file testuali mantenuti sul proprio computer o dispositivo. Ci permettono di assicurarti la miglior esperienza di navigazione possibile e di capire come utilizzi il nostro sito. Questo messaggio di avviso ti viene proposto in base alle nuove normative sui diritti utenti nelle comunicazioni e servizi web, sui dati personali e la protezione della privacy. Privacy policy

Questo progetto web utilizza la tecnologia 'cookies' per migliorare l'esperienza generale del Sito. I Cookies sono piccoli file testuali mantenuti sul proprio computer o dispositivo. Ci permettono di assicurarti la miglior esperienza di navigazione possibile e di capire come utilizzi il nostro sito. Questo messaggio di avviso ti viene proposto in base alle nuove normative sui diritti utenti nelle comunicazioni e servizi web, sui dati personali e la protezione della privacy.

Chiudi Popup