Back

San Teodoro: i “tropici” in Gallura

San Teodoro e le sue spiagge da sogno. Affacciato sul Tirreno, ecco un angolo di Sardegna dove fare un turismo di qualità adatto per tutti i gusti. Un gioiello della Gallura selezionato dalla RAI per la trasmissione il Borgo dei Borghi.

I tropici in pieno Mare nostrum

Siamo nel nord est della Sardegna, sulla sponda tirrenica. Situato alle pendici del Monte Nieddu, a meno di mezzo chilometro dal mare, si trova il borgo di San Teodoro. Dal XVII è abitato da pastori e pescatori. Ma in una piccola frazione, denominata Naracheddu, si trova un nuraghe. Il che dimostrerebbe come questo sito sia stato abitato fin dalla preistoria. Intorno all’antico abitato si è sviluppato negli anni un fitto tessuto di unità abitative di prestigio e di lusso, molte delle quali godono di meravigliosi affacci sul Tirreno.

Un paradiso per bagnanti

Ed è proprio il mare il piatto forte di San Teodoro. Anzi, le sue le spiagge: Cala Brandinchi, Lu Impostu, Marina di Puntaldìa. E ancora Salina Bamba, Baia Salinedda, Cala Suaraccia. Una striscia interminabile di sabbia bianca, talmente fine che al tatto risulta quasi soffice.

I turisti che amano la vita da spiaggia possono alternare i bagni in un mare chiarissimo e brillante a lunghe passeggiate, durante le quali imbattersi in piccole baie nascoste e porticcioli caratteristici. Il tutto immergendosi in una natura che per colori e paesaggi rimanda più ai mari tropicali che non ai classici litorali mediterranei.

L’assalto estivo e il grande esodo di fine stagione

La speciale bellezza delle spiagge di San Teodoro è motivo di un vero e proprio assalto non appena inizia la stagione balneare. Tutti gli anni, i 5mila residenti vengono “circondati” da così tanti turisti che il numero di persone presenti arriva in pochi giorni a più di 12mila.

Si tratta di un’invasione assai redditizia e soprattutto ben gestita. Numerosi infatti sono i servizi che rendono San Teodoro un luogo dove fare turismo non è solo emozionante, ma anche assai confortevole. Vediamo qualche esempio.

Il segreto di San Teodoro: turismo di classe ma per tutti

Se i più sportivi possono sbizzarrirsi praticando windsurf, vela, diving, snorkeling e kayak, nei diversi centri acquatici del litorale, gli amanti della natura possono dedicarsi al birdwatching in un suggestivo scenario lagunare nei pressi della spiaggia “La Cinta”.

E proprio la Cinta rappresenta una sorta di nicchia per famiglie. Grazie ai suoi fondali bassi è infatti adatta per consentire di fare il bagno anche ai più piccoli. E se della famiglia fa parte anche qualche membro a quattro zampe, nessun problema. Presso la Doggie beach di Costa Caddu, c’è una spiaggia libera (con parcheggio gratuito) dove sono disponibili 25 postazioni per ospitare ciascuna due cani. Non manca neanche la movida. Numerosi infatti sono i locali notturni. Chiude il cerchio la vicinanza sia dell’ospedale Mater Olbia che dell’aeroporto Olbia-Costa Smeralda. Insomma, in piccolo angolo del Mediterraneo, i comfort di un grande centro e la bellezza onirica dei tropici. 

Questo progetto web utilizza la tecnologia 'cookies' per migliorare l'esperienza generale del Sito. I Cookies sono piccoli file testuali mantenuti sul proprio computer o dispositivo. Ci permettono di assicurarti la miglior esperienza di navigazione possibile e di capire come utilizzi il nostro sito. Questo messaggio di avviso ti viene proposto in base alle nuove normative sui diritti utenti nelle comunicazioni e servizi web, sui dati personali e la protezione della privacy. Privacy policy

Questo progetto web utilizza la tecnologia 'cookies' per migliorare l'esperienza generale del Sito.I Cookies sono piccoli file testuali mantenuti sul proprio computer o dispositivo. Ci permettono di assicurarti la miglior esperienza di navigazione possibile e di capire come utilizzi il nostro sito.Questo messaggio di avviso ti viene proposto in base alle nuove normative sui diritti utenti nelle comunicazioni e servizi web, sui dati personali e la protezione della privacy.

Chiudi Popup