Back

Roscigno Vecchia, il Cilento “abbandonato”

Roscigno Vecchia è un borgo fantasma immerso nel Parco Nazionale del Cilento. Ha un solo abitante ma è una “star” gettonata da registi e dal National Geographic.

Un borgo rurale risalente all’XI secolo

Roscigno Vecchia si trova nella provincia salernitana, nel Parco Nazionale del Cilento. È un antico borgo rurale abbandonato. Anche se non del tutto. Conta infatti un abitante, il signor Giuseppe Spagnuolo, che spesso fa da Cicerone ai molti visitatori incantati dalla bellezza del sito. Le sue origini risalgono all’XI secolo. Venne costruito su una collina per proteggere dalle minacce provenienti dal mare. Il terreno franoso su cui si trova ha spesso provocato smottamenti, che col tempo hanno spinto gli abitanti ad abbandonare l’abitato. E sebbene le prime partenze sono iniziate addirittura nel XVI secolo, come in tanti altri casi è stato il XX secolo, col richiamo dei centri urbani più grandi, a dare il colpo di grazia. Molti abitanti sono scesi alla pendici della collina, facendo sorgere un nuovo borgo, che oggi porta il nome di Roscigno Nuova.

La fragile bellezza del passato

Le tipiche case in pietra e i vicoli si raccolgono intorno alla piazza centrale, dove si trovano i resti della chiesa. Gli edifici diroccati, la fontana circolare in pietra e un abbeveratoio  raccontano un passato rurale. Ma i residui di vecchie insegne, parlano anche di un modesto commercio di sussistenza. Un misto di pace e desolazione coglie il visitatore. Tutto appare sul punto di crollare. I rovi hanno invaso molti edifici pericolanti, che risultano del tutto inaccessibili. Singolare caratteristica e tratto distintivo di antichità, sono gli agglomerati delle abitazioni, organizzati secondo il mestiere praticato dagli abitanti. Come segno di differenziazione venivano usati portali in pietra, balconi e decorazioni, specifiche per ogni agglomerato.

 Unesco, National Geographic e registi. Tutti innamorati di Roscigno Vecchia

Per la sua particolare conformazione e la suggestione che suscita in chi lo visita, il borgo Roscigno Vecchia è stato inserito fra i siti patrimonio dell’Unesco. Inoltre, a suo modo un star. Infatti, molti registi lo hanno scelto come set. Ad esempio Sergio Staino per “Cavalli si nasce”, Alessandro Valori per “Radio West” e Mario Martone per “Noi credevamo”. Ma non è finita. La bellezza di questo fantasma del Cilento ha conquistato nientemeno che il National Geografic. E così Roscigno Vecchia ha potuto avvalersi di una platea internazionale.

Questo progetto web utilizza la tecnologia 'cookies' per migliorare l'esperienza generale del Sito. I Cookies sono piccoli file testuali mantenuti sul proprio computer o dispositivo. Ci permettono di assicurarti la miglior esperienza di navigazione possibile e di capire come utilizzi il nostro sito. Questo messaggio di avviso ti viene proposto in base alle nuove normative sui diritti utenti nelle comunicazioni e servizi web, sui dati personali e la protezione della privacy. Privacy policy

Questo progetto web utilizza la tecnologia 'cookies' per migliorare l'esperienza generale del Sito. I Cookies sono piccoli file testuali mantenuti sul proprio computer o dispositivo. Ci permettono di assicurarti la miglior esperienza di navigazione possibile e di capire come utilizzi il nostro sito. Questo messaggio di avviso ti viene proposto in base alle nuove normative sui diritti utenti nelle comunicazioni e servizi web, sui dati personali e la protezione della privacy.

Chiudi Popup