Back

Con la tecnologia Hyperloop spariscono le distanze

Immaginate se il tempo e la distanza non fossero un limite, con la tecnologia hyperloop le distanze diverrebbero minime. Vorrebbe dire poter viaggiare da Abu Dhabi a Ryiadh (circa 770 chilometri) in 48 minuti, o da Dubai ad Abu Dhabi in 12 minuti.

Il concetto espresso è la sintesi di un’intervista di Harj Dhaliwal, direttore generale di Virgin Hyperloop One per il Medio Oriente e l’India. Che sta lavorando a quelli che sembrano gli ultimi dettagli di una vera e propria rivoluzione nel trasporto di persone e merci: tecnologia hyperloop che punta a sfruttare la levitazione magnetica per far viaggiare capsule a velocità fino a 300 metri al secondo. Per dirla in termini Europei: da Roma a Milano in 35/40 minuti; da Roma a Berlino in 2 ore e qualcosa e vediamo perché.

Ad Euronews, Dhaliwal parla della tecnologia in questione:” La tecnologia hyperloop è un’affascinante unione di ingegneria spaziale, aerospaziale e ferroviaria ad alta velocità. Abbiamo un tubo da cui estraiamo l’aria, che fa sì che sia come se si volasse nello spazio. All’interno di quest’ambiente collochiamo un veicolo che chiamiamo pod. Questo pod viene sollevato usando la levitazione elettromagnetica, poi viene spinto in avanti usando motori a induzione lineare. Questo ci permette di raggiungere velocità estremamente elevate in un ambiente protetto.

Immaginate se il tempo e la distanza non fossero un limite. Abbiamo dimostrato che questa tecnologia funziona. La velocità che abbiamo raggiunto in mezzo chilometro è di poco inferiore ai 400 chilometri all’ora.Non abbiamo alcun dubbio che sia possibile raggiungere la velocità teorica di 1.100 chilometri all’ora. E sicuramente entro la fine del 2027 ci saranno persone che si sposteranno grazie a questa tecnologia.

Immaginate di salire nella vostra auto a guida autonoma. Quest’auto entrerebbe in un pod hyperloop. Il pod vi porterebbe migliaia di chilometri più in là. Il vostro veicolo poi si sposterebbe da solo verso la vostra destinazione. Sarebbe il viaggio definitivo, senza soluzione di continuità. Ed è quello che ci aspettiamo accada fra 10, forse 15 anni. Immaginate se il tempo dalla produzione alla consegna, invece di essere settimane come nelle spedizioni tradizionali, fosse ridotto a poche ore. Penso che l’impatto probabilmente sarà paragonabile a quello dell’invenzione dell’aereo nel 1904. Direi che la corsa è cominciata”.

Fin qui tutto talmente bello che l’attesa per il 2027 come dice Dhaliwal assume contorni di frenesia. Ma c’è qualche controindicazione?

Partiamo dai vantaggi. Oltre la velocità l’altro aspetto primario è quello economico perché realizzare una linea di questo tipo ha costi simili a quelli di un’autostrada. Cioè circa un terzo di una tradizionale linea ferroviaria ad alta velocità. I costi di esercizio sarebbero molto contenuti perché la tecnologia hyperloop utilizza solo energie rinnovabili.

La sicurezza : da un lato avere delle capsule che viaggiano all’interno di tracciati fissi e pilotate da sistemi informatici assicura l’assenza di problemi tipo collisioni, errori umani e condizioni atmosferiche avverse. Dall’altro lato però i tracciati stessi potrebbero essere poco sicuri : per esempio i tunnel potrebbero essere un problema al momento del recupero dei passeggeri se una capsula dovesse guastarsi. E tanti chilometri di tubi sospesi  – il percorso –  potrebbero attirare l’attenzione di terroristi o criminali comuni in cerca di notorietà.

Concept di tracciato Hyperloop dell’olandese Hardt

Sono state studiate soluzioni con piloni in cemento ad alta performance con armatura in fibra di carbonio in grado di sostenere sollecitazioni impressionanti in caso di terremoti.

Il comfort a bordo sarà offerto dai migliori sistemi di intrattenimento e di design, anche se le capsule non saranno probabilmente dotate di finestrini e non sarà possibile alzarsi dal proprio sedile. Un problema per chi avesse necessità dei servizi igienici o di cure mediche urgenti?.

L’impatto sul paesaggio potrebbe in realtà essere l’unico vero grande ostacolo allo sviluppo di questo progetto. Le linee della tecnolgia Hyperloop possono essere sotto terra o sospese su piloni, in base al territorio e non tutti amano queste soluzioni così come non tutti amano che si scavi nella roccia per certi progetti. Una linea Hyperloop vista  l’altissima velocità, dovrebbe procedere dritta con poche lunghe curve quindi per esempio sul territorio italiano molto vario, sarebbe difficile – ma non impossibile da realizzare.

Questo progetto web utilizza la tecnologia 'cookies' per migliorare l'esperienza generale del Sito. I Cookies sono piccoli file testuali mantenuti sul proprio computer o dispositivo. Ci permettono di assicurarti la miglior esperienza di navigazione possibile e di capire come utilizzi il nostro sito. Questo messaggio di avviso ti viene proposto in base alle nuove normative sui diritti utenti nelle comunicazioni e servizi web, sui dati personali e la protezione della privacy. Privacy policy

Questo progetto web utilizza la tecnologia 'cookies' per migliorare l'esperienza generale del Sito.I Cookies sono piccoli file testuali mantenuti sul proprio computer o dispositivo. Ci permettono di assicurarti la miglior esperienza di navigazione possibile e di capire come utilizzi il nostro sito.Questo messaggio di avviso ti viene proposto in base alle nuove normative sui diritti utenti nelle comunicazioni e servizi web, sui dati personali e la protezione della privacy.

Chiudi Popup