Back
Co2

Ridurre la Co2 farà costare di più il cibo?

Ridurre la Co2 farà costare di più il cibo? Potrebbe essere. Lo mette in conto – è proprio il caso di scrivere così – una ricerca condotta dalla rivista Nature.com – un’autorità in materia di sviluppo sostenibile, ambiente ed economia verde – che ha analizzato l’uso delle macchine e delle tecnologie necessarie per la riduzione dell’anidride carbonica.

Sulla scia dell’accordo sul clima firmato a Parigi nel 2015, i ricercatori hanno cercato di capire cosa significherebbe in pratica mantenere il mondo sotto la soglia di temperatura di 1,5C.

Il Gruppo Intergovernativo sui Cambiamenti Climatici (IPCC) ha riferito in merito a questa domanda nel 2018, e ha rilevato che per mantenere il mondo al di sotto di questo aumento di temperatura sarebbe necessario che il mondo raggiungesse lo zero netto di emissioni entro il 2050, ma avrebbe anche bisogno della rimozione e dello stoccaggio di grandi quantità di anidride carbonica dall’atmosfera.

Co2

Ridurre la Co2 farà costare di più il cibo? – License: Free for personal & commercial use

Cosa dice la ricerca di Nature.com

Gli scienziati  che hanno partecipato alla ricerca dicono che saranno necessarie macchine che rimuovano la CO2 dall’aria per tenere sotto controllo l’aumento delle temperature globali. Ma questi dispositivi avranno un impatto importante sull’energia, l’acqua e l’uso del suolo. Entro il 2050, secondo questo nuovo rapporto, i prezzi delle colture alimentari potrebbero aumentare di più di cinque volte in alcune parti del mondo.

Una delle idee su come raggiungere questo obiettivo si chiama BECCSbioenergia con cattura e stoccaggio del carbonio. Significa coltivare colture che assorbono CO2 e poi bruciarle per l’elettricità, catturando e seppellendo il carbonio prodotto.

I critici dicono che questa idea richiederebbe lo spiegamento di enormi quantità di terra che ridurrebbero la quantità di terra per l’agricoltura in un momento di aumento della popolazione globale.

Un’altra tecnologia che ha suscitato molto interesse è chiamata Direct Air Capture (DAC), dove le macchine estraggono la CO2 direttamente dall’atmosfera. Diverse installazioni sperimentali di questa idea sono state realizzate con successo, in particolare in Svizzera e in Canada.

Co2

Ridurre la Co2 farà costare di più il cibo? – License: Free for personal & commercial use

I possibili rialzi dei prezzi degli alimentari

Questo nuovo studio esamina la diffusione su larga scala di una serie di tecnologie per le emissioni negative, tra cui il DAC perchè finora ci sono state poche ricerche su come l’impiego del DAC avrebbe avuto un impatto sui prezzi dei raccolti e dei prodotti alimentari

Il rapporto afferma che le risorse energetiche e idriche necessarie per azionare queste macchine saranno su larga scala. Il DAC avrà bisogno di grandi quantità di calore per far funzionare il processo, dicono gli autori. Ciò richiederebbe energia pari al 115% dell’attuale consumo globale di gas naturale.

I paesi più poveri vedranno i peggiori impatti sui prezzi dei prodotti alimentari Anche l’acqua per il DAC ha un costo significativo entro il 2050, con le macchine che utilizzano il 35% dell’acqua attualmente utilizzata nella produzione globale di energia elettrica. E mentre il DAC riduce la quantità di terra necessaria, ci sarà ancora bisogno di quantità significative di colture energetiche e di nuove foreste.

Voglio chiarire che non stiamo in alcun modo cercando di gettare acqua fredda sugli sforzi per cercare di sviluppare il DAC“, dice il dottor Andres Clarens dell’Università della Virginia, che ha condotto lo studio a BBC News.

Secondo il rapporto, con l’uso diffuso del DAC, molte parti del mondo vedranno un sostanziale aumento dei prezzi del mais, del grano e del riso. Le aree più colpite sarebbero quelle dell’Africa subsahariana, che potrebbero vedere i prezzi aumentare del 5-600% entro il 2050. L’India, il Pakistan e molti altri Paesi dell’Asia potrebbero vedere aumenti da tre a cinque volte superiori, mentre l’Europa e il Sud America potrebbero vedere i prezzi raddoppiare o triplicare.

Co2

Ridurre la Co2 farà costare di più il cibo? – License: Free for personal & commercial use

Le obiezioni al rapporto

Alcune persone coinvolte nel DAC respingono le conclusioni del rapporto, dicendo che gli autori hanno erroneamente ipotizzato che tutti i sistemi di cattura dell’aria sono uguali.

Vorremmo sottolineare che il documento analizzava solo la tecnologia di cattura diretta dell’aria a sorbente liquido, mentre Climeworks ha sviluppato una tecnologia a sorbente solido che non si basa sulla combustione di gas naturale o ha bisogno di acqua dolce per rimuovere l’anidride carbonica dall’aria“, ha detto Christoph Beuttler di Climeworks. “Siamo convinti che se il documento avesse fatto questa distinzione i potenziali di cattura diretta dell’aria riportati potrebbero essere significativamente più alti e i rischi più bassi“.

Penso che le emissioni negative saranno importanti. Penso che il DAC in particolare sarà importante. Ma credo che non possa essere il nostro primo ordine del giorno. Dobbiamo abbandonare i combustibili fossili il prima possibile” è la conclusione di Andres Clarens nell’intervista citata.

Nonostante le domande sui metodi, tutti coloro che sono coinvolti in emissioni negative concordano sul fatto che più tempo ci vuole per implementare queste tecnologie, maggiore è l’impatto sul cibo, l’energia e l’acqua. Gli sforzi a breve termine per la decarbonizzazione, in particolare nei trasporti e nella produzione di energia, allevieranno alcune delle difficoltà legate alle emissioni negative.

 

 

 

Questo progetto web utilizza la tecnologia 'cookies' per migliorare l'esperienza generale del Sito. I Cookies sono piccoli file testuali mantenuti sul proprio computer o dispositivo. Ci permettono di assicurarti la miglior esperienza di navigazione possibile e di capire come utilizzi il nostro sito. Questo messaggio di avviso ti viene proposto in base alle nuove normative sui diritti utenti nelle comunicazioni e servizi web, sui dati personali e la protezione della privacy. Privacy policy

Questo progetto web utilizza la tecnologia 'cookies' per migliorare l'esperienza generale del Sito. I Cookies sono piccoli file testuali mantenuti sul proprio computer o dispositivo. Ci permettono di assicurarti la miglior esperienza di navigazione possibile e di capire come utilizzi il nostro sito. Questo messaggio di avviso ti viene proposto in base alle nuove normative sui diritti utenti nelle comunicazioni e servizi web, sui dati personali e la protezione della privacy.

Chiudi Popup