Back

Rapolano Terme, da Roma Antica ai giorni nostri

Rapolano Terme, un piccolo borgo immerso nella bellezza lunare delle Crete Senesi, tra Firenze e Siena. Un tuffo nella meravigliosa campagna toscana, tra arte, cibo e storia.

La bellezza “abita” tra Firenze e Siena

Firenze e Siena, due delle città italiane più amate e conosciute al mondo, sono separate da una campagna che oramai non è meno famosa e meno frequentata dal turismo internazionale. Ma a differenza dei suddetti capoluoghi di provincia, questo fazzoletto di terra rappresenta una meta che per tipologia sta agli antipodi. Costellata da un’infinità di borghi e piccoli centri, in questa area della Toscana centrale il visitatore può trovarvi tutto quello che serve per fare del turismo lento e sostenibile. Sia in termini di offerta turistica che in quelli di qualità. “La campagna toscana è come il vino che vi si produce, pensato per essere assaporato piuttosto che deglutito”. Ci sono innumerevoli luoghi da esplorare, ognuno con qualcosa di meraviglioso o delizioso da scoprire.  Castelli da favola, tesori artistici, panorami da cartolina, avventure all’aria aperta e vigneti in abbondanza. Insomma, arte come nei centri più grandi, ma anche e soprattutto bellezza paesaggistica e massima qualità enogastronomica. Oggi Impakter Italia vi accompagna in una delle piccole perle di questo paradiso in terra: Rapolano Terme.

Il borgo

Il bellissimo borgo di Rapolano Terme si trova al confine tra la Val di Chiana e il Chianti. Conta poco più di 4mila abitanti. Rappresenta una tappa obbligatoria per chi vuole respirare l’atmosfera delle magnifiche e lunari Crete Senesi. Storicamente, Rapolano fu una proprietà dei Conti Scialenghi, e almeno fin dal XII secolo era sotto la protezione di Siena.

L’appartenenza alla città di Siena fu causa di numerose incursioni e distruzioni da parte dei nemici di Siena, Arezzo in primis. L’epilogo drammatico di questi attacchi da più parti fu la completa distruzione del castello di Rapolano e del castello di Armaiolo, ad opera di spagnoli e fiorentini (1554). Da allora Rapolano visse principalmente grazie alle sue cave di travertino e alle sue sorgenti termali calde che furono visitate anche dal nostro eroe nazionale, Giuseppe Garibaldi, per curare le ferite riportate in Aspromonte.

Foto: Davide Mauro

Le terme, il ristoro degli Antichi Romani e dei turisti internazionali di oggi

Le terme hanno poi avuto uno sviluppo centrale nella storia del borgo, tanto da rappresentare attualmente la principale attività turistica della zona. Sono passati circa venti secoli da quando gli Antichi Romani benestanti venivano a rilassarsi presso queste sorgenti termali, rendendole famose già in antichità. Questa parte di Toscana rappresenta infatti una delle colonne portanti della prima romanizzazione della penisola.

La Toscana centro meridionale costituisce quello zoccolo della Res Publica  fuori dalle mura, sempre rimasto fedele e unito simbioticamente all’Urbe, anche nelle (poche) situazioni in cui l’unità dello stato federale romano ha vacillato, come durante la guerra annibalica. Dunque, da Roma Antica al Terzo Millennio dopo Cristo. Niente male per un piccolo borgo!

Foto in copertina di LigaDue

 

Questo progetto web utilizza la tecnologia 'cookies' per migliorare l'esperienza generale del Sito. I Cookies sono piccoli file testuali mantenuti sul proprio computer o dispositivo. Ci permettono di assicurarti la miglior esperienza di navigazione possibile e di capire come utilizzi il nostro sito. Questo messaggio di avviso ti viene proposto in base alle nuove normative sui diritti utenti nelle comunicazioni e servizi web, sui dati personali e la protezione della privacy. Privacy policy

Questo progetto web utilizza la tecnologia 'cookies' per migliorare l'esperienza generale del Sito. I Cookies sono piccoli file testuali mantenuti sul proprio computer o dispositivo. Ci permettono di assicurarti la miglior esperienza di navigazione possibile e di capire come utilizzi il nostro sito. Questo messaggio di avviso ti viene proposto in base alle nuove normative sui diritti utenti nelle comunicazioni e servizi web, sui dati personali e la protezione della privacy.

Chiudi Popup