Back

Quanto ci inquina quello che indossiamo ?

“Quante sostanze chiniche contengono gli indumenti che indosso ogni giorno? E che farò indossare a mio figlio?” Parola più, parola meno è questa la domanda che Kat Quigley, americana di Los Angeles, si è posta quando è rimasta incinta del suo primo figlio.  Dal cotone trattato con pesticidi ai coloranti azoici tossici per il colore, ad ogni passo della lavorazione si aggiunge un nuovo prodotto chimico nel mix. Quello che indossiamo sul nostro corpo, finisce nel nostro corpo, quindi perché non prendiamo le precauzioni necessarie quando si tratta dei nostri vestiti? Meglio ancora, perché non scegliere un abbigliamento che sia effettivamente benefico per il nostro corpo? Con queste idee in testa nel 2016 la Quigley nel 2016 ha fondato Suistain che in breve tempo è diventato uno dei brand più conosciuti ed affidabili nella produzione di magliette sostenibili, sciarpe, intimo, ed abbigliamento per bambini. Sostenibile.

L’abbigliamento di Sustain è completamente naturale, dalle fibre organiche che compongono il filo e il tessuto, ai coloranti vegetali naturali che colorano i vestiti. Ci’è grande attenzione in ogni dettaglio per assicurarsi che le uniche cose che toccano la pelle siano puramente naturali.

Magliette sostenibili by Kat Quigley (a sinistra)

Il cotone che utilizza Suistain è 100% organico, dal tessuto, alle etichette, al filo utilizzato per cucire il tutto. Ciò significa che ogni fase, dalla coltivazione del cotone, alla trasformazione del cotone in tessuto e filo, è priva di pesticidi, candeggine di cloro nocivo e altre sostanze chimiche tossiche.

Proprio come il cotone anche il  lino è al 100% naturale e organico. Il lino naturale è fatto da piante di lino, da cui provengono gli stessi semi di lino super nutrienti. Solo coloranti naturali sicuri e sani.

Invece di usare coloranti a base di petrolio usati su abiti convenzionali (e anche usati su altri abiti biologici certificati), usano coloranti naturali. Ecco alcune delle piante utilizzate per i coloranti:

Le bucce di melograno sono ricche di vitamine e antiossidanti, anche più dei succosi semi di melograno. Le bucce sono antinfiammatorie, antimicrobiche e sono costantemente utilizzate nei prodotti di bellezza per mantenere la pelle sana.

La quercia ha proprietà antisettiche e antinfiammatorie naturali che aiutano a ridurre le irritazioni della pelle.

Il rabarbaro è ricco di vitamine A, C, E e K e di vari minerali che fanno bene. Poiché il rabarbaro è ricco di antiossidanti (come la vitamina A), è stato utilizzato nei prodotti per la cura della pelle per l’anti-invecchiamento. Il rabarbaro è anche antimicrobico ed è stato usato per combattere le infezioni della pelle.

Piante per creare e colorare gli indumenti Suisain : rabarbaro

I frutti essiccati degli alberi di mirobalano utilizzati per la tintura sono comunemente usati nella medicina ayurvedica e tradizionale tibetana. Poiché il mirobalano è molto ricco di antiossidanti, è stato usato per proteggere da varie malattie legate all’età e al cuore.

La radice di Madder è uno dei più antichi coloranti naturali, noto per la sua capacità di produrre bellissimi rossi. È stata usata per migliaia di anni, almeno dall’antico Egitto (sono stati trovati anche tessuti tinti con questa sostanza accanto ai possedimenti di re Tut).

Piante per creare e colorare gli indumenti Suisain: melograno

Il fusticwood è un comune colorante naturale noto per la sua capacità di produrre gialli forti e vibranti. Il fusticwood è stato utilizzato per centinaia di anni ed è stato uno dei principali coloranti utilizzati per tingere le uniformi durante la prima guerra mondiale.La tintura del legno di tronco viene estratta dal durame degli alberi di tronco e rende i colori viola belli e audaci. Viene utilizzata in Europa sin dal 1500 e dai Maya per centinaia di anni prima.

L’indaco è probabilmente il più noto dei coloranti naturali. L’indaco è stato usato per migliaia di anni (risalente al 2000-3000 a.C.) per la sua capacità di produrre blues forti e belli. Nel 1800, l’indaco naturale è stato quasi completamente sostituito dall’indaco sintetico, che deriva dalla nota tossina anilina (una sostanza chimica che è stata usata per produrre carburante per razzi).

Piante per creare e colorare gli indumenti Suisain : indaco

 

Questo progetto web utilizza la tecnologia 'cookies' per migliorare l'esperienza generale del Sito. I Cookies sono piccoli file testuali mantenuti sul proprio computer o dispositivo. Ci permettono di assicurarti la miglior esperienza di navigazione possibile e di capire come utilizzi il nostro sito. Questo messaggio di avviso ti viene proposto in base alle nuove normative sui diritti utenti nelle comunicazioni e servizi web, sui dati personali e la protezione della privacy. Privacy policy

Questo progetto web utilizza la tecnologia 'cookies' per migliorare l'esperienza generale del Sito. I Cookies sono piccoli file testuali mantenuti sul proprio computer o dispositivo. Ci permettono di assicurarti la miglior esperienza di navigazione possibile e di capire come utilizzi il nostro sito. Questo messaggio di avviso ti viene proposto in base alle nuove normative sui diritti utenti nelle comunicazioni e servizi web, sui dati personali e la protezione della privacy.

Chiudi Popup