Back
Vaccino Covid programma Covax

Programma Covax: la sfida globale contro il Covid

Una vaccinazione di massa, globale, per sconfiggere la pandemia di Covid-19. Con lo scopo di far arrivare i vaccini anche ai Paesi più poveri, quelle aree più remote del pianeta. Nel segno della condivisione, perché lo sviluppo sostenibile passa anche per questi aspetti. È il senso del programma Covax, lanciato dalle Nazioni Unite, e che vede in prima linea anche l’Italia. Il presidente del Consiglio, Mario Draghi, ha infatti ricordato che saranno messe a disposizione 15 milioni di dosi a cui si somma un investimento di 300 milioni di euro. Uno sforzo importante, mentre il Paese sta portando avanti la campagna di immunizzazione. E anche dall’Unione europea è arrivata una promessa. La presidente della Commissione, Ursula von der Leyen, ha annuciato la donazione di 100 milioni di dosi entro fine anno.

Cos’è il programma Covax

Ma cos’è nel dettaglio il progetto Covax? È una partnership di cui fanno parte Gavi, l’Alleanza Vaccini, l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), l’Unicef e la Coalition for Epidemic Preparedness Innovations (CEPI). L’alleanza si prefigge l’obiettivo di “rendere disponibili due miliardi di dosi di vaccini anti-Covid-19 ai Paesi che vi partecipano entro la fine del 2021, comprese almeno 1,3 miliardi di dosi per le economie a basso reddito”, riferisce nello specifico il sito del Centro regionale di informazioni delle Nazioni Unite (Unric). E quest’alleanza di organizzazioni permette di condividere competenze ed esperienze per creare una rete unica di distribuzione del vaccino. “I partner stanno lavorando duramente al fianco di produttori e altri collaboratori per contrastare il nazionalismo vaccinale e per garantire a tutti un vaccino contro il Covid-19”, rimarca l’Unric.

Uno dei punti in agenda riguarda ovviamente le risorse. Secondo le stime, infatti, sono necessari 2 miliardi di dollari aggiuntive per garantire a 92 Paesi, quelli più poveri, il pagamento di beni di prima necessità come i frigoriferi. Ma i fondi sono impiegati anche per la formazione del personale sanitario, le spese per gli addetti alle vaccinazioni e il carburante per le consegne tramite camion refrigerati. 

La sfida globale

La sfida è notevole. Ci sono tanti problemi da affrontare, in primis l’esportazione dei vaccini ma anche dei materiali necessari, come le siringhe, per la somministrazione. “L’Oms sostiene i Paesi che cercano di acquisire e sostenere le tecnologie e le competenze per la produzione dei vaccini attraverso iniziative come la Developing Countries Vaccine Manufacturers Network”, spiega Diane Abad-Vergara, Responsabile delle Comunicazioni Covac. “Inoltre – aggiunge – li aiuta a costruire delle basi di produzione supplementari, soprattutto in Africa, in Asia e in America Latina, che saranno essenziali per soddisfare la domanda continua di dosi per i richiami e i futuri vaccini contro il Covid-19”. E Abad-Vergara conclude: “Un’espansione della produzione a livello globale renderebbe i Paesi più poveri meno dipendenti dalle donazioni dei Paesi più ricchi”. 

Una delle strategie, quindi, porta alla maggiore condivisione delle dosi, ma soprattutto collaborare per garantire una buona gestione a chi le riceve. “Il Ghana, primo paese a ricevere le dosi Covax, ha saputo gestire al meglio la loro distribuzione”, sottolinea Gian Gandhi, Coordinatore Globale Covax dell’Unicef. “Mentre altri Paesi – spiega – come quelli situati nell’Africa Occidentale Francofona, hanno avuto difficoltà nel raccogliere le risorse necessarie per suddividere le dosi e distribuirle su tutto il territorio, nelle città e nei Paesi dove sono necessarie. Ciò significa che, in molti Paesi poveri, la maggior parte delle dosi vengono distribuite nei grandi centri urbani”.

Questo progetto web utilizza la tecnologia 'cookies' per migliorare l'esperienza generale del Sito. I Cookies sono piccoli file testuali mantenuti sul proprio computer o dispositivo. Ci permettono di assicurarti la miglior esperienza di navigazione possibile e di capire come utilizzi il nostro sito. Questo messaggio di avviso ti viene proposto in base alle nuove normative sui diritti utenti nelle comunicazioni e servizi web, sui dati personali e la protezione della privacy. Privacy policy

Questo progetto web utilizza la tecnologia 'cookies' per migliorare l'esperienza generale del Sito. I Cookies sono piccoli file testuali mantenuti sul proprio computer o dispositivo. Ci permettono di assicurarti la miglior esperienza di navigazione possibile e di capire come utilizzi il nostro sito. Questo messaggio di avviso ti viene proposto in base alle nuove normative sui diritti utenti nelle comunicazioni e servizi web, sui dati personali e la protezione della privacy.

Chiudi Popup