Back

Plastiche: nomi, sigle, utilizzi e riutilizzi

Le plastiche sono tante, lo dimostrano i loro nomi le loro sigle, gli utilizzi diversi ed i diversi riutlizzi che se ne possono fare.Informazioni di base che ci servono per sapere con cosa abbiamo a che fare ed a non creare solo quell’immagine del “mostro” che abbiamo di questo materiale che ci ha cambiato e ci cambia la vita ogni giorno, in molti casi, favorendola: negli ultimi 20 anni l’uso della plastica nelle automobili è aumentato del 114% e si stima che, senza questo materiale, le auto peserebbero 200 kg in più

Prima di tutto cosa sono le plastiche?

Macromolecole dette “polimeri” a loro volta costituite da catene di molecole più piccole, dette invece “monomeri”.

I diversi tipi di plastica si diversificano tra loro per l’aspetto e l’uso finale, ma in comune hanno alcune caratteristiche facilmente riconoscibili: sono leggere, lavabili, economiche, facilmente malleabili una volta riscaldate, riproducibili in serie e particolarmente funzionali per la conservazione dei cibi. Ahinoi molti oggetti di plastica finiscono dove non dovrebbero, abbandonati dalle mani “distratte” dell’uomo…

Risultati immagini per plastiche

Plastiche: un polimero

Quali sono le materie plastiche con le quali entriamo in contatto sul mercato dei prodotti di consumo?

  • il PE (polietilene): usato per la produzione di sacchetti, cassette, nastri adesivi, bottiglie, sacchi per la spazzatura, tubi, giocattoli, etc.
  • il PP (polipropilene): utilizzato per la produzione di oggetti per l’arredamento, contenitori per alimenti, flaconi per detersivi e prodotti per l’igiene personale, moquettes, mobili da giardino, etc.
  • il PVC (cloruro di polivinile): impiegato per la produzione di vaschette per le uova, tubazioni e pellicole isolanti tanto che lo si trova anche tra i muri di casa, nelle porte, nelle finestre o nelle piastrelle per le carte di credito
  • il PET (polietilentereftalato): utilizzato soprattutto per le bottiglie di bibite e di acqua minerale, ma anche per la produzione di fibre sintetiche
  • il PS  ( polistirolo): usato per produrre vaschette per alimenti, posate, piatti, tappi, etc.
Risultati immagini per plastiche

Plastiche: come e cosa riciclare

Quali sono i rifiuti di plastica che possiamo, anzi dobbiamo, riciclare?

–  Tutti i contenitori che recano le sigle PE, PET e PVC

–  Contenitori per liquidi

–  Bottiglie per bevande

–  Flaconi per prodotti per l’igiene personale e pulizia per la casa

–  Shampoo, Bagnoschiuma

–  Detersivi

–  Vaschette per l’asporto di cibi

–  Confezioni per alimenti

–  Polistirolo espanso degli imballaggi e simili

–  Borse di nylon

–  Plastica in pellicola

Cosa anche se di plastica non va riciclato nel cassonetto della plastica?

Tutti i contenitori che non hanno le sigle PE, PET e PVC, quelli che hanno residui di materiali organici (es.: cibi) o di sostanze pericolose (vernici, colle, etc.), giocattoli, custodie per cd, musicassette e videocassette, piatti, bicchieri e posate in plastica, tubi di dentifricio, bottiglie di olio, rifiuti ospedalieri (es.: siringhe, sacche per il plasma, contenitori per liquidi fisiologici e per emodialisi), beni durevoli di plastica (es.: articoli di casalinghi, elettrodomestici, completi per l’arredo, etc.), articoli per l’edilizia, grucce per appendiabiti.

La raccolta differenziata della plastica è importante perchè una delle caratteristiche di questo materiale è la sua lenta degradabilità. I contenitori in polietilene o in cloruro di polivinile abbandonati nell’ambiente impiegano dai 100 ai 1000 anni per essere degradati, mentre per oggetti apparentemente più inconsistenti, come le carte telefoniche ed i sacchetti, il tempo necessario è almeno 1000 anni.

Smaltire la plastica si può fare il riciclaggio meccanico prevede la trasformazione da materia a materia: la plastica non più utilizzata diventa il punto di partenza per nuovi prodotti. Questa tecnica consiste essenzialmente nella rilavorazione termica o meccanica dei rifiuti plastici.

C’è la tecnica del riciclaggio chimico che prevede il ritorno alla materia prima di base attraverso la trasformazione delle plastiche usate in monomeri di pari qualità di quelli vergini, da utilizzare nuovamente nella produzione. In pratica, i polimeri delle diverse plastiche vengono scomposti nei rispettivi monomeri, attraverso una “produzione al contrario”.

Infine la plastica non raccolta o non riciclata può essere destinata al recupero energetico mediante il processo di termovalorizzazione. Dopo uno specifico trattamento di selezione e triturazione è possibile ricavare combustibili alternativi (CDR) utilizzati nei processi industriali (per esempio nei cementifici) e per la produzione di energia termoelettrica. Il recupero energetico prevede di riutilizzare l’energia contenuta nei rifiuti plastici, che le deriva dal petrolio ed è interamente sfruttabile: la plastica infatti ha un potere calorifico paragonabile a quello del carbone. La plastica recuperata si può trasformare in energia: con una bottiglia di plastica si può tenere accesa una lampadina di 60 watt per un’ora.

Plastiche : le sigle con le indicazioni sul riciclaggio

Cosa si ottiene dal riciclaggio dei prodotti plastici?

Riciclando PET, PVC e PE  si ottengono, oltre ai nuovi contenitori, fibre per imbottiture, maglioni e indumenti in pile, moquette, interni per auto  o lastre per imballaggi

Con il PVC riciclato si possono produrre tubi, scarichi per l’acqua piovana, raccordi e molti altri prodotti del settore edile

Con il PE riciclato si ottengono nuovi contenitori per i detergenti di casa o per uso personale, tappi, pellicole per imballaggi, casalinghi e così via

Con la plastica riciclata eterogenea vengono prodotte panchine, recinzioni, arredi per la città, cartelloni stradali.

Con 20 bottiglie è possibile fare un pile

 

Questo progetto web utilizza la tecnologia 'cookies' per migliorare l'esperienza generale del Sito. I Cookies sono piccoli file testuali mantenuti sul proprio computer o dispositivo. Ci permettono di assicurarti la miglior esperienza di navigazione possibile e di capire come utilizzi il nostro sito. Questo messaggio di avviso ti viene proposto in base alle nuove normative sui diritti utenti nelle comunicazioni e servizi web, sui dati personali e la protezione della privacy. Privacy policy

Questo progetto web utilizza la tecnologia 'cookies' per migliorare l'esperienza generale del Sito.I Cookies sono piccoli file testuali mantenuti sul proprio computer o dispositivo. Ci permettono di assicurarti la miglior esperienza di navigazione possibile e di capire come utilizzi il nostro sito.Questo messaggio di avviso ti viene proposto in base alle nuove normative sui diritti utenti nelle comunicazioni e servizi web, sui dati personali e la protezione della privacy.

Chiudi Popup