Back
Covid 19 lockdown

Piccole buone notizie sui contagi di Covid-19

Non è certo la notizia della vittoria finale contro il Covid. Ma è sicuramente un cambio di passo nel contrasto alla pandemia. L’Organizzazione mondiale della Sanità, sempre molto prudente, ha infatti annotato il calo avvenuto, su scala mondiale, per la terza settimana consecutiva dei contagi. Questo significa che la battaglia è ancora lunga, impegnativa, con la richiesta di sacrifici alle persone sul mantenimento delle misure. Anche perché “ci sono ancora molti paesi con un numero crescente di casi”, ha affermato il capo dell’Oms, Tedros Adhanom Ghebreyesus. Ma la famosa luce in fondo al tunnel si vede davvero.

L’impatto dei vaccini potrebbe così iniziare a sentirsi, soprattutto nei Paesi più sviluppati dove milioni di persone si stanno sottoponendo all’iniezione per immunizzarsi. Non ci sono ancora dati ufficiali in merito, ma i primi segnali (come racconta questo articolo pubblicato su Impakter Italia) vanno in una direzione più che incoraggiante.

Covid: miglioramento in Europa

Coronavirus vaccino

Image by Gerd Altmann from Pixabay

Dall’Oms, quindi, viene espressa una moderata soddisfazione per come si stanno evolvendo le cose, al di là della campagna di vaccinazione. “Questo virus può essere controllato, anche con le nuove varianti in circolazione”, ha sottolineato Tedros. Aggiungendo un elemento: “Questo mostra che, se continuiamo con le stesse comprovate misure di salute pubblica, possiamo prevenire le infezioni e salvare vite umane”. Certo, gli Stati Uniti continuano a essere il Paese maggiormente colpito, stando ai dati ufficiali: nelle ultime ore sono oltre 110mila i nuovi casi di Covid-19, con un bilancio di vittime prossimo alle 450mila vite perse. Si spera nell’effetto-Biden, ma non basta. Così come in Brasile i nuovi contagi sono sopra quota 50mila. Anche Cuba, modello del contrasto alla pandemia, sta vivendo una fase delicata, sebbene stia contenendo i decessi.

Insomma, sono numeri che sottolineano la necessità di non abbassare la guardia, sebbene in Europa il quadro sia di graduale miglioramento: in Italia e in Germania i contagi sono tornati sotto i 10mila. Mentre nel Regno Unito e in Francia si è fermata la corsa alla crescita record, sebbene i francesi contino oltre 20mila nuove infezioni al giorno.

Le vittime sottostimate

L’attenzione si sposta su altre zone del pianeta, come l’Africa. Il Survey, Count, Optimize, Review and Enable (noto anche con l’acronimo di Score), è un rapporto prezioso che ha rivelato informazioni di rilievo. Secondo le statistiche raccolte, quattro decessi su dieci rimangono non registrati. E addirittura nella regione africana solo il 10% dei decessi per Covid vengono giustamente classificati. Generando una forte sottostima del Coronavirus nel continente. “La mancanza di dati in tutto il mondo limita la comprensione del vero impatto sulla mortalità della pandemia Covid-19”, ha ribadito l’Oms. E di conseguenza è difficile la pianificazione di una risposta coordinata.

Mentre lo sguardo è rivolto al futuro, alla strategia delle prossime settimane, gli esperti sono al lavoro per comprendere quello che è accaduto. La responsabile tecnica dell’Oms su Covid-19, Maria Van Kerhkove, sta potando avanti la missione a Wuhan, in Cina, dove è partito il contagio. Al lavoro ci sono 15 profili di elevate competenze: l’obiettivo è cercare di ricostruire come sia iniziata la pandemia che sta sconvolgendo il pianeta, provocando 2 milioni e 240mila decessi accertati. Ci sono “discussioni molto produttive” con le controparti locali, ha fatto sapere la dirigente dell’Organizzione mondiale della Sanità.

Questo progetto web utilizza la tecnologia 'cookies' per migliorare l'esperienza generale del Sito. I Cookies sono piccoli file testuali mantenuti sul proprio computer o dispositivo. Ci permettono di assicurarti la miglior esperienza di navigazione possibile e di capire come utilizzi il nostro sito. Questo messaggio di avviso ti viene proposto in base alle nuove normative sui diritti utenti nelle comunicazioni e servizi web, sui dati personali e la protezione della privacy. Privacy policy

Questo progetto web utilizza la tecnologia 'cookies' per migliorare l'esperienza generale del Sito. I Cookies sono piccoli file testuali mantenuti sul proprio computer o dispositivo. Ci permettono di assicurarti la miglior esperienza di navigazione possibile e di capire come utilizzi il nostro sito. Questo messaggio di avviso ti viene proposto in base alle nuove normative sui diritti utenti nelle comunicazioni e servizi web, sui dati personali e la protezione della privacy.

Chiudi Popup