Back
riciclo

PBTL: la nuova plastica che si può riciclare sempre

PBTL: la nuova plastica che si può riciclare sempre. All’infinito. Bollendola per poterla scomporre dopo ogni utilizzo. E senza che questo produca ulteriori problemi per i rifiuti. Il sogno di ogni scienziato, di ogni produttore di materiali plastici sembra aver trovato un punto fermo nella realtà. E l’uomo che ha realizzato questo sogno si chiama Eugene Chen. Insieme ai suoi collaboratori alla Colorado State University in America ha messo a punto quella che si annuncia la vera novità del futuro.

riciclo

PBTL: la nuova plastica che si può riciclare sempre – License: Free for personal & commercial use

La novità del PBTL

Quello che la ricerca del Dr. Chen asserisce è che il nuovo materiale si può scomporre nei suoi componenti chimici e assemblarli nuovamente per realizzare prodotti di alta qualità. Questo potrebbe essere un enorme contributo per la riduzione della quantità di plastica che finisce in discarica o dispersa nell’ambiente ogni anno in tutto il mondo. Le stime parlano di oltre 300 milioni di tonnellate di plastica di cui solo una piccola parte – circa il 10% negli Stati Uniti – viene riciclata.

Ciò che rende difficile riciclare la plastica – uno dei motivi – risiede nella difficoltà di decomporla nei processi tipicamente utilizzati per rimodellare i rifiuti, che indeboliscono la struttura chimica: ecco perchè di norma la plastica riciclata viene usata solo per realizzare prodotti di basso valore, come panchine e contenitori per esterni.

riciclo

PBTL: la nuova plastica che si può riciclare sempre – License: Free for personal & commercial use

La spiegazione del Dr.Chen

Il Pbtl è stato realizzato unendo insieme blocchi chimici chiamati tiolattoni biciclici.  ha un’eccellente resistenza, robustezza e stabilità – ha spiegato il Dr. Chen – il che significa che potrebbe essere potenzialmente utilizzato per realizzare imballaggi in plastica, attrezzature sportive, parti di automobili, materiali da costruzione e altri prodotti. Abbiamo scoperto che può essere facilmente riciclato riscaldandolo a 100° C in presenza di un catalizzatore chimico per 24 ore. Questo rompe in modo pulito la plastica nei suoi elementi costitutivi originali, che possono quindi essere riassemblati in un nuovo materiale di alta qualità. L’unica controindicazione è che questo processo è possibile solo quando il Pbtl è da solo, quindi è necessario separarlo da altri rifiuti misti di plastica quando viene riciclato“.

Questo progetto web utilizza la tecnologia 'cookies' per migliorare l'esperienza generale del Sito. I Cookies sono piccoli file testuali mantenuti sul proprio computer o dispositivo. Ci permettono di assicurarti la miglior esperienza di navigazione possibile e di capire come utilizzi il nostro sito. Questo messaggio di avviso ti viene proposto in base alle nuove normative sui diritti utenti nelle comunicazioni e servizi web, sui dati personali e la protezione della privacy. Privacy policy

Questo progetto web utilizza la tecnologia 'cookies' per migliorare l'esperienza generale del Sito. I Cookies sono piccoli file testuali mantenuti sul proprio computer o dispositivo. Ci permettono di assicurarti la miglior esperienza di navigazione possibile e di capire come utilizzi il nostro sito. Questo messaggio di avviso ti viene proposto in base alle nuove normative sui diritti utenti nelle comunicazioni e servizi web, sui dati personali e la protezione della privacy.

Chiudi Popup