Back

Parità di genere: le quote rosa non servono

Parità di genere. Le quote rosa non servono. In Svezia non esistono eppure le donne sono arrivate a rappresentare il 45% dei membri del Parlamento, il 43% dei membri delle legislature locali e il 52% della squadra di governo. Molto male invece l’Italia. E anche la UE fa poco.

In Svezia sono i partiti a praticare la parità di genere

In Svezia non esistono le quote rosa. Eppure, il Paese scandinavo è il primo in Europa nel garantire la parità di genere. Un primato coltivato in patria ma anche proiettato fuori dai confini nazionali. Nel 2014, infatti, il governo svedese è stato il primo al mondo a elaborare un piano di “politica estera femminista”. Il progetto si basa sulle tre R: rights (diritti), representation (rappresentanza) e «resources» (risorse). Il segreto di questo successo è una questione di mentalità dei partiti politici. In pratica, anziché delegare le decisioni in materia a governo e parlamento, i partiti politici praticano preventivamente la parità di genere al loro interno. Garantire una adeguata e paritaria rappresentanza di entrambi i generi è uno dei criteri principali con cui vengono decise nomine e candidature e compilate le liste elettorali.

L’Italia 22esima in Europa

Questa forma di virtuosa autodisciplina dei partiti politici svedesi proietta il Paese nell’Olimpo della parità di genere, assieme a Belgio, Danimarca, Francia, Lettonia e Lussemburgo. Secondo la Banca Mondiale, solo in questo felice club di appena 6 Paesi esiste veramente la parità di genere. Sempre la Banca Mondiale ha stilato una classifica che vede l’Italia al 22esimo posto. Il nostro Paese è decisamente fra i peggiori in Europa. Peggio di noi solo Ungheria, Germania, Cipro e Slovenia.

Fondi UE insufficienti

La questione è tuttavia più ampia. Sono infatti le stesse istituzioni europee a mostrare poca voglia di incidere. Secondo l’Istituto Europeo per l’Uguaglianza di Genere (EIGE), meno dell’ 1% dei fondi strutturali dell’UE e dei Fondi di investimento sono destinati alla promozione della parità di genere. Dunque, anche in ambito comunitario si fa poco e si promuove poco. In questo modo la UE contravviene a uno dei suoi valori fondanti, sancito anche nel Trattato di Roma del 1957.

Red

Questo progetto web utilizza la tecnologia 'cookies' per migliorare l'esperienza generale del Sito. I Cookies sono piccoli file testuali mantenuti sul proprio computer o dispositivo. Ci permettono di assicurarti la miglior esperienza di navigazione possibile e di capire come utilizzi il nostro sito. Questo messaggio di avviso ti viene proposto in base alle nuove normative sui diritti utenti nelle comunicazioni e servizi web, sui dati personali e la protezione della privacy. Privacy policy

Questo progetto web utilizza la tecnologia 'cookies' per migliorare l'esperienza generale del Sito.I Cookies sono piccoli file testuali mantenuti sul proprio computer o dispositivo. Ci permettono di assicurarti la miglior esperienza di navigazione possibile e di capire come utilizzi il nostro sito.Questo messaggio di avviso ti viene proposto in base alle nuove normative sui diritti utenti nelle comunicazioni e servizi web, sui dati personali e la protezione della privacy.

Chiudi Popup