Back

Ora legale: storia, effetti e…discussioni

Ora legale. Quando torna, quali sono benefici e disagi, qual è la sua storia e a che punto è il dibattito sulla sua abolizione.

Benefici e disagi

Ora legale. Ci risiamo. Alle 2 del mattino del 31 marzo dovremo spostare le lancette avanti di un’ora. Questo ci farà guadagnare un’ora di luce e perdere un’ora di sonno. Ampio il dibattito sul tema. I sostenitori dell’ora legale mettono sul piatto il risparmio energetico e dei benefici psico-fisici derivanti dalla maggiore esposizione al sole. A questi argomenti, i detrattori contrappongono i disagi provocati dall’alterazione dei ritmi biologici, con conseguenze di natura economica e patologica e relativi costi a carico del sistema sanitario.

Il dibattito internazionale

Il dibattito è diventato scontro politico a livello internazionale. Il tema è particolarmente sentito nel nord d’Europa, dove sono state promosse consultazioni popolari che hanno interessato quasi 5 milioni di cittadini. Nei Paesi UE la competenza in materia è della Commissione Europea, che si è detta pronta ad abolire il cambio tra ora solare e ora legale e mantenere tutto l’anno l’ora legale (o estiva) che scatta ora in marzo.

Benjamin Franklin: il “padre” dell’ora legale

Tutto è partito da Parigi, da un’idea di Benjamin Franklin (1706-1790), uno dei padri fondatori degli Stati Uniti d’America, celebre uomo politico, grande appassionato di scienza nonché inventore del parafulmine. Franklin pubblicò sul Journal de Paris un saggio dal titolo Un progetto economico per diminuire il costo della luce. Un’idea certamente legata ad esigenze già emerse all’epoca, ma anche profetica, visto l’importanza del risparmio energetico ai giorni nostri. Basti pensare alla centralità delle energie rinnovabili o ai disagi di quei Paesi, come il nostro, dove ci sono situazioni di “povertà energetica”. Nello scritto di Franklin c’era dunque il concetto antesignano dell’ora legale. Gli escamotage di Franklin per forzare la popolazione ad alzarsi prima per sfruttare la luce del sole erano assai originali: tassare le persiane, razionare le candele, proibire la circolazione notturna, installare per le vie delle città sveglie rumorose che sparavano colpi di cannone.

L’adozione dell’ora legale nel XX secolo

Ma sarà solo con lo sviluppo industriale del XX secolo che il risparmio energetico diverrà una necessità sentita da tutti. Nel 1907, l’inglese William Willett ne propose l’attuazione alla Camera dei Comuni britannica. La proposta fu accolta nel 1916, in Gran Bretagna e in molti altre nazioni, Italia inclusa.

Oggi siamo in attesa di una decisione in merito, che però è stata rinviata al 2021. La UE ha dunque spostato le lancette della decisione. Tutti noi, per il momento, continueremo a spostare quelle della sveglia.

Red

 

 

Questo progetto web utilizza la tecnologia 'cookies' per migliorare l'esperienza generale del Sito. I Cookies sono piccoli file testuali mantenuti sul proprio computer o dispositivo. Ci permettono di assicurarti la miglior esperienza di navigazione possibile e di capire come utilizzi il nostro sito. Questo messaggio di avviso ti viene proposto in base alle nuove normative sui diritti utenti nelle comunicazioni e servizi web, sui dati personali e la protezione della privacy. Privacy policy

Questo progetto web utilizza la tecnologia 'cookies' per migliorare l'esperienza generale del Sito. I Cookies sono piccoli file testuali mantenuti sul proprio computer o dispositivo. Ci permettono di assicurarti la miglior esperienza di navigazione possibile e di capire come utilizzi il nostro sito. Questo messaggio di avviso ti viene proposto in base alle nuove normative sui diritti utenti nelle comunicazioni e servizi web, sui dati personali e la protezione della privacy.

Chiudi Popup