Back
Olimpiade e Covid

Olimpiade e Covid a Tokyo: come siamo messi?

Olimpiade e Covid a Tokyo: il 23 luglio prossimo si aprirà la 32^edizione dei Giochi a cinque cerchi. La seconda volta che la capitale del Giappone ospita un Olimpiade, l’altra fu nel 1964. Ma 56 anni dopo la situazione è molto diversa per colpa del Covid. Questi Giochi si sarebbero dovuti svolgere l’anno scorso come da regola, ogni quattro anni ma eravamo in piena pandemia globale quindi ci fu un rinvio, sanguinoso per l’economia e complicato per molti atleti costretti a riprogrammare la preparazione.

Qualche dato per disegnare l’importanza economica di un’edizione dei Giochi Olimpici. A Tokyo si aspettavano, 70 miliardi di euro dalla presenza degli ospiti, 3 miliardi dagli sponsor, e circa 8 miliardi di biglietti. L’edizione di Rio de Janeiro è stata vista in tv da 3,6 miliardi di persone, ai quali va aggiunto il popolo dei social.

A un mese dalle Olimpiadi, Con lo stato di emergenza appena revocato nella maggior parte del paese, il Giappone sta vedendo un numero relativamente basso di casi di coronavirus dopo un’impennata il mese scorso. Ma il basso tasso di vaccinazione del paese, soprattutto rispetto ad altri paesi ricchi, e le varianti in aumento hanno spinto alcuni esperti di salute pubblica nelle ultime settimane ad esprimere preoccupazioni per i giochi o a chiederne l’annullamento“.

Covid, Olimpiadi

@piqsels.com

Ed ancora…

Atleti e allenatori da quasi tutti i paesi del mondo si preparano a scendere in Giappone, dove decine di migliaia di residenti lavoreranno o parteciperanno ai giochi, e dove solo il 7 per cento dei residenti del paese sono completamente vaccinati, rispetto a circa un quarto della popolazione o più nella maggior parte degli altri paesi ricchi. Circa il 18% ha ricevuto almeno una dose, classificando il tasso di vaccinazione del Giappone tra i più bassi dei suoi pari e lasciando la popolazione vulnerabile in un momento in cui la variante Delta è in aumento ed è previsto che diventi dominante.

Quando i casi sono aumentati in un nuovo picco in aprile e le varianti più contagiose hanno cominciato a prendere piede, il governo giapponese ha dichiarato un terzo stato di emergenza per Tokyo e altre aree, per un totale di 10 prefetture. Questo fine settimana (18-19-20 giugno,ndr), dato che i casi hanno continuato a scendere, il Giappone ha terminato le misure di emergenza nella maggior parte delle prefetture, ma manterrà alcune restrizioni mirate a Tokyo e altrove. Gli stati di emergenza non erano così severi come le chiusure totali viste in alcuni altri paesi, ma significava che ai ristoranti è stato chiesto di ridurre i loro orari, ad alcuni centri commerciali e cinema è stato chiesto di chiudere e agli stabilimenti è stato vietato di vendere alcolici.

Il Giappone è riuscito a mantenere i casi relativamente bassi durante tutta la pandemia rispetto ad altri paesi ricchi, anche se le varianti hanno reso le recenti epidemie più difficili da controllare. Anche allora, il picco di casi segnalati in Giappone a maggio è stato relativamente basso se rapportato alla sua popolazione di 128 milioni, anche se il Giappone è stato testato ad un tasso molto più basso di altri paesi. Al suo picco, il Giappone riportava quasi 6.500 nuovi casi di coronavirus al giorno. 

Finora, circa una persona su 161 in Giappone è risultata positiva al virus. Negli Stati Uniti, per esempio, questa cifra è circa una su 10. Il numero di casi relativamente basso del Giappone durante la pandemia suggerisce che il livello di immunità naturale del paese è anche molto più basso di molti altri paesi del mondo.

Il Giappone, come alcuni altri paesi che sono andati relativamente bene durante la pandemia, ha avuto tra i più lenti lanci di vaccino dei paesi ricchi. Una ragione per l’inizio ritardato è che il paese richiede i propri test sui vaccini nazionali, così il Giappone ha autorizzato il suo primo vaccino, il Pfizer, solo più di due mesi dopo che il Regno Unito e gli Stati Uniti lo avevano fatto”.

Covid, Olimpiadi

@piqsels.com

E quindi?

“Gli esperti dicono anche che il governo non è riuscito a negoziare contratti che avrebbero portato a dosi di vaccino anticipate, forse perché il suo precedente successo nel contenere il virus ha portato a una diminuzione del senso di urgenza intorno ai vaccini.

Ma con le Olimpiadi all’orizzonte e la pressione crescente – un sondaggio di maggio ha rilevato che più dell’80% dei giapponesi intervistati non voleva che il loro paese ospitasse i giochi quest’estate – la campagna di vaccinazione giapponese ha accelerato nelle ultime settimane. Dopo aver somministrato meno di 100.000 dosi al giorno in aprile, in media, il Giappone sta ora somministrando quasi un milione di vaccini al giorno.

Dopo aver usato solo Pfizer per i primi mesi della campagna vaccinale, il governo ha autorizzato altri due vaccini, Moderna e AstraZeneca, a fine maggio. Dei due, solo Moderna è stato usato finora nel paese. E il 17 giugno, tutti gli adulti giapponesi sono diventati idonei a ricevere una prima iniezione di vaccino nei siti gestiti dallo stato. Fino ad allora, solo quelli di 65 anni e più potevano essere vaccinati.

Alla luce dell’accelerazione dell’introduzione del vaccino e del calo dei casi di coronavirus, gli organizzatori delle Olimpiadi di Tokyo hanno deciso di consentire agli spettatori nazionali di assistere ai giochi, con un limite massimo di 10.000 spettatori per sito. Eppure, il pubblico non è convinto: un sondaggio durante il fine settimana ha mostrato che l’86% degli intervistati si preoccupa che ci sarà un rimbalzo dei casi una volta che le Olimpiadi avranno preso il via“..

Questo progetto web utilizza la tecnologia 'cookies' per migliorare l'esperienza generale del Sito. I Cookies sono piccoli file testuali mantenuti sul proprio computer o dispositivo. Ci permettono di assicurarti la miglior esperienza di navigazione possibile e di capire come utilizzi il nostro sito. Questo messaggio di avviso ti viene proposto in base alle nuove normative sui diritti utenti nelle comunicazioni e servizi web, sui dati personali e la protezione della privacy. Privacy policy

Questo progetto web utilizza la tecnologia 'cookies' per migliorare l'esperienza generale del Sito. I Cookies sono piccoli file testuali mantenuti sul proprio computer o dispositivo. Ci permettono di assicurarti la miglior esperienza di navigazione possibile e di capire come utilizzi il nostro sito. Questo messaggio di avviso ti viene proposto in base alle nuove normative sui diritti utenti nelle comunicazioni e servizi web, sui dati personali e la protezione della privacy.

Chiudi Popup