Back

Nove start-up che investono sullo sviluppo sostenibile

Il Transition Forum ha celebrato la sua seconda edizione nel Principato di Mónaco. Ha riunito istituzioni, startup e investitori sotto il patrocinio del Principe Alberto II di Monaco e ospitato da Aqua Asset Management con il motto “passaggio a stili di vita sostenibili“.

Il Transition Forum è stato strutturato in 4 ‘conversazioni’: Cibo, Mobilità, Abitazione, Produzione e consumo.

Le startup presenti hanno rispecchiato tutto lo spettro dell’economia sostenibile: dalle auto elettriche autosufficienti, alla gestione dei rifiuti e delle acque, ai prodotti agricoli sostenibili o alle iniziative per la riduzione dei rifiuti alimentari.

Ecco nove di questa start-up tra quelle che hanno impressionato di più

The Camp

Con sede nel sud della Francia, The Camp, creato nel 2013, è un laboratorio vivente di sostenibilità. E’ nato dalla rabbia, dice il suo presidente Olivier Mathiot. Rabbia per testimoniare la sovrappopolazione, per assistere ad una “sovra metropolizzazione” globale; spingere le popolazioni a vivere nel modello meno sostenibile: le città. Il Camp mira a pensare fuori dagli schemi, con il futuro della prossima generazione in vista.

“I millenials sono individualisti, ma sono consapevoli delle sfide attuali che affrontiamo”, afferma Mathiot.

Il cuore del progetto è l’hub futuristico e sostenibile, “un campo base per esplorare il futuro” che riunisce il team principale e i progetti interdisciplinari degli ospiti. Le aziende e gli individui possono richiedere di partecipare all’avventura. Il Camp offre lo spazio, ma anche formazione, consulenza, networking e laboratori per la prototipazione e l’esperienza. Attualmente stanno spingendo progetti sulla mobilità, sulla consapevolezza dell’inquinamento plastico o addirittura su un drone per analizzare la qualità dell’aria in tempo reale.

Plastic Odissey

Simon Bernard, co-fondatore di Plastic Odyssey era un giovane ufficiale della marina mercantile quando attraccò al porto di Dakar e rimase inorridito dalla quantità di detriti di plastica. E ‘stato anche scioccato dal numero di persone con scarse risorse che stavano raccogliendo la plastica per farne un po ‘di soldi. E’ cosi’ che e’ nata l’Odissea Plastica.

L’obiettivo è quello di portare una barca in giro per il mondo – con echi del Calypso di Jacques Cousteau – per diffondere il messaggio contro l’inquinamento della plastica e consegnare i dispositivi di riciclaggio della plastica a basso costo.

“Non stiamo cercando di ripulire il mare….. vogliamo che la gente eviti di gettare la plastica in mare. Dopo è troppo tardi”, dice. La nave sarà alimentata da rifiuti di plastica.

Phenix

La gestione dei rifiuti alimentari diventa digitale con Phenix, la startup francese che permette ai commercianti di smaltire le loro eccedenze attraverso i consumatori e le organizzazioni di beneficenza.

Attraverso la sua applicazione, disponibile in circa 20 delle principali città francesi e alcune in Spagna e Portogallo, gli utenti possono trovare cestini alimentari di prodotti invenduti vicino alle loro case e acquistarli a un prezzo decente.

Phenix lavora principalmente con i grandi supermercati, ma si sta lentamente aprendo alla piccola distribuzione. Quando i prodotti rimangono invenduti al pubblico li offre a enti di beneficenza (e i dettaglianti ottengono una riduzione fiscale) e quando il cibo non è più adatto al consumo umano viene venduto ad aziende agricole, zoo o centri di recupero animali, chiudendo il cerchio dei rifiuti alimentari. Ha chiuso con successo una raccolta fondi di 15 milioni di euro e ha già 130 dipendenti (dai primi 2 fondatori).

FGWRS

La tecnologia sviluppata dalla società monegasca FGRWS promette di riciclare l’80% delle acque grigie (quelle provenienti dagli altri apparecchi idrici di bagno e cucina) domestiche. “La conservazione dell’acqua è una delle sfide chiave per il futuro, è ora di smettere di inviare acqua potabile nel nostro WC”, dice Pierre Magnes, il suo fondatore.

L’acqua riciclata può essere utilizzata per i servizi igienici, ma anche per innaffiare, pulire o anche sotto la doccia o in lavastoviglie. La tecnologia è stata sviluppata per l’Agenzia Spaziale Europea ed è attualmente utilizzata presso la stazione di ricerca franco-italiana dell’Antartide Concordia.

Su edifici di grandi dimensioni il sistema permette di riutilizzare il calore. Il sistema è stato mostrato – e in uso – presso l’hotel di Monaco dove si è svolto il Transition Forum.

Agilcare
Il sistema brevettato ‘Nano’ permette ad Agilcare di costruire edifici permanenti o temporanei che possono evolvere nel tempo, o spostarsi più volte. La giovane startup (nata nel 2017) ha già costruito “case mobili” per famiglie in difficoltà, padiglioni espositivi….. e i propri uffici.

Agilcare propone la propria soluzione ad enti pubblici e aziende private o agenzie immobiliari ed è stata certificata come ‘Soluzione efficiente’ dalla Fondazione Solar Impulse come soluzione per “costruire, espandere e spostare un edificio di alta qualità ambientale senza produrre rifiuti con costruzioni rinnovabili”.

Bovlabs
Poche persone sanno come gestire il proprio consumo di elettricità e l’energia che generano, ma con la crescente flessibilità del mercato dell’energia, ci sono più soluzioni per scegliere da dove proviene l’elettricità che consumiamo e dove reimmettere l’energia che produciamo.

Con questa idea, Bovlabs ha creato un mercato dell’energia peer to peer, consentendo ai consumatori e ai produttori di energia elettrica di scambiarla utilizzando la tecnologia a catena di blocco. Un’applicazione per cellulare consente agli utenti di seguire facilmente le transazioni. L’avvio è stato potenziato nell’incubatrice di The Camp. La tecnologia di Bovlabs consente ad esempio al proprietario di un’auto elettrica di rimettere sul mercato dell’energia l’elettricità extra che genera.

Lumi’in
La startup francese Lumi’in ha creato un concetto innovativo di lampioni solari autonomi, realizzati su misura e ad alta tecnologia , non solo per illuminare le città ad un costo minimo e a zero emissioni, ma anche per raccogliere dati sui consumi energetici, meteorologici o sulla qualità dell’aria. E’ stata premiata con il CES Climate Change Innovators 2019 al Las Vegas Consumers Electronics Show. Creata nel 2014 impiega nove persone e ha avuto un fatturato di un milione di euro.

Urbismart
Urbismart chiede una Rivoluzione della logistica, che permetta di ridurre drasticamente il crescente numero di consegne che generiamo nel mondo digitale. Utilizzando l’Intelligenza Artificiale Urbismart promette di ridurre il numero di camion vuoti che circolano nelle nostre strade (e inquinanti).  Ad Urbismart credono nella possibilità di modificare l’utilizzo dei silos che tengono isolate le aziende nelle loro operazioni logistiche. Così le consegne di 5 aziende diverse, andrebbero nello stesso camion, invece di 5, e verrebbero consegnate in un unico punto della zona, vicino a tutti i destinatari.

E55c
Molte delle startup del Transition Forum si sono proposte per l’introduzione diffusa delle auto elettriche. E55c ci crede così tanto che ha deciso di investire, privatamente in stazioni di ricarica e software di ricarica. Il modello di business si basa sull’uso reale da parte dei consumatori, per cui, affermano, garantisce ai partner e ai consumatori che saranno coinvolti nella realizzazione di stazioni di ricarica elettrica affidabili ed efficienti.

Questo progetto web utilizza la tecnologia 'cookies' per migliorare l'esperienza generale del Sito. I Cookies sono piccoli file testuali mantenuti sul proprio computer o dispositivo. Ci permettono di assicurarti la miglior esperienza di navigazione possibile e di capire come utilizzi il nostro sito. Questo messaggio di avviso ti viene proposto in base alle nuove normative sui diritti utenti nelle comunicazioni e servizi web, sui dati personali e la protezione della privacy. Privacy policy

Questo progetto web utilizza la tecnologia 'cookies' per migliorare l'esperienza generale del Sito.I Cookies sono piccoli file testuali mantenuti sul proprio computer o dispositivo. Ci permettono di assicurarti la miglior esperienza di navigazione possibile e di capire come utilizzi il nostro sito.Questo messaggio di avviso ti viene proposto in base alle nuove normative sui diritti utenti nelle comunicazioni e servizi web, sui dati personali e la protezione della privacy.

Chiudi Popup