Back
consumo di suolo

Nati pochi, case tante

Non se ne parla molto, almeno questa è la sensazione a pelle, ma i numeri sono numeri e  c’è poco da stare allegri: in Italia nascono sempre meno bambini. Sono più di dieci anni che la curva è discendente. Pensate: oltre mezzo secolo fa le nascite superavano il milione all’anno; poi nel 2008, ossia appena dodici anni fa, erano già crollate a 576 mila. Adesso  il presidente dell’Istat Giancarlo Biangiardo teme che nel 2021, ossia l’anno prossimo, “potremo scendere sotto le 400mila nascite”.

Certo, ci facciamo ingannare dalle aree riservate nei parchi pubblici ai bambini, ascoltiamo ottimisti le loro voci, le loro grida di gioia, i loro piagnistei ma è, appunto, una dolce illusione.

Contemporaneamente poi l’Ispra, ovvero l’istituto per la protezione e la ricerca ambientale, ci fa sapere che gli spazi liberi dal cemento nella nostra Penisola continuano a ridursi. Non più tardi del 2019 risultano cementati altri 57 chilometri quadrati di territorio. L’associazione di idee è ovvia, immediata: è sempre più forte il consumo di suolo ed è sempre più basso il numero dei neo-italiani. L’elemento angosciante risulta essere anche un altro: l’avanzata del cemento è forte anche nelle zone a rischio sismico e idrogeologico.

La domanda più ovvia che viene alle labbra è una sola: per chi costruiamo altre case, altre strade, altri quartieri? A chi giova il paesaggio deturpato del Paese, il tramonto se non la morte dell’estetica urbana? Non sono già sufficienti le brutture edilizie che  offendono i nostri sguardi?

Non più tardi di un mese fa trovandomi in Valtellina per una breve vacanza ho apprezzato la nobile architettura di alcuni piccoli centri, che più che paesi sembrano quartieri cittadini di un tempo lontano, un tempo in cui vivevano e agivano architetti dotati di buon gusto e consapevoli delle loro responsabilità culturali in un paese come l’Italia dove gli esempi di splendida edilizia sono tanti.

Ma ho l’impressione, di fronte alla progressiva scomparsa del suolo, di parlare da mentecatto.

Questo progetto web utilizza la tecnologia 'cookies' per migliorare l'esperienza generale del Sito. I Cookies sono piccoli file testuali mantenuti sul proprio computer o dispositivo. Ci permettono di assicurarti la miglior esperienza di navigazione possibile e di capire come utilizzi il nostro sito. Questo messaggio di avviso ti viene proposto in base alle nuove normative sui diritti utenti nelle comunicazioni e servizi web, sui dati personali e la protezione della privacy. Privacy policy

Questo progetto web utilizza la tecnologia 'cookies' per migliorare l'esperienza generale del Sito. I Cookies sono piccoli file testuali mantenuti sul proprio computer o dispositivo. Ci permettono di assicurarti la miglior esperienza di navigazione possibile e di capire come utilizzi il nostro sito. Questo messaggio di avviso ti viene proposto in base alle nuove normative sui diritti utenti nelle comunicazioni e servizi web, sui dati personali e la protezione della privacy.

Chiudi Popup