Back

Biodiversità a rischio. Colpa del riscaldamento climatico

L’invasione delle specie esotiche è una delle principali minacce per la biodiversità. Favorite dal riscaldamento globale, molte specie aliene alterano l’habitat naturale producendo danni ingenti, stimati in circa 12 miliardi di euro solo in Europa. Ecco qualche esempio.

L’invasione della cimice asiatica: l’ultima di una lunga serie

La cimice asiatica è solo l’ultima delle specie aliene che hanno invaso il nostro territorio a causa delle temperature sempre più alte. Si tratta di un insetto che sta devastando “meli, peri, kiwi, ma anche alberi di pesco e albicocca, ciliegi e piante da viva”. II danni prodotti da questa invasione al comparto agricolo sono ingenti: 250 milioni di euro, di cui 100 nel solo Veneto. Un recente decreto ha predisposto l’immissione in natura della vespa samurai, “nemico naturale” della cimice asiatica. L’attuazione del decreto è attesa a giorni.

Moltissime sono le specie aliene che, invitate dal riscaldamento climatico, stanno infliggendo gravissimi danni alla nostra agricoltura. Ecco due esempi particolarmente dannosi.

Il granchio tropicale nelle acque di Portofino

Avvistato per la prima volta nel 1999, è giunto probabilmente al rimorchio di grandi navi in arrivo dalle Americhe. Negli ultimi anni si è diffuso ampiamente e in modo assai rapido, profittando dell’innalzamento della temperatura delle acque. Questa specie rappresenta una minaccia per l’equilibrio dell’ecositema locale in quanto mostra spiccate doti di adattamento e un comportamento piuttosto invasivo. Nei nostri mari compete con diverse specie autoctone, come ad esempio Pachygraphus marmoratus ed Eriphia verrucosa

Il punteruolo rosso delle palme

Il nome scientifico è Rhynchophorus ferrugineus. Si tratta di un coleottero di origine asiatica. Giunto di recente nel nostro paese, ha già causato la morte di numerosissime palme, stravolgendo il paesaggio di molte zone costiere italiane. Il punteruolo rosso è in grado di attaccare varie specie di palme, danneggiandole dall’interno. Purtroppo, la presenza di questo ospite distruttore si rende evidente solo quando la pianta è ormai danneggiata irrimediabilmente.

L’amministrazione comunale di Campo nell’Elba ha installato un innovativo sistema di monitoraggio per combattere l’invasione di questo famelico insetto alieno. Sono installati sensori sviluppati da IoTree Technology Division, in grado di individuare precocemente la presenza delle larve, anche di dimensioni inferiori ad 1 centimetro e di monitorare costantemente il livello di infestazione tramite un’apposita app.

Le specie esotiche e il ruolo del riscaldamento climatico 

Negli ultimi tre decenni il numero delle specie esotiche importate nel nostro territorio è aumentato del del 76% in Europa e del 96% in Italia. Negli ultimi anni, a questa pratica malsana e spesso illegale si è aggiunto un fattore che ne ha fatto deflagrare gli effetti negativi: il riscaldamento climatico. Da molto tempo infatti la diffusione di queste specie risulta fuori controllo. Le alte temperature favoriscono la riproduzione spontanea delle specie esotiche che decenni fa era invece contenuta da fattori ambientali quali la stessa temperatura troppo bassa per consentire il ciclo riproduttivo.

Mauro Pasquini

Questo progetto web utilizza la tecnologia 'cookies' per migliorare l'esperienza generale del Sito. I Cookies sono piccoli file testuali mantenuti sul proprio computer o dispositivo. Ci permettono di assicurarti la miglior esperienza di navigazione possibile e di capire come utilizzi il nostro sito. Questo messaggio di avviso ti viene proposto in base alle nuove normative sui diritti utenti nelle comunicazioni e servizi web, sui dati personali e la protezione della privacy. Privacy policy

Questo progetto web utilizza la tecnologia 'cookies' per migliorare l'esperienza generale del Sito.I Cookies sono piccoli file testuali mantenuti sul proprio computer o dispositivo. Ci permettono di assicurarti la miglior esperienza di navigazione possibile e di capire come utilizzi il nostro sito.Questo messaggio di avviso ti viene proposto in base alle nuove normative sui diritti utenti nelle comunicazioni e servizi web, sui dati personali e la protezione della privacy.

Chiudi Popup