Back

Le minacce ecologiche minano la pace: l’esempio della Siria

Le minacce ecologiche sono anche minacce contro la pace. Per questo dovrebbero diventare temi centrali della politica estera dei governi. Ecco un esempio su tutti: la Siria.

Siria: un hot spot del rischio ecologico

Secondo l’Ecological Threat Register (ETR), le minacce ecologiche in Siria hanno esacerbato le tensioni sociali e le fragilità esistenti. Utilizzando il Positive Peace Index (PPI) elaborato dall’Institute for Economics & Peace, l’ETR analizza la relazione tra i paesi con elevate minacce ecologiche e bassi livelli di resilienza per identificare quelli che sono i “punti caldi” dal punto di vista ecologico. La Siria è risultata essere una sorta di hotspot del rischio ecologico. Il paese, infatti, è attualmente esposto a quattro minacce ecologiche, inclusi tutti e tre gli indicatori di esaurimento delle risorse di stress idrico, sicurezza alimentare e crescita della popolazione.

Come si è arrivati alla crisi attuale

Ad esempio, la Siria è stata cronicamente sottoposta alla condizione di stress idrico. Dal 1999 al 2011, circa il 60% del territorio siriano ha attraversato due periodi di siccità a lungo termine. Il paese era ed è fortemente dipendente dall’agricoltura. Il settore agricolo all’epoca contribuiva a circa un quarto del PIL del paese e impiegava circa il 38-47% della sua forza lavoro. La siccità in corso ha causato la perdita totale del raccolto per circa il 75% degli agricoltori mentre a nord-est è andato perso l’80% del bestiame. Una situazione che ha accelerato la migrazione e aggravato la povertà. Si stima che da 1,3 a 1,5 milioni di siriani siano stati costretti a trasferirsi nei centri urbani. La carenza di cibo e delle risorse di base ne ha provocato un forte aumento dei prezzi, aggravando ulteriormente le difficoltà a cui era soggetta la popolazione. L’estrema povertà ha portato malnutrizione,  maggiore indebitamento (con le famiglie ridotte a svendere i propri beni), aumento della migrazione urbana.

La stragrande maggioranza dei piccoli siriani ha dovuto abbandonare gli studi. L’impatto sociale  di questa crisi ha avuto riflessi nella sfera politica: l’ulteriore insoddisfazione per il regime del presidente Bashar al-Assad, salito al potere nel 2000 in seguito alla morte del predecessore, suo padre Hafez.

La Siria come paradigma del legame tra le minacce ecologiche e i conflitti nel mondo

Il conflitto siriano illustra come i rischi ecologici possono intensificare le tensioni sociali e politiche esistenti. Dimostra che come effetto dell’estremo stress idrico, sviluppo economico e produzione alimentare siano ostacolati. Di conseguenza, il livello di nutrizione, salute e  benessere della popolazione compromessi. Una situazione foriera di conflitti e migrazioni. In questo senso però la Siria rappresenta un paradigma applicabile a livello mondiale. Le minacce ecologiche dovrebbero essere una questione di primo piano della politica estera di ogni governo.

Articolo tratto da Impakter.com.

Questo progetto web utilizza la tecnologia 'cookies' per migliorare l'esperienza generale del Sito. I Cookies sono piccoli file testuali mantenuti sul proprio computer o dispositivo. Ci permettono di assicurarti la miglior esperienza di navigazione possibile e di capire come utilizzi il nostro sito. Questo messaggio di avviso ti viene proposto in base alle nuove normative sui diritti utenti nelle comunicazioni e servizi web, sui dati personali e la protezione della privacy. Privacy policy

Questo progetto web utilizza la tecnologia 'cookies' per migliorare l'esperienza generale del Sito. I Cookies sono piccoli file testuali mantenuti sul proprio computer o dispositivo. Ci permettono di assicurarti la miglior esperienza di navigazione possibile e di capire come utilizzi il nostro sito. Questo messaggio di avviso ti viene proposto in base alle nuove normative sui diritti utenti nelle comunicazioni e servizi web, sui dati personali e la protezione della privacy.

Chiudi Popup