Back

L’agricoltura biologica è veramente sostenibile?

L’agricoltura biologica è davvero una risposta per un modello futuro di sviluppo sostenibile? In termini di sostenibilità sono più le luci o le ombre?

La risposta giusta per le sfide del futuro?

L’agricoltura biologica è in gran parte associata alla sicurezza alimentare e alle pratiche agricole rispettose dell’ambiente ed etiche. Ma è davvero così? Negli ultimi anni, l’agricoltura biologica è stata oggetto di critiche, sollevando dubbi sul fatto che sia veramente sostenibile. Ancora troppo spesso viene fatta confusione tra sostenibile e biologico. La crescita costante della popolazione globale comporta un conseguente incremento della domanda di cibo. L’agricoltura sarà all’altezza della sfida?

L’agricoltura biologica e il riscaldamento globale?

L’agricoltura biologica può effettivamente influire al riscaldamento globale più della l’agricoltura convenzionale. Non utilizzando fertilizzanti chimici, l’agricoltura biologica richiede più terra per produrre la stessa quantità di colture commerciali rispetto all’agricoltura convenzionale. Questa terra aggiuntiva necessaria potrebbe inavvertitamente portare alla deforestazione in altre parti del mondo. Tutto questo come  compensazione per la riduzione della produttività delle aziende agricole biologiche nazionali. Il risultato è una maggiore emissione di gas serra.

Impatto sulla fertilità del suolo

L’agricoltura convenzionale prevede l’uso di pesticidi chimici, fertilizzanti e monocoltura. Tutte queste pratiche riducono la biodiversità del suolo e portano al degrado del suolo, nonché a un diffuso inquinamento chimico; tutti con effetti economici, sociali ed economici negativi. Al contrario, i metodi di agricoltura biologica mirano a proteggere la biodiversità del suolo e a mantenere i vari cicli nutritivi (ad esempio il ciclo dell’azoto) che avvengono normalmente nel suolo “sano”.

Tuttavia, l’agricoltura biologica può comportare l’esaurimento dei nutrienti contenuti nei suoli, con conseguente perdita di produttività. Questo aspetto rende l’agricoltura biologica insostenibile dal punto di vista economico in quanto i raccolti tendono a diminuire, con gravi conseguenze sociali, in primis economiche e alimentari. Inoltre, è difficile reintegrare il suolo. In diversi contesti è essere necessario un secolo per formare un nuovo strato di terriccio.

L’agricoltura biologica può nutrire il mondo intero?

L’industria agricola globale può convertirsi in agricoltura biologica? Sarebbe veramente sostenibile o comporterebbe una carenza di cibo? Un’altra implicazione dell’agricoltura biologica sono i prezzi più elevati dei prodotti rispetto a quelli dell’agricoltura convenzionale. Ad esempio, secondo uno studio di Consumer Reports, un capo di lattuga biologica costa almeno una volta e mezza in più rispetto alla sua controparte convenzionale in due dei tre negozi di alimentari esaminati. Alla luce di ciò, è evidente che non tutti potranno beneficiare ugualmente dell’agricoltura biologica, specialmente nei paesi in via di sviluppo.

Articolo tratto da Impakter.com.

Questo progetto web utilizza la tecnologia 'cookies' per migliorare l'esperienza generale del Sito. I Cookies sono piccoli file testuali mantenuti sul proprio computer o dispositivo. Ci permettono di assicurarti la miglior esperienza di navigazione possibile e di capire come utilizzi il nostro sito. Questo messaggio di avviso ti viene proposto in base alle nuove normative sui diritti utenti nelle comunicazioni e servizi web, sui dati personali e la protezione della privacy. Privacy policy

Questo progetto web utilizza la tecnologia 'cookies' per migliorare l'esperienza generale del Sito.I Cookies sono piccoli file testuali mantenuti sul proprio computer o dispositivo. Ci permettono di assicurarti la miglior esperienza di navigazione possibile e di capire come utilizzi il nostro sito.Questo messaggio di avviso ti viene proposto in base alle nuove normative sui diritti utenti nelle comunicazioni e servizi web, sui dati personali e la protezione della privacy.

Chiudi Popup