Back

La Via Lauretana: in cammino nella bellezza

La Via Lauretana è un santuario all’aperto. Il più antico e celebre del nostro Paese. Natura, architettura, arte e cucina, incantano pellegrini e semplici turisti. Da visitare assolutamente. 

Pellegrini o turisti, un luogo da visitare

Spesso abbiamo parlato di luoghi abbandonati lungo la nostra penisola. Oggi vi parliamo di un luogo vivo e vitale. Connette Assisi e Loreto, l’entroterra alla costa, attraversa due regioni: Umbria e Marche. Lungo quasi 140 chilometri, consta di sette tappe principali: Assisi, Spello, Colfiorito, Camerino, Belforte del Chienti, Tolentino, Macerata e Loreto.

Luogo prediletto di pellegrinaggio, la Via Lauretana offre una varietà di paesaggi naturali e bellezze architettoniche e artistiche che la rendono a tutti gli effetti un’ambita meta turistica. Anche a dispetto della fatica del percorso a piedi, che certo non è cosa per tutti. Si tratta dunque di luogo di richiamo sia per chi è in cerca di una dimensione religiosa sia per chi ama camminare nella natura e godere della bellezza della campagna umbra e marchigiana.

Numeri e caratteristiche del percorso

Si estende per circa 137 km. Il dislivello totale in salita è 3200 m, quello totale in discesa 3240. Per circa un sesto è costituito da sentiero, per un altro sesto di sterrato. Il resto è normale strada asfaltata.

Alla grande varietà dei territorio corrisponde la varietà del clima. Nel versante occidentale si hanno inverni freddi e asciutti ed estati moderatamente calde. Nel versante orientale invece gli inverni sono rigidi e le estati afose.

La Via Lauretana: bellezze e prelibatezze

Natura, pace, paesaggi suggestivi, borghi caratteristici incastonati nella dolce campagna umbro-marchigiana. Questi sono gli elementi di forza che rendono la Via Lauretana un luogo da visitare. Ma non solo. Stiamo parlando di un percorso che attraversa un territorio con una cultura culinaria ed enogastronomica di eccellenza.

Basilica di Loreto

Da Assisi a Loreto è possibile assaporare una ricca varietà di prodotti tipici dell’Italia centrale. Dall’eccellente olio extravergine prodotto nei frantoi locali, alla cicerchiata, dolce tipico solitamente offerto nei tanti agriturismi della zona.

Un percorso che unisce e ne integra altri

Un altro elemento che rende particolarmente interessante la Via Lauretana è la sua funzione di interconnessione tra altri importanti percorsi di pellegrinaggio dell’Italia centromeridionale. Tra queste: la via Flaminia che incrocia all’altezza di Foligno, la via francescana della Marca che segue il percorso da Assisi a Caldarola, la via Amerina che porta dall’Umbria a Roma. E poi tutte le vie francescane che convergono su Assisi. Ma non solo, tramite un prolungamento dell’antica via è possibile raggiungere Siena, dove la via Lauretana intercetta la via Francigena.

Mauro Pasquini

Questo progetto web utilizza la tecnologia 'cookies' per migliorare l'esperienza generale del Sito. I Cookies sono piccoli file testuali mantenuti sul proprio computer o dispositivo. Ci permettono di assicurarti la miglior esperienza di navigazione possibile e di capire come utilizzi il nostro sito. Questo messaggio di avviso ti viene proposto in base alle nuove normative sui diritti utenti nelle comunicazioni e servizi web, sui dati personali e la protezione della privacy. Privacy policy

Questo progetto web utilizza la tecnologia 'cookies' per migliorare l'esperienza generale del Sito.I Cookies sono piccoli file testuali mantenuti sul proprio computer o dispositivo. Ci permettono di assicurarti la miglior esperienza di navigazione possibile e di capire come utilizzi il nostro sito.Questo messaggio di avviso ti viene proposto in base alle nuove normative sui diritti utenti nelle comunicazioni e servizi web, sui dati personali e la protezione della privacy.

Chiudi Popup