Back

La via dei Monasteri

Uno degli itinerari più noti ai pellegrini ma anche ai viaggiatori curiosi ed affamati di storia di tutto il mondo è la Via dei Monasteri, che porta dalla cittadina di Subiaco (70 km ad est di Roma) verso i monasteri di Santa Scolastica e San Benedetto. Entrambi risalgono al IX secolo d.C. e sono luoghi di una bellezza affascinante.

 Santa Scolastica

Il chiostro rinascimentale di Santa Scolastica

Santa Scolastica vanta i tre chiostri, Cosmatesco, Gotico e Rinascimentale che da soli già varrebbero la visita e qui nel XV° secolo due chierici tedeschi A. Pannartz e C. Sweynheym istituirono la prima tipografia italiana. La biblioteca del monastero oggi conta circa 200mila titoli tra libri, pergamene, incunaboli.

San Benedetto

Il Monastero di San Bendetto

Il Monastero di San Benedetto, di cui Scolastica era la gemella, è anche un’opera architettonica straordinaria perchè è costruito sulla roccia tanto da essere stato definito “un nido di rondini” che si affaccia sulla valle sottostante. La visita, alla quale si arriva dopo una salita molto aspra intorno ai 600/700 metri prevede due Chiese sovrapposte e diverse cappelle e grotte, interamente affrescate in epoche diverse.

Subiaco

La rocca dei Borgia a Subiaco

I monasteri sono certamente una delle cose da vedere a Subiaco che già di suo è un luogo da visitare per la Rocca dei Borgia la famosa famiglia di origini spagnole che in pieno Rinascimento si trasferirì da Valencia a Roma al seguito del cardinale Alfonso Borja (il nome originale della casata) che poi divenne Papa col nome di Callisto III. Con lui il fenomeno del nepotismo crebbe fino a diventare una fatto sociale quando al soglio di Pietro salì il nipote di Alfonso, Roderigo, Alessandro VI, padre di Lucrezia e Cesare Borgia, due figure che fecero del potere una vera e propria arte esercitata con mezzi quanto meno violenti e subdoli.

 

Detto di queste visite storiche, sotto ai due monasteri, qualche centinaia di metri, c’è un’escursione naturalistica tra le più amate dalla gente del posto e da quanti frequentano questa zona della Valle dell’Aniene: il lago di San Benedetto. In realtà si tratta di un piccolo laghetto formato dall’impeto dell’Aniene e dalla conformazione delle rive che tra piccole cascate e percorsi più semplici formano una sorta di spiaggetta dove d’estate è possibile anche fare il bagno ammesso che si regga la temperatura dell’acqua piuttosto rigida.

Il percorso per arrivarci è piuttosto semplice ed è una strada sterrata in discesa, non particolarmente ripida che parte da uno slargo dove è stato attrezzato uno spazio con tavoli per il riposo, per il pranzo e con accanto i bidoni per la raccolta differenziata. Ed ecco il problema…Già lungo il sentiero che porta al fiume ed al laghetto si incontra qualche rifiuto fino ad arrivare alle ceneri di un bel falò che qualcuno ha almeno ha provveduto a spegnere ma senza premurarsi di pulire del tutto. Nel piazzale dell’area attrezzata proprio in prossimità dell’inizio della discesa invece si trova di tutto: fazzolettini, asciugamani, carte, bottiglie e quant’altro la pigrizia e la mancanza di cultura delle persone ha impedito di andare a buttare solo venti metri più in là nei bidoni. Il luogo non è sorvegliato tutto il giorno anche se si capisce che la raccolta e la pulizia avvengono con una certa frequenza e che la Forestale fa i suoi controlli ma è imbarazzante dover notare come c’è sempre qualcuno che pensa di poter fare come gli pare.

 

Questo progetto web utilizza la tecnologia 'cookies' per migliorare l'esperienza generale del Sito. I Cookies sono piccoli file testuali mantenuti sul proprio computer o dispositivo. Ci permettono di assicurarti la miglior esperienza di navigazione possibile e di capire come utilizzi il nostro sito. Questo messaggio di avviso ti viene proposto in base alle nuove normative sui diritti utenti nelle comunicazioni e servizi web, sui dati personali e la protezione della privacy. Privacy policy

Questo progetto web utilizza la tecnologia 'cookies' per migliorare l'esperienza generale del Sito.I Cookies sono piccoli file testuali mantenuti sul proprio computer o dispositivo. Ci permettono di assicurarti la miglior esperienza di navigazione possibile e di capire come utilizzi il nostro sito.Questo messaggio di avviso ti viene proposto in base alle nuove normative sui diritti utenti nelle comunicazioni e servizi web, sui dati personali e la protezione della privacy.

Chiudi Popup