Back
consumo di suolo

La società sostenibile e la nuova povertà

La società sostenibile e la nuova povertà. Siamo a poche settimane da Natale. No, non ho alcuna intenzione di attingere alla retorica della bontà, mi voglio chiedere invece se nella società sostenibile che in molti vagheggiamo c’è posto per quelli che – non sembri una facile battuta – sono sempre al verde.O ci sono arrivati ora. Parlo dei poveri e dei nuovi poveri, nati questi ultimi dalla lunga crisi pandemica. A Natale, dice la leggenda, diventiamo tutti più buoni e quindi dovremmo avere a cuore la sorte degli indigenti cronici.

C’è subito un dato che impressiona: in questo anno morente un italiano su due si è rivolto alla Caritas per un pasto caldo.E la terribile conferma sembra venire da una percentuale contrapposta: il 45% della popolazione non si è mai rivolto alla Caritas per un aiuto. Secondo la Coldiretti il corona-virus con i lockdown che ha provocato, totali o parziali, avrebbe messo a terra quattro milioni di italiani. Molti dei “nuovi poveri” sarebbero piccoli commercianti e artigiani, che hanno risentito di più del blocco totale o parziale delle attività. Per non parlare di quelli che hanno perso il lavoro.

Caritas Italiana - Indagine Caritas: "nuovi" poveri un aumento a causa di pandemia

 

A giudicare poi dal numero di coloro che si rivolgono alle organizzazioni di volontariato, il 40% delle richieste di aiuto e sostegno viene dalle regioni meridionali e in particolare per il 20% dalla Campania,per il 14% dalla Calabria e poi dalla Sicilia(11%); ma non mancano appelli da regioni come il Lazio(10%) e la Lombardia(9%). A conferma poi della generosità innata di molti nostri connazionali c’è da registrare un altro dato: sembra che quattro italiani su dieci siano pronti a sostenere le ipotesi di solidarietà per i connazionali sfortunati.

E qui entra in scena il Natale: perché la ricorrenza religiosa a cui siamo tutti affezionati – per i ricordi dell’infanzia, per convinzioni religiose, per amore della tradizione  – rappresenta l’occasione giusta per dare una mano ai nuovi poveri. Teniamo d’occhio almeno le  iniziative che garantiscono il famoso piatto caldo a tutti. Perché anche così è possibile dare concretezza alla società sostenibile che tutti o quasi tutti sogniamo.