Back
antonio lubrano

L’opinione di Antonio Lubrano sui piccoli borghi

I piccoli Comuni italiani, quelli che hanno meno di mille abitanti e che quasi sempre sono ignorati dalle cartine geografiche, stanno per diventare protagonisti di una vera rivoluzione verde. Sono centri abitati che hanno nomi talora buffi talaltra improbabili: si chiamano, giusto per fare qualche esempio,  Maccastorna (Lodi), Carcoforo (Vercelli), Rondanina (Genova), Collegiove (Rieti), Rocca dei Giorgi (Pavia) o Biello (Bergamo) e sono per l’esattezza 1940.

Collegiove (Rieti)

I contributi per la rivoluzione

Ebbene a queste comunità un recente decreto del Ministero per lo Sviluppo Economico, assegna un contributo di 19 milioni di euro a fondo perduto se daranno vita e concretezza a “interventi di efficientamento energetico”. Sfruttando cioè al meglio le fonti naturali, vale a dire il Sole, l’acqua, il vento, il mare, fonti che si rinnovano da sole. In fondo, a pensarci bene,  almeno  in un caso , è come tornare indietro di mille o tremila anni quando in Persia come in Cina o in Sicilia si ricavava il sale dal mare con  i mulini a vento. A Trapani del resto, tuttora esistono le turbine a vento a sei pale, proprio per macinare il sale. I contributi saranno validi solo se “ciascun Comune beneficiario avvierà i lavori entro il 15 novembre 2020, pena la decadenza del contributo“.

License: Free for personal & commercial use

La situazione attuale e le prospettive

Per la verità in Italia non siamo all’anno zero della green energy. Basta ricordare che esistono già lungo tutta la penisola 5600 impianti eolici. E poi le centrali geotermiche che sfruttano il calore del sottosuolo, le centrali idroelettriche e, appunto, gli impianti eolici. Ma il coinvolgimento dei piccoli centri fa pensare a un gigantesco esperimento di produzione di energia alternativa. Il che potrebbe almeno condurre al contenimento dei costi. Con evidente vantaggio per il bilancio nazionale.

L’efficientamento energetico nei piccoli Comuni può aprire, a pensarci bene, nuovi orizzonti – se così si può dire – ambientali. Un solo esempio ce ne fa intravvedere uno, quello edilizio: le case come gli edifici pubblici saranno costruiti e attrezzati proprio per utilizzare le energie rinnovabili come quella solare, eolica, marina, geotermica, idroelettrica. Questa legge ed i progetti relativi sono tutti contenuti nell’obiettivo 7 dell’Agenda Onu 2030: “Produrre energia pulita e sostenibile“.  In un domani forse non molto lontano la bolletta del gas, per esempio, non avrà più senso almeno in questa Italia cosiddetta minore..

Questo progetto web utilizza la tecnologia 'cookies' per migliorare l'esperienza generale del Sito. I Cookies sono piccoli file testuali mantenuti sul proprio computer o dispositivo. Ci permettono di assicurarti la miglior esperienza di navigazione possibile e di capire come utilizzi il nostro sito. Questo messaggio di avviso ti viene proposto in base alle nuove normative sui diritti utenti nelle comunicazioni e servizi web, sui dati personali e la protezione della privacy. Privacy policy

Questo progetto web utilizza la tecnologia 'cookies' per migliorare l'esperienza generale del Sito. I Cookies sono piccoli file testuali mantenuti sul proprio computer o dispositivo. Ci permettono di assicurarti la miglior esperienza di navigazione possibile e di capire come utilizzi il nostro sito. Questo messaggio di avviso ti viene proposto in base alle nuove normative sui diritti utenti nelle comunicazioni e servizi web, sui dati personali e la protezione della privacy.

Chiudi Popup