Back
antonio lubrano

La rivoluzione giù in cortile

Forse non è più un sogno. O un’illusione. Fino a ieri, e meglio sarebbe dire fino a oggi, i palazzi si costruivano e si costruiscono negli spazi urbani ancora disponibili e l’ultimo pensiero era ed è il verde. Adesso gli architetti e molti ingegneri vanno d’accordo con i paesaggisti e invertono il rapporto: prima il verde e poi il cemento, nelle grandi come nelle piccole città. Dice per esempio Emanuele Bortolotti, gardner designer e collaboratore fra l’altro di Renzo Piano:”Le palazzine di un condominio possono essere disposte diversamente, per lasciare al centro un’area verde non accessibile alle auto.E magari con un laghetto, visibile da tutti gli edifici”.  Possiamo parlare dunque di rivoluzione in cortile, e ben a ragione se si considera che il corredo esterno degli edifici fa vendere bene gli edifici stessi. In parole povere il verde protagonista tra le nuove palazzine è un affare. “La domanda di nuovi appartamenti – conferma Bortolotti al settimanale Io donna – è influenzata molto dalla presenza del verde”.

C’è poi da tener conto dell’influenza benefica esercitata dalla pandemia sui nostri comportamenti. Può sembrare assurdo, paradossale, ma è così. Il covid ci ha costretti in casa per lunghi periodi e dunque abbiamo sognato gli spazi esterni e questo desiderio di uscire fuori, di godere della natura ha modificato il nostro modo di vivere la casa, gli spazi interni. Tanto è vero che sul mercato edilizio trovano più facilmente acquirenti gli appartamenti che hanno un terrazzo o comunque uno spazio aperto.

Qui, inevitabilmente, mi torna in mente la casa in cui sono nato a Procida, che disponeva di un ampio loggiato, confinante con un giardino di limoni e di viti. Quasi tutte le abitazioni dell’isola, prossima Capitale della cultura (2022), disponevano e forse dispongono ancora di un loggiato o di un terrazzo  che si affaccia sul mare. La vista della superficie azzurra era per me l’avventura, il domani mentre la loggia era la possibilità – come diceva sempre mia madre – di “respirare aria buona”.

Adesso l’immagine azzurra che mi torna davanti agli occhi da un passato così lontano la ritrovo in questa ipotesi di un laghetto nel cortile del condominio. Chissà che i nostri nipotini prima o poi non ci possano far navigare le loro piccole barche a vela..

 

Questo progetto web utilizza la tecnologia 'cookies' per migliorare l'esperienza generale del Sito. I Cookies sono piccoli file testuali mantenuti sul proprio computer o dispositivo. Ci permettono di assicurarti la miglior esperienza di navigazione possibile e di capire come utilizzi il nostro sito. Questo messaggio di avviso ti viene proposto in base alle nuove normative sui diritti utenti nelle comunicazioni e servizi web, sui dati personali e la protezione della privacy. Privacy policy

Questo progetto web utilizza la tecnologia 'cookies' per migliorare l'esperienza generale del Sito. I Cookies sono piccoli file testuali mantenuti sul proprio computer o dispositivo. Ci permettono di assicurarti la miglior esperienza di navigazione possibile e di capire come utilizzi il nostro sito. Questo messaggio di avviso ti viene proposto in base alle nuove normative sui diritti utenti nelle comunicazioni e servizi web, sui dati personali e la protezione della privacy.

Chiudi Popup