Back
consumo di suolo

La parola aloe in certi prodotti

Non so se capita anche a voi di avere certe improvvise curiosità. A me, lo confesso, succede. Per esempio, su una saponetta dall’involucro elegante c’è scritto, dentro una nuvoletta: all’aloe.  Provocata forse dalla sensibilità ambientale che mi si è accentuata negli ultimi anni, do un’occhiata all’elenco degl’ingredienti. Ebbene, l’aloe non c’è. Subito affiora il dubbio:non ci dev’essere? Chissà, è possibile. Di sicuro siamo di fronte a una classica parola-civetta. L’aloe è una pianta dalle foglie carnose e dai fiori di vario colore: rosso, giallo o verde. E’ il caso di ricordare che il succo di queste foglie è amaro e talora viene usato come purgante. Ha un bel profumo, perciò la saponetta – quando l’aloe c’è – risulta subito gradevole.

GettyImages-pianta aloe vera

Di solito i messaggi sui prodotti confezionati hanno  un linguaggio che rimanda al buon tempo antico e che vuol essere rassicurante.  Qualche esempio: tradizionale, naturale. Oppure, per oggetti di uso comune: produzione artigianale,lavorato a mano. Lo scopo è fin troppo chiaro:  dare al prodotto una sua autenticità e indurre il cliente all’acquisto. Ma queste etichette sono sempre veritiere?  Il mio lettore non si stupisca: caschiamo ogni giorno in tante trappole commerciali che un pò di diffidenza diventa persino ovvia.

Notava qualche tempo fa on line Il fatto alimentare: “Purtroppo in Italia non esistono leggi specifiche per alcune definizioni, permettendo così alle aziende di descrivere i propri prodotti in maniera fin troppo generosa”. Mi piace molto questa arguta quanto cauta definizione. Il bello è che l’Antitrust ha più volte sanzionato, per esempio, “i vanti di artigianalità” di certi creatori di prodotti e tuttavia il fascino di certi termini  è evidentemente più forte se taluni produttori  sfidano anche le eventuali,possibili multe.  Insomma dovrebbe intervenire il legislatore  a dare un senso a queste che per ora sono soltanto, ripeto, parole-civetta.

Ma forse- non lo do per certo, sia ben chiaro -c’entra anche la furberia. Nel frattempo mi lavo le mani pensando che profumeranno di aloe..

Questo progetto web utilizza la tecnologia 'cookies' per migliorare l'esperienza generale del Sito. I Cookies sono piccoli file testuali mantenuti sul proprio computer o dispositivo. Ci permettono di assicurarti la miglior esperienza di navigazione possibile e di capire come utilizzi il nostro sito. Questo messaggio di avviso ti viene proposto in base alle nuove normative sui diritti utenti nelle comunicazioni e servizi web, sui dati personali e la protezione della privacy. Privacy policy

Questo progetto web utilizza la tecnologia 'cookies' per migliorare l'esperienza generale del Sito. I Cookies sono piccoli file testuali mantenuti sul proprio computer o dispositivo. Ci permettono di assicurarti la miglior esperienza di navigazione possibile e di capire come utilizzi il nostro sito. Questo messaggio di avviso ti viene proposto in base alle nuove normative sui diritti utenti nelle comunicazioni e servizi web, sui dati personali e la protezione della privacy.

Chiudi Popup