Back

Il mistero della carne bovina. La discussione continua

La carne bovina è sotto accusa a 360 gradi. Ma ecco che Kees Bokland per Impakter.com fornisce una serie di dati e di riflessioni che introducono un interessante punto di vista, alternativo a quella che lui considera una posizione troppo rigida del movimento per il clima. Di seguito la traduzione di una parte del suo articolo per la nostra pubblicazione sorella di Londra.

La carne e il suo alto valore nutrizionale

Le emissioni di metano, tanto criticate, possono contribuire al raffreddamento temporaneo della terra quando si riducono nel tempo. Questa riduzione del metano permette di guadagnare tempo per lavorare su soluzioni per i gas serra di origine fossile. Inoltre, bisogna anche considerare che il valore nutritivo della carne è così alto da avere più effetti positivi dell’abbattimento delle emissioni di metano e di tutti i gas serra in produzione. Ovviamente, a patto che si abbia come missione principale rendere sano il cibo. Se l’obiettivo è questo, e non può non essere questo, allora questa riflessione deve essere fatta.

Se la difesa dell’ambiente diventa un miope dogma

Qualsiasi dibattito a sfondo ambientale sull’allevamento e il consumo di carne deve sempre considerare che ci sono anche altri obiettivi che vale la pena perseguire, come l’aumento della prosperità o la sicurezza alimentare dei miliardi di persone che ancora ne sono sprovvisti. Questo è il senso più profondo della sostenibilità. Tale considerazione ci porta nel campo dell’economia politica del bestiame e della carne. E qui si intravedono elementi di eccessiva rigidità culturale. All’interno del movimento per il clima sta emergendo una tendenza che rende gli obiettivi climatici così assoluti che alla fine ogni nuovo residente o fabbrica del mondo diventa un problema. La carne sta diventando la causa di tutti i mali. Come è successo?

Ma il bestiame produce molto metano e gas serra, giusto?

Sì, è vero. L’impronta climatica della carne bovina è in effetti molto alta: 2772 grammi di CO2 equivalenti per 100 grammi di carne bovina. Tuttavia, quel numero deve essere spiegato in modo meno sbrigativo di quanto non siamo abituati a fare e a sentir fare. Anne Mottet, della FAO, ha confrontato l’impatto climatico con il valore nutrizionale dei prodotti alimentari, compresa la carne bovina. Il manzo risulta avere un’emissione per valore nutritivo paragonabile al riso o alle banane. Due prodotti che però non sono minimamente presi di mira dal movimento per il clima. La carne di pollo ha un valore nutritivo leggermente superiore per unità di emissioni di CO2. Si ottengono punteggi migliori e comparabili anche con pesce, maiale e formaggio. Infine, tutti i prodotti sopra menzionati ottengono risultati migliori dell’acqua minerale, del vino rosso o della birra, dove il valore nutritivo è basso e quindi la produzione relativa di CO2 è elevata.

In breve, valore nutritivo della carne compensa la sua impronta climatica. Naturalmente, questo è importante solo se anche nutrire la popolazione mondiale è davvero l’obiettivo principale. Se vogliamo raggiungere obiettivi nutrizionali con la migliore efficienza climatica, la carne è una delle opzioni da apprezzare. L’opzione diventa più importante se si considera anche che il terreno su cui pascola il bestiame può, in molti casi, essere in quanto tale non disponibile alla produzione di altre forme di cibo. Tuttavia, ci sono coloro che sono legati a posizioni estreme che vedono il clima come un problema così trascendente da subordinare ad esso ogni altro obiettivo. Questa però non sostenibilità.

 

Questo progetto web utilizza la tecnologia 'cookies' per migliorare l'esperienza generale del Sito. I Cookies sono piccoli file testuali mantenuti sul proprio computer o dispositivo. Ci permettono di assicurarti la miglior esperienza di navigazione possibile e di capire come utilizzi il nostro sito. Questo messaggio di avviso ti viene proposto in base alle nuove normative sui diritti utenti nelle comunicazioni e servizi web, sui dati personali e la protezione della privacy. Privacy policy

Questo progetto web utilizza la tecnologia 'cookies' per migliorare l'esperienza generale del Sito. I Cookies sono piccoli file testuali mantenuti sul proprio computer o dispositivo. Ci permettono di assicurarti la miglior esperienza di navigazione possibile e di capire come utilizzi il nostro sito. Questo messaggio di avviso ti viene proposto in base alle nuove normative sui diritti utenti nelle comunicazioni e servizi web, sui dati personali e la protezione della privacy.

Chiudi Popup