Back

Investimenti green: ecco qual è la situazione

Investimenti green. La finanza sostenibile sempre di più al centro delle strategie di fondi di investimento e istituti bancari. Ecco di cosa stiamo parlando.

Un balzo in avanti di dieci anni

Dall’essere un oscuro mercato di nicchia, la finanza sostenibile è stata in continua crescita negli ultimi 10 anni. La maggior parte degli istituti bancari e dei grandi gestori patrimoniali si sono ampiamente cimentati in questo tipo di attività, decretandone il successo. Tra gli strumenti più quotati vi sono certamente i green bond, titoli reddito fisso specificamente destinati a raccogliere fondi per progetti climatici e ambientali.

Valutati intorno a 30,7 trilioni di dollari, all’inizio del 2018 gli investimenti sostenibili globali hanno quasi raggiunto il volume del PIL combinato di Cina e UE. Ma se nel complesso la situazione è quella appena descritta, vediamo che c’è un particolare ambito della finanza sostenibile che ancora non cresce adeguatamente. Si tratta degli investimenti destinati alla transizione energetica.

Investimenti green: boom ma non troppo

Diversi importanti gestori patrimoniali si stanno ponendo obiettivi ambiziosi per il prossimo futuro. Schroders si è impegnato nella piena integrazione degli investimenti green entro il 2020, mentre BlackRock punta a raddoppiare la propria offerta di fondi negoziati in borsa orientati alla sostenibilità a 150, oltre ad aumentare le sue attività sostenibili da 10 miliardi di dollari di oggi a 1 trilione di dollari entro 10 anni.

Si stanno inoltre muovendo le acque in ambito commerciale. La Goldman Sachs ha impegnato 750 miliardi di dollari per progetti di transizione climatica nel prossimo decennio, una somma che supera oggi le dimensioni dell’economia svizzera. Mentre sono previsti investimenti complessivi per circa 23 trilioni di dollari soltanto per quanto riguarda i mercati emergenti. Date le dimensioni e la credibilità di queste istituzioni finanziarie, l’impatto di queste dichiarazioni indicano che la sostenibilità ambientale continuerà a crescere come focus chiave negli anni a venire.

Transizione energetica: un futuro impegnativo

Si tratta di cifre enormi ma necessarie. Uno studio del 2013 del World Economic Forum ha previsto che la mitigazione climatica nel solo Sud del mondo comporterebbe spese per oltre 600 miliardi di dollari all’anno, mentre la stabilizzazione dei gas serra a 450 ppm di CO2 in tutto il mondo richiede investimenti infrastrutturali verdi annuali di circa 5,7 trilioni di dollari.

Cifre enormi dicevamo, eppure ancora insufficienti a immettere nel mercato sufficiente liquidità per il finanziamento delle aziende del settore. Ad esempio, nonostante i lodevoli progressi compiuti con il Green Climate Fund (GCF) e il suo impegno di erogare 100 miliardi di dollari all’anno dal 2020, siamo ancora distanti dalla cifre necessarie a finanziare in modo almeno sufficiente quella che è la maggiore sfida del nuovo millennio: la transizione energetica.

Questo progetto web utilizza la tecnologia 'cookies' per migliorare l'esperienza generale del Sito. I Cookies sono piccoli file testuali mantenuti sul proprio computer o dispositivo. Ci permettono di assicurarti la miglior esperienza di navigazione possibile e di capire come utilizzi il nostro sito. Questo messaggio di avviso ti viene proposto in base alle nuove normative sui diritti utenti nelle comunicazioni e servizi web, sui dati personali e la protezione della privacy. Privacy policy

Questo progetto web utilizza la tecnologia 'cookies' per migliorare l'esperienza generale del Sito.I Cookies sono piccoli file testuali mantenuti sul proprio computer o dispositivo. Ci permettono di assicurarti la miglior esperienza di navigazione possibile e di capire come utilizzi il nostro sito.Questo messaggio di avviso ti viene proposto in base alle nuove normative sui diritti utenti nelle comunicazioni e servizi web, sui dati personali e la protezione della privacy.

Chiudi Popup