Back
incendi

Incendi, perchè nel Mediterraneo bruceremo ancora

Incendi, purtroppo la festa ferragostana è funestata dall’Europa del Mediterraneo che brucia. Qualche giorno fa Impakter Italia ha pubblicato una sorta di vademecum dell’OMS, l’Organizzazione Mondiale della Sanità, per i cittadini che dovessero entrare in contatto con i fumi e le fiamme a distanza ravvicinata. I dati sono impressionanti: nei primi sette mesi del 2021, in Europa ha preso fuoco più del 50% della superficie che in media è bruciata negli ultimi 12 anni.

Tra il 2006 e il 2016, circa 48.000 incendi boschivi erano stati la causa della distruzione di 457.000 ettari all’anno negli Stati del Sud-Europa più colpiti (Spagna, Francia, Portogallo, Italia e Grecia). Nel 2017 e 2018 le fiamme avevano bruciato un’area che si estende dalla Turchia alla Spagna e i paesi dell’Europa centrale e settentrionale, provocando centinaia di vittime. Il Mediterraneo si sta trasformando in un hotspot di incendi, ha dichiarato in un post sul suo sito il servizio di monitoraggio dell’atmosfera Copernicus (CAMS) che, per conto della Commissione europea, monitora gli incendi gravi nell’area del Mediterraneo.

Troppo spesso negli ultimi anni, gli incendi si sono intensificati ben oltre le loro normali dimensioni e intensità.

Perchè brucia il Mediterraneo

Gli incendi estivi sono una parte naturale e spesso necessaria della vita delle foreste mediterranee. Secondo gli scienziati, il fuoco può anche generare rinnovamento e favorire la biodiversità in queste regioni. Ma quando si esagera diventa un problema enorme. Le comunità hanno imparato a far fronte meglio alla media annuale degli incendi nelle regioni calde e aride dell’Europa meridionale, con strategie di prevenzione degli incendi più sofisticate che hanno portato a un calo generale del numero e delle dimensioni degli incendi dal 1980.

Ma gli eventi di incendio senza precedenti cui stiamo assistendo negli ultimi cinque anni sono inevitabilmente legati a siccità e ondate di calore estreme. Il mese di luglio è stato il secondo più caldo mai registrato in Europa (e il terzo più caldo a livello globale). Il sud del continente è stato il fulcro di questo caldo estremo, con temperature in Grecia che potrebbero raggiungere il picco di 47 gradi Celsius (117 gradi Fahrenheit).

La Grecia e la vicina Turchia sono nel mezzo di un’ondata di calore che potrebbe essere la peggiore degli ultimi 30 anni – invocando i ricordi della stagione degli incendi da incubo del 1987 che causò più di 1.500 vittime solo in Grecia. In Turchia, quasi 200 incendi separati hanno imperversato attraverso il paese in poco più di una settimana, costringendo alcuni residenti costieri e turisti a fuggire nel Mar Egeo per sicurezza.

Così, mentre l’incendio doloso e le cause naturali come i fulmini sono ugualmente da biasimare per l’inizio degli incendi, il calore estremo ha aumentato la loro intensità ed è il vero colpevole della distruzione causata nelle regioni colpite dal fuoco. Questo è il motivo per cui almeno il 55% in più di superficie è bruciata in tutta Europa entro il 5 agosto rispetto alla media dei 12 anni precedenti.

incendi

@piqsels.com

Il riscaldamento globale aumenta la frequenza e la gravità delle condizioni meteorologiche degli incendi a livello globale – come testimoniato durante gli incendi senza precedenti in Australia e California negli ultimi anni. E inevitabilmente, il cambiamento climatico ha aumentato il rischio di incendi boschivi in tutta Europa, comprese le regioni centrali e settentrionali che non sono tipicamente soggette al fuoco.

L’attuale siccità record e le ondate di calore in tutta la regione mediterranea fanno eco agli eventi del 2018, quando “più paesi hanno subito grandi incendi come mai prima”, secondo l’AEA, l’Agenzia Europea per l’Ambiente. In Grecia, più di 100 persone sono morte nei cosiddetti incendi di Attica del 2018 – il secondo evento di fuoco più letale di questo secolo dopo gli incendi del “Sabato nero” del 2009 in Australia. “Si prevede un’espansione delle aree a rischio di incendio e stagioni di fuoco più lunghe nella maggior parte delle regioni europee”, ha dichiarato l’AEA.

Le emissioni di carbonio non stanno diminuendo abbastanza velocemente per limitare questo riscaldamento, nonostante gli accordi sul clima come il Green Deal europeo e l’accordo sul clima di Parigi.

Pubblicano piani, definiscono obiettivi, ma non agiscono veramente“, ha detto Mojib Latif, uno scienziato del clima all’Helmholtz Center for Ocean Research. “Dal 1990, le emissioni globali di carbonio sono aumentate del 60%“, ha detto a DW, aggiungendo che le emissioni aumenteranno ancora nel 2021 dopo il rallentamento dovuto alla pandemia dell’anno precedente.

Questo progetto web utilizza la tecnologia 'cookies' per migliorare l'esperienza generale del Sito. I Cookies sono piccoli file testuali mantenuti sul proprio computer o dispositivo. Ci permettono di assicurarti la miglior esperienza di navigazione possibile e di capire come utilizzi il nostro sito. Questo messaggio di avviso ti viene proposto in base alle nuove normative sui diritti utenti nelle comunicazioni e servizi web, sui dati personali e la protezione della privacy. Privacy policy

Questo progetto web utilizza la tecnologia 'cookies' per migliorare l'esperienza generale del Sito. I Cookies sono piccoli file testuali mantenuti sul proprio computer o dispositivo. Ci permettono di assicurarti la miglior esperienza di navigazione possibile e di capire come utilizzi il nostro sito. Questo messaggio di avviso ti viene proposto in base alle nuove normative sui diritti utenti nelle comunicazioni e servizi web, sui dati personali e la protezione della privacy.

Chiudi Popup