Back

Il significato delle parole che abbiamo perso

Le parole che abbiamo perso sono tante ed importanti. E in un momento come quello che stiamo attraversando perdere anche la capacità di comunicare sapendo cosa vogliono dire veramente le parole che usiamo è un altro momento di difficoltà. Le parole di cui abbiamo perso il significato originale sono tante. Lo dicono una ricerca ed uno studio condotti in Inghilterra, patria proprio di quelle parole entrante nell’uso comune soprattutto del digitale ma che originariamente si riferiscono all’ambiente.

L’esempio più clamoroso è web. Cercando la traduzione su Internet la prima che si trova è :”Sottorete di Internet che riunisce i siti che permettono un sistema di navigazione ipertestuale e visualizzabili sul computer per mezzo di appositi programmi software”. Solo scorrendo fino in fondo il testo si arriva all’origine della parola che è “ragnatela” cioè la tela che il ragno tesse instancabilmente. L’estensione è legittima ed anche affascinante però…Le parole sono importanti.

parole

Le parole della natura che abbiamo perso -CC0, public domain, royalty free Public Domain

La ricerca e lo studio

La ricerca prodotta dal National Trust  – un’organizzazione che lavora per conservare e proteggere l’eredità storica e naturale del Regno Unito – mette in evidenza come “il distacco fisico dalle esperienze in natura si rifletta anche nel linguaggio corrente, soprattutto tra le nuove generazioni.

Nel Regno Unito in 25 anni  – c’è scritto nel documento – alcune parole di uso comune tra cui web, cloud, tweet, stream hanno via via assunto un significato molto lontano da quello originariamente legato alla natura: questi termini vengono ormai associati quasi esclusivamente al mondo digitale. Nel linguaggio corrente, appena l’1% degli intervistati associa la parola ‘cinguettio-tweet’ a quella dei versi degli uccelli, mentre ‘cloud-nuvola’ in 30 anni ha perso il suo significato originale in almeno tre quarti di chi la utilizza. Persino il termine ‘stream-ruscello’ se negli anni ’90 richiamava praticamente sempre l’ambiente fluviale, oggi lo fa solo per il 36% delle persone”.

parole

Le parole della natura che abbiamo perso -CC0, public domain, royalty free
Public Domain

YouGov, società internazionale britannica di ricerche di mercato e analisi dei dati, ha scoperto che il distacco dal significato originario di alcune parole avviene intorno ai 10 anni, avendo condotto un’analisi su un campione di bambini dai 6 ai 12 anni. E’ emerso anche che un genitore e un nonno su quattro sono preoccupati che i significati originali di tali parole andassero perduti.

Il dottor Robbie Love, borsista di linguistica all’Università di Leeds, che ha condotto parte dello studio  utilizzando due serie di dati di conversazioni informali tra membri del pubblico britannico, afferma: “La lingua rappresenta ciò che è importante per una cultura o una società. Il fatto che il linguaggio della natura venga sostituito o usato meno frequentemente suggerisce che la natura potrebbe diventare meno importante o essere sostituita da altre cose“.

La ricerca mostra come il significato implicito di alcune parole comuni della natura sia cambiato radicalmente nel Regno Unito nel corso di una sola generazione, dagli anni Novanta al 2010.

E tutto questo nel Regno Unito, patria dell’inglese, la lingua internazionale, quella che tutti dovremmo sapere come base – oltre all’italiano o a quella del nostro paese – per affrontare le sfide del futuro. Se facessimo una ricerca del genere in Italia cosa risulterebbe?

 

 

Questo progetto web utilizza la tecnologia 'cookies' per migliorare l'esperienza generale del Sito. I Cookies sono piccoli file testuali mantenuti sul proprio computer o dispositivo. Ci permettono di assicurarti la miglior esperienza di navigazione possibile e di capire come utilizzi il nostro sito. Questo messaggio di avviso ti viene proposto in base alle nuove normative sui diritti utenti nelle comunicazioni e servizi web, sui dati personali e la protezione della privacy. Privacy policy

Questo progetto web utilizza la tecnologia 'cookies' per migliorare l'esperienza generale del Sito. I Cookies sono piccoli file testuali mantenuti sul proprio computer o dispositivo. Ci permettono di assicurarti la miglior esperienza di navigazione possibile e di capire come utilizzi il nostro sito. Questo messaggio di avviso ti viene proposto in base alle nuove normative sui diritti utenti nelle comunicazioni e servizi web, sui dati personali e la protezione della privacy.

Chiudi Popup