Back

Genius Watter: la start up italiana a emissioni zero per l’acqua pulita

L’obiettivo 6 dei 17 Sustainable Development Goals dell’Agenda 2030 consiste nel garantire accesso all’acqua potabile e alle strutture igienico sanitarie in maniera sostenibile. Una start up italiana nata nel 2018 dall’idea di Franco Traverso, ingegnere pioniere del fotovoltaico nel nostro paese, potrebbe aiutare i paesi in via di sviluppo a raggiungere questo obiettivo. Ancora 663 milioni di persone nel mondo infatti non hanno accesso infatti a risorse di acqua potabile. La start up creata da Traverso e da suo figlio Dario si chiama Genius Watter e combina l’energia dei pannelli fotovoltaici alla desalinizzazione dell’acqua, per renderla potabile, tramite un processo di osmosi inversa. Il sistema Genius Watter non prevede investimenti iniziali e può essere utilizzato in ambienti rurali, laddove scarsità di acqua potabile e di energia sono spesso coincidenti. A oggi il progetto è ancora agli inizi ed è stato testato in Italia, dove è costante l’attività di ricerca e sviluppo, ed è presente un impianto a Capo Verde, nell’isola di Boa Vista. I fondatori della start up segnalano però che quest’anno sono già molte le richieste di applicazione di questa tecnologia che hanno ricevuto da diverse parti del mondo, soprattutto da paesi dell’Africa, come Kenya, Madagascar e Marocco ma anche, per esempio, dalle Filippine. Abbiamo intervistato il fondatore della start up, Franco Traverso, per saperne di più.

 

In quali paesi avete applicato la tecnologia Genius Watter e con quali risultati?

“L’arcipelago Capoverdiano è stato il nostro focus fin dal progetto pilota nel 2018, in quanto manifesta tutte le caratteristiche favorevoli per l’applicazione di una tecnologia di desalinizzazione solare, da un prezzo dell’acqua tra i più alti al mondo all’effettiva necessità di avere una maggior disponibilità d’acqua sia per uso agricolo che potabile” afferma il fondatore, Franco Traverso. Nel paese africano sono già presenti progetti di desalinizzazione a causa della scarsità di acqua potabile che caratterizza l’arcipelago, sia in quanto necessari per la popolazione locale, sia per il crescente turismo nella zona che richiede infrastrutture più moderne.

Come funziona la tecnologia di Genius Watter?

“L’impianto Genius Watter è composto da due macro-componenti, il campo fotovoltaico e il sistema di desalinizzazione e trattamento dell’acqua. Il primo fornisce tutta l’energia necessaria per azionare e far funzionare le membrane che tramite un processo a osmosi inversa (separazione dell’acqua dai sali tramite un’elevata pressione esercitata su membrane semi-permeabili), rendono l’acqua fruibile per diversi utilizzi. Il campo fotovoltaico permette inoltre il funzionamento delle pompe che prelevano l’acqua dal sottosuolo o dal mare convogliandola all’interno dell’unità di desalinizzazione. Uno degli aspetti veramente innovativi del sistema brevettato da Genius Watter è che ciascuno dei componenti dell’impianto può funzionare in momenti diversi e con intensità diverse a seconda della necessità e in base all’energia disponibile prelevata dal campo fotovoltaico. Così, in una giornata nuvolosa, dove la variabilità meteo si traduce in un’energia non sempre costante, l’impianto è in grado di convogliare l’energia, prima alle pompe che prelevano l’acqua e solo successivamente all’unità di desalinizzazione per le fasi di purificazione e potabilizzazione in caso di destinazione al consumo umano.”

 

Perché si può ritenere a impatto zero?

“I sistemi Genius Watter, una volta installati, rendono l’acqua accessibile e fruibile a impatto zero perché alimentati al 100% a energia solare, non richiedendo il consumo di combustibili fossili impiegati nelle metodologie convenzionali. Non utilizzano inoltre batterie di accumulo, grazie a una speciale ripartizione dell’energia fotovoltaica, contribuendo alla riduzione del loro impatto ambientale sia in fase di produzione che, soprattutto, in fase di smaltimento. Nel trattamento dell’acqua salmastra, focus principale delle applicazioni di Genius Watter, il prodotto risultante dal processo di desalinizzazione è caratterizzato da una salinità nettamente inferiore rispetto a quello derivante da un trattamento di acqua marina. Ciò comporta la preservazione della biodiversità marina nel caso in cui la “salamoia” venga rilasciata in mare avendo un grado di salinità inferiore.

Inoltre, questo sottoprodotto della desalinizzazione RO (Reverse Osmosis, ovvero osmosi inversa, n.d.r.) a energia solare, trova impiego nello sviluppo di sistemi di produzione agricola biosalina sostenibili e resistenti al clima per regioni con elevata siccità.”

 

Questo progetto web utilizza la tecnologia 'cookies' per migliorare l'esperienza generale del Sito. I Cookies sono piccoli file testuali mantenuti sul proprio computer o dispositivo. Ci permettono di assicurarti la miglior esperienza di navigazione possibile e di capire come utilizzi il nostro sito. Questo messaggio di avviso ti viene proposto in base alle nuove normative sui diritti utenti nelle comunicazioni e servizi web, sui dati personali e la protezione della privacy. Privacy policy

Questo progetto web utilizza la tecnologia 'cookies' per migliorare l'esperienza generale del Sito. I Cookies sono piccoli file testuali mantenuti sul proprio computer o dispositivo. Ci permettono di assicurarti la miglior esperienza di navigazione possibile e di capire come utilizzi il nostro sito. Questo messaggio di avviso ti viene proposto in base alle nuove normative sui diritti utenti nelle comunicazioni e servizi web, sui dati personali e la protezione della privacy.

Chiudi Popup