Back
Fridays for future Italia

Fridays for future: la mobilitazione continua con il #DigitalGlobalStrike

Un impegno che non conosce sosta. Nemmeno la pandemia di Covid-19 ferma infatti l’attivismo di Fridays for Future Italia. Certo, sono cambiate le modalità di protesta, che lo scorso anno gremivano le piazze sull’onda degli incontri organizzati da Greta Thunberg. Ora la mobilitazione è diventata virtuale, arrivando alla promozione del #DigitalGlobalStrike, sfruttando la potenza comunicativa dei social.

La richiesta è perentoria e riguarda la necessità di cambiare le politiche economiche, con una riconversione del modello produttivo per arrivare all’impatto zero sull’ambiente. Anche per questo è stata lanciata la campagna Ritorno al Futuro, che ha trovato il sostegno di altre sigle ambientaliste, come Greenpeace, WWF e WWF Young, Legambiente, Terra! e Stop-TTIP.  Un fronte ancora più ampio, dunque, consapevole che dopo l’emergenza del Coronavirus non si dovrà “tornare alla normalità”. A quel sistema economico basato sullo sfruttamento delle risorse con un pesante impatto sul clima. E, come evidenza bene l’attivista romana Marianna Panzarino, contro l’emergenza climatica non basterà una quarantena (qui l’articolo di Impakter Italia che ne spiega i motivi). 

I sette punti in agenda del Fridays For Future Italia

A che serve postare foto con l'# #DigitalStrike e partecipare al 5º sciopero mondiale per il clima? A tenere alta l'…

Pubblicato da Marianna Panzarino su Venerdì 24 aprile 2020

Fridays for Future Italia ha stilato sette punti da sottoporre all’attenzione della politica. Con uno scopo preciso: imporre un cambiamento dell’agenda. Il primo punto è quello di rilanciare l’economia investendo nella riconversione ecologica. Nel caso specifico viene richiesto di “eliminare gradualmente” i 19 miliardi di sussidi ambientalmente dannosi, indirizzandoli “a misure di compensazione per evitare ricadute sociali ed occupazionali”.

E ancora si chiede di riaffermare il ruolo pubblico nell’economia, osservando che “la crisi petrolifera crea il momento perfetto perché il controllo del settore energetico torni in mano pubblica, in modo da puntare verso una rapida e totale riconversione”.

Davvero, starei studiando, ma a cosa serve se chi ha studiato non viene ascoltato?Se il lavoro di 50 anni di…

Pubblicato da Laura Vallaro su Venerdì 24 aprile 2020

Riconversione e giustizia climatica

Inoltre i Fridays for future italiani ribadiscono l’impegno per arrivare alla realizzazione della giustizia climatica e sociale con “la riconversione” che “deve avvenire tutelando i lavoratori e le lavoratrici ed il suo costo deve gravare su coloro che hanno le maggiori disponibilità economiche, nonché le maggiori responsabilità nella crisi climatica”.

C’è poi il ripensamento del sistema agroalimentare, che deve essere “meno impattante, più locale, più trasparente e a base principalmente vegetale”. Quindi un altro punto è la tutela della salute, del territorio e della comunità, con investimenti sulla sanità pubblica e l’interruzione della “costruzione di ogni infrastruttura legata ai combustibili fossili, evitando investimenti sempre più sconvenienti dal punto di vista economico e climatico”.

Anche oggi, come 5 mesi fa, attivist* indossano la mascherina. Magari al tempo ti segnalavano alle forze dell'ordine,…

Pubblicato da Livia Tolve su Venerdì 24 aprile 2020

Infine ci sono i capitoli di promozione della democrazia, istruzione e ricerca e la costruzione dell’Europa della riconversione e dei popoli. A partire dal Green Deal europeo che “va nella giusta direzione ma è ancora ampiamente insufficiente”, e la richiesta di superamento del “paradigma cieco e sterile dell’austerità”. 

Questo progetto web utilizza la tecnologia 'cookies' per migliorare l'esperienza generale del Sito. I Cookies sono piccoli file testuali mantenuti sul proprio computer o dispositivo. Ci permettono di assicurarti la miglior esperienza di navigazione possibile e di capire come utilizzi il nostro sito. Questo messaggio di avviso ti viene proposto in base alle nuove normative sui diritti utenti nelle comunicazioni e servizi web, sui dati personali e la protezione della privacy. Privacy policy

Questo progetto web utilizza la tecnologia 'cookies' per migliorare l'esperienza generale del Sito. I Cookies sono piccoli file testuali mantenuti sul proprio computer o dispositivo. Ci permettono di assicurarti la miglior esperienza di navigazione possibile e di capire come utilizzi il nostro sito. Questo messaggio di avviso ti viene proposto in base alle nuove normative sui diritti utenti nelle comunicazioni e servizi web, sui dati personali e la protezione della privacy.

Chiudi Popup