Back

E’ il liberismo, bellezza!

Cosa c’è davvero dietro il “muro” di Trump? Perché il tycoon della Casa Bianca sta tenendo il Paese in ostaggio con lo shutdown più lungo della storia americana? C’è un disegno politico più raffinato e insidioso dietro la rozza politica della paura che conquista la pancia degli Americani?

 

Cos’è lo shutdown

Il Presidente USA si sta imputando nel pretendere dal Congresso 5,7 miliardi di dollari per la costruzione del muro fra USA e Messico. I democratici però, in maggioranza alla Camera e di poco in minoranza al Senato, hanno i numeri per impedire lo stanziamento dei fondi. Nessuna delle parti intende cedere e la contrapposizione ha portato il Congresso all’impossibilità di approvare la legge di bilancio. Quando questo accade, si avvia automaticamente lo shutdown, una procedura straordinaria che consiste nel blocco delle attività amministrative. Agenzie e uffici federali si fermano per mancanza dei fondi necessari al loro funzionamento, incluso il pagamento degli stipendi di chi ci lavora. Attualmente sono circa 800mila i dipendenti pubblici senza stipendio. Questa è la situazione dallo scorso 21 dicembre. Una paralisi parziale che sembra destinata a peggiorare e che ha portato l’agenzia Fitch a ipotizzare un taglio del rating USA.

 

Tale Ronald tale Donald

Trump ha affermato che lo shutdown continuerà finché non arriveranno i fondi per il muro. È su questo punto che è bene fare un riflessione, come suggerisce Paul Krugman sul New York Times. La giustificazione della difesa nazionale non sembra reggere davanti ai gravissimi disagi inferti alla nazione, come ad esempio la paralisi in alcuni dei maggiori aereoporti.

E se fosse un grande esperimento di sospensione del governo, proprio com’era nei sogni di Ronald Reagan?

Nel suo primo discorso di insediamento, l’ex attore di Hollywood diventato Presidente dichiarò che il governo non era la soluzione ai problemi bensì era il problema. Uno slogan iperliberista che i suoi successori repubblicani, Bush padre e figlio, hanno fatto loro, ma senza tradurlo veramente in azione politica. Cosa che invece sta facendo Trump nelle ultime settimane.

Con lo shutdown, infatti, i pagamenti e le attività sospese sono soprattutto quelle relative a programmi federali che i repubblicani, e più in generale l’America liberista, vorrebbero da sempre abolire, poiché ritenuti parassitari.

Ad esempio, a causa dello shutdown, la Small Business Administration (SBA), agenzia governativa specializzata nel supporto alle piccole imprese, non sta concedendo prestiti. La Food and Drug Administration (FDA), ente governativo adibito alla regolamentazione dei prodotti alimentari e farmaceutici, ha fortemente ridotto la sua attività, mettendo a rischio la salute dei cittadini. Anche i sussidi per gli agricoltori sono a rischio.

Questi sono alcuni degli esempi di intervento federale che i repubblicani e l’establishment liberista bollano come indebita ingerenza statale, assistenziale, improduttiva e lesiva del libero commercio.

Curioso. Dagli impiegati alla piccola impresa, fino ai piccoli agricoltori, quell’America che si è affidata a Trump affinchè difendesse gli interessi del popolo sovrano e sovranista, affamato dalle élite, oggi si vede affamare dallo shutdown dello stesso Trump.

È il liberismo bellezza !

Mauro Pasquini

Questo progetto web utilizza la tecnologia 'cookies' per migliorare l'esperienza generale del Sito. I Cookies sono piccoli file testuali mantenuti sul proprio computer o dispositivo. Ci permettono di assicurarti la miglior esperienza di navigazione possibile e di capire come utilizzi il nostro sito. Questo messaggio di avviso ti viene proposto in base alle nuove normative sui diritti utenti nelle comunicazioni e servizi web, sui dati personali e la protezione della privacy. Privacy policy

Questo progetto web utilizza la tecnologia 'cookies' per migliorare l'esperienza generale del Sito.I Cookies sono piccoli file testuali mantenuti sul proprio computer o dispositivo. Ci permettono di assicurarti la miglior esperienza di navigazione possibile e di capire come utilizzi il nostro sito.Questo messaggio di avviso ti viene proposto in base alle nuove normative sui diritti utenti nelle comunicazioni e servizi web, sui dati personali e la protezione della privacy.

Chiudi Popup