Back
Droga eroina lockdown covid

Droga: rischio Hiv e overdose causati dal Coronavirus

La droga diventa ancora più pericolosa nell’era della pandemia da Covid-19. E addirittura si può registrare un aumento di casi di Hiv, nonostante la difficoltà di vendita delle sostanze stupefacenti. Molti tossicodipendenti in una situazione di crisi economia, condividono maggiormente gli aghi e gli strumenti necessari per il consumo, soprattutto per l’uso endovenoso di eroina. L’impatto sui traffici di droga è uno degli effetti collaterali del Coronavirus. Si dirà: bene così, almeno per quanto riguarda la circolazione. Eppure la risposta non è tanto semplice.

La riduzione del mercato nero ha sicuramente diminuito la circolazione di droghe. Ma allo stesso tempo ha fatto aumentare i prezzi a fronte di un peggioramento della qualità. Con i rischi annessi per chi ne fa uso, su tutti l’overdose. L’allarme è stato lanciato da un report dell’United Nations Office on Drugs and Crime (Unodc), che ha esaminato vari aspetti. Dalla produzione al trasporto, fino alla vendita. In Italia, per esempio, c’è stato un grosso calo di sequestri di droga: un segnale che i canali tradizionali sono stati chiusi per il lockdown. Ma altri probabilmente sono rafforzati, come la vendita sul darkweb.

Droga: i dati sul traffico correlato ai trasporti (Fonte: Unodc)

Droga: i rischi della minore offerta

Nella nota introduttiva della ricerca il ragionamento è chiaro: “La carenza di offerta di droga può andare di pari passo con una riduzione complessiva del consumo (ad esempio, di sostanze che vengono consumate in attività ricreative ambienti come bar e club). Ma può anche portare, soprattutto nel caso dell’eroina, al consumo di sostanze nocive di produzione nazionale. E a modelli più dannosi di consumo di droghe da parte delle persone”. Soprattutto chi ha sviluppato dipendenza può far ricorso a oppiacei sintetici.

Lo studio annota un elemento importante. La diminuzione del traffico riguarda in gran parte le droghe trasportate attraverso gli aerei, quindi quelle sintetiche. “L’eroina è per lo più trafficata via terra, spesso insieme a merci legali. Mentre la cocaina viene principalmente trasportata via mare, utilizzando anche imbarcazioni non commerciali come navi specializzate e yacht”, si legge nella ricerca. “Le droghe sintetiche – prosegue il rapporto Unodc – tendono a essere trafficate via aerea, con alcune sostanze che raggiungono alcune Paesi in grandi proporzioni, e viene effettuata da corrieri che utilizzano pacchi o nascondono droghe nel loro bagaglio personale”.

Senza aereo, le sostanze arrivano dal mare

Gli analisti delle Nazioni Unite sostengono che l’epidemia di Coronavirus e le misure di lockdown abbiano favorito il trasporto marittimo per far arrivare le sostanze stupefacenti ai canali di smercio locale. In alcuni Paesi europei, nei porti sono stati fatti grandi sequestri di cocaina proveniente dalla Colombia, segnalando una nuova rotta del traffico che prima avveniva in gran parte via terra. È probabile, inoltre, che i trafficanti di droga al momento stiano stoccando i carichi, aumentando le scorte in attesa di un ulteriore allentamento delle misure restrittive.

Il caso della cannabis è invece fa storia a sé. “Il traffico di cannabis potrebbe non essere influenzato allo stesso modo del traffico di eroina o cocaina, dato che la produzione avviene spesso vicino ai mercati di consumo ed è quindi meno dipendente da lunghe spedizioni transregionali”, scrivono gli autori della ricerca.

Il traffico di droga dopo il Covid-19

Il quadro è piuttosto complicato, anche per la difficile interpretazione sull’evoluzione degli eventi. Dalle Nazioni Unite arrivano in tal senso indicazioni: “Le persone che usano droghe possono accedere sempre più alla darknet per aggirare gli effetti del controllo stradale e della consegna di droga per posta potrebbero diventare più popolari”, si legge nel rapporto Unodc.

E l’Agenzia dell’Onu ribadisce il dovere di osservare le dinamiche: “Lo stretto monitoraggio della catena di approvvigionamento e dei modelli di consumo di stupefacenti, nonché delle loro conseguenze, è fondamentale per valutare se i cambiamenti osservati sono solo temporanei o se i mercati della droga subiranno una trasformazione duratura”.

Questo progetto web utilizza la tecnologia 'cookies' per migliorare l'esperienza generale del Sito. I Cookies sono piccoli file testuali mantenuti sul proprio computer o dispositivo. Ci permettono di assicurarti la miglior esperienza di navigazione possibile e di capire come utilizzi il nostro sito. Questo messaggio di avviso ti viene proposto in base alle nuove normative sui diritti utenti nelle comunicazioni e servizi web, sui dati personali e la protezione della privacy. Privacy policy

Questo progetto web utilizza la tecnologia 'cookies' per migliorare l'esperienza generale del Sito.I Cookies sono piccoli file testuali mantenuti sul proprio computer o dispositivo. Ci permettono di assicurarti la miglior esperienza di navigazione possibile e di capire come utilizzi il nostro sito.Questo messaggio di avviso ti viene proposto in base alle nuove normative sui diritti utenti nelle comunicazioni e servizi web, sui dati personali e la protezione della privacy.

Chiudi Popup