Back
Cammini contro il Coronavirus

Dal Cilento all’Abbazia del Goleto: i cammini come “cura” del Coronavirus

Il camminare, la direttrice risolutiva delle prospettive future, quindi l’individuazione dei cammini: questo l’argomento degli operatori di settore all’emergenza del Coronavirus, in un momento in cui si opera una ciclica staticità biologica all’interno delle abitazioni domestiche.

I Cammini: perché sono una “cura” contro il Coronavirus

Da una lettera aperta del presidente Alberto Conte dell’Associazione Movimento Lento, ente di promozione culturale del viaggiare a piedi e in bicicletta, arriva la mozione della campagna di sostegno #iocamminoinitalia, in una proposta di rivitalizzazione turistico rivolte alle microeconomie colpite dall’emergenza del Covid-19. Lo slow travel, oltre ad essere un esempio di modus vivendi, diventa una nuova forma di fare e ricevere cultura, oltre ad essere un prototipo economico fondato sui valori dell’accoglienza e della condivisione.

Il 2019 è stato l’anno del turismo lento, già preceduto dal 2016, dall’anno dei Cammini, un chiaro segnale di propensione allo sviluppo di un modello turistico teso ai valori della sostenibilità e dell’autenticità territoriale. Il movimento lento, come dimostrato, è stato esempio virtuoso di sviluppo e di promozione soprattutto delle aree interne, ancora in fase di espansione e di miglioramento dei Cammini d’Italia, secondo gli 11 criteri previsti dal Mibact.

Nella missiva digitale Alberto Conte, ricorda i progetti dediti alle aree colpite dal terremoto con il Cammino delle Terre Mutate, nel 2016, un itinerario cognitivo e di comunanza nei luoghi trasformati dal sisma. e il Cammino della Solidarietà, di analoghi intenti alle terre mutate e in favore del ripristino delle microeconomie.

Gli esempio del docufilm I Volti della Francigena

Dal docufilm I Volti della Francigena di Fabio Dipinto, un feedback di profonda e coerente attualità da parte di uno dei fruitori intervistati successivamente all’esperienza fatta, sostenendo che ‘Camminare è un’attività profondamente democratica, la fatica è uguale per tutto, si condivide tutto […]’. Il turismo lento e la vacanza di senso, di fatto, hanno l’intento emozionale in comune ovvero validità per sé stessi.

Tra i percorsi campani, alcuni rientrati ufficialmente anche all’interno dell’Atlante dei Cammini in Italia troviamo: il Cammino di San Nilo, il Sentiero degli Dei, Regina Viarum e il Cammino di San Guglielmo.

Il Cammino di San Nilo-Cilento

Il cammino di San Nilo all’interno del parco nazionale del Cilento

Il Cammino di San Nilo, nel Cilento bizantino, è un itinerario che, nell’attività peripatetica, ripercorre i passi spirituali del monaco Nicola di Rossano Calabro. Esso percorre 100 chilometri, suddivisi in 7 tappe differenti, da Torraca, comune apripista, proseguendo nel Basso Cilento, toccando Palinuro, Centola, e gli altri 11 borghi immersi nella natura del Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni.

Il sentiero degli Dei-Costiera Amalfitana

Un connubio tra storia e natura, questo il Sentiero degli Dei, un percorso naturalistico di 9 chilometri, all’incirca, nel perimetro frastagliato della Costiera Amalfitana, da Agerola a Positano. In un andamento di circa 7 ore, lo scenario incontaminato della macchia mediterranea, scala dolcemente la natura scoscesa dei monti Lattari, da cui si può scorgere, alla meta, la magnifica isola di Capri. Proprio in questo tracciato di confine, tra terra e mare, sono sedimentate narrazioni storiche e leggendarie legate alle divinità greche, le quali approdarono qui per salvare Ulisse, sull’isola de Li Galli, dalle sirene incantatrici.

Regina Viarum, il progetto della Via Appia

La regina viarum, l’Appia Antica (Foto Wikipedia: Livioandronico2013)

Il progetto ‘Appia Regina Viarum’ è una retta viaria mediterranea, di evidente importanza storica, che tocca 44 comuni campani e 13 comuni irpini.

L’iniziativa, prende spunto dal viaggio di Paolo Rumiz, giornalista, scrittore e viaggiatore italiano, lungo l’antico tracciato viario romano. L’Appia, in prospettiva futura, potrebbe diventare il primo cammino nazionale laico a matrice culturale di 29 tappe attraversanti il Lazio per 150 chilometri, tra le province di Roma e Latina, la Campania con 190 chilometri, tra le province di Caserta, Benevento e Avellino, la Basilicata con 83 chilometri tra le province di Potenza e Matera e la Puglia con 186 chilometri tra le province di Foggia, Bari, Taranto e Brindisi.

Il cammino di San Guglielmo: da Montevergine al Goleto

Abbazia del Goleto (Fonte: Wikipedia: Citterio)

Il Cammino di Santiago è un tragitto religioso percorso nella provincia di Avellino, sui passi di San Guglielmo. Tre tappe in 95 chilometri scoprendo le profondità della Terra di Mezzo, dove ha camminato scalzo il santo, trovando ristoro rigenerativo nelle due Abbazie, quella di Montevergine e in quella del Goleto. I percorsi del santo Patrono d’Irpinia, viandante d’Europa, sono ripercorsi nelle domeniche di maggio, dai quali aspettarsi le vedute suggestive dagli Alburni, fino al Matese, e quelle più vicine dell’Eremita-Marzano, dell’Oppido di Lioni, del Montagnone di Nusco, del Tuoro di Chiusano, fino all’Abbazia di Montevergine.

Questo progetto web utilizza la tecnologia 'cookies' per migliorare l'esperienza generale del Sito. I Cookies sono piccoli file testuali mantenuti sul proprio computer o dispositivo. Ci permettono di assicurarti la miglior esperienza di navigazione possibile e di capire come utilizzi il nostro sito. Questo messaggio di avviso ti viene proposto in base alle nuove normative sui diritti utenti nelle comunicazioni e servizi web, sui dati personali e la protezione della privacy. Privacy policy

Questo progetto web utilizza la tecnologia 'cookies' per migliorare l'esperienza generale del Sito.I Cookies sono piccoli file testuali mantenuti sul proprio computer o dispositivo. Ci permettono di assicurarti la miglior esperienza di navigazione possibile e di capire come utilizzi il nostro sito.Questo messaggio di avviso ti viene proposto in base alle nuove normative sui diritti utenti nelle comunicazioni e servizi web, sui dati personali e la protezione della privacy.

Chiudi Popup