Back
Pioggia clima

Da Milano a Roma, cosa rischiano le città con il clima che cambia

L’Italia è a rischio flagello per il clima, a causa dell’emergenza. Con un impatto diretto sulle grandi città, da Milano a Napoli, fatto di allagamenti e rischio per i residenti. In che modo? “A Milano si sono registrati 150 eventi di piena negli ultimi 140 anni e in anni recenti si sono manifestati meno giorni piovosi, ma piogge più intense. A Napoli, piogge intense che fino ad oggi si sono verificate ogni 10 anni, potrebbero verificarsi ogni 4”.

È la sintesi dello studio pubblicato dalla Fondazione CMCC, Centro Euro-Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici. Ma non solo: “A Venezia, ad esempio, negli ultimi 150 anni il livello idrico relativo della città è cresciuto di oltre 30 cm e la soglia critica è stata superata 40 volte negli ultimi 10 anni”, spiegano i ricercatori, mentre “a Bologna, la rete di drenaggio protegge la città dal rischio idraulico, secondo le proiezioni climatiche ci si aspetta per il futuro un aumento di intensità e frequenza di fenomeni di allagamento”.

Emergenza clima e decessi a Roma

Nel dettaglio, a Roma la situazione attuale è quella di una temperatura media estiva sopra i 30 gradi, che provocano già oggi fino a 600 decessi. Il trend del clima è quello di un incremento di oltre 3 gradi e mezzo delle temperature media in estate. Di contro c’è l’aumento di eventi estremi. L’allarme è quello di possibili esondazioni dei corsi d’acqua, visto che il 91% del territorio è impermeabilizzato.

A Milano, si diceva, non va meglio: dal 1990 al 2004 è cresciuta del 32,4% la mortalità legata al caldo, mettendo in pericolo soprattutto gli over 65. Anche in questo caso c’è una tendenza alla diminuzione delle giornate piovose e un aumento dell’intensità delle piogge. Le previsioni sono quelle di allagamenti più frequenti. Non è risparmiata Torino, dove viene segnalato l’incremento delle notti molto calde in estate (+13). Un quadro comune sul clima, seppure con specificità diverse, nelle sei città prese in esame.

I rischi per la salute

Pioggia maltempo temporale

Foto di MonikaP da Pixabay

Spiega la docente Donatella Spano: “Se pensiamo al sistema urbano italiano, dove risiede oltre il 56% della popolazione, alle sue caratteristiche fisiche e strutturali per quantità e qualità del costruito, risulta chiaro che i nostri centri urbani sono dei veri hot-spot per le conseguenze del cambiamento climatico”.

“Questo – aggiunge Spano – comporta che fenomeni estremi come ondate di calore e precipitazioni intense possano produrre impatti la cui intensità è diversa che altrove, mettendo a serio rischio la salute e l’incolumità soprattutto delle categorie di popolazione più fragile”. Cosa bisogna fare, quindi? “Per limitare queste conseguenze negative, che dipendono molto dalle specifiche caratteristiche di una città, sono necessari studi e analisi mirati a individuare i rischi di ogni singola realtà urbana e a mettere in atto gli strumenti più adeguati di risposta che tengano conto delle peculiarità dei diversi territori”, conclude Spano.

Questo progetto web utilizza la tecnologia 'cookies' per migliorare l'esperienza generale del Sito. I Cookies sono piccoli file testuali mantenuti sul proprio computer o dispositivo. Ci permettono di assicurarti la miglior esperienza di navigazione possibile e di capire come utilizzi il nostro sito. Questo messaggio di avviso ti viene proposto in base alle nuove normative sui diritti utenti nelle comunicazioni e servizi web, sui dati personali e la protezione della privacy. Privacy policy

Questo progetto web utilizza la tecnologia 'cookies' per migliorare l'esperienza generale del Sito. I Cookies sono piccoli file testuali mantenuti sul proprio computer o dispositivo. Ci permettono di assicurarti la miglior esperienza di navigazione possibile e di capire come utilizzi il nostro sito. Questo messaggio di avviso ti viene proposto in base alle nuove normative sui diritti utenti nelle comunicazioni e servizi web, sui dati personali e la protezione della privacy.

Chiudi Popup