Back

Cucina da chef e cibi sostenibili

San Francisco è spesso considerata una mecca del cibo negli Stati Uniti, famosa per i suoi ristoranti e per il Golden Gate Bridge. Come città attenta all’ambiente, San Francisco ha adottato misure per garantire che l’amore per il cibo rispecchi il proprio amore per l’ambiente. Nel 2009, l’allora sindaco Gavin Newsom ha annunciato una direttiva esecutiva per promuovere la produzione e il consumo di cibi sostenibili e sani nello stato. Oggi, il fiorente sistema alimentare di San Francisco non beneficia solo della salute, dell’economia e dell’ambiente dello stato ma anche dei suoi abitanti, con molti ristoranti che optano per menu stagionali al fine di promuovere la sostenibilità.

Date un’occhiata ad alcuni dei migliori ristoranti attenti all’ambiente che San Francisco ha da offrire!

IL PERENNIAL

Di proprietà dell’executive chef Anthony Myint e della restauratrice Karen Leibowitz, The Perennial offre piatti sofisticati e soddisfacenti interamente dedicati alla sostenibilità. Il ristorante promuove un modello ottimistico di sostenibilità, utilizzando il cibo per contribuire positivamente all’ambiente, assorbendo l’anidride carbonica e invertendo i cambiamenti climatici in maniera diretta. Una componente cruciale della missione sostenibile del Perennial riguarda l’agricoltura rigenerativa, un sistema di agricoltura che aumenta la biodiversità, arricchisce il suolo e migliora gli ecosistemi. La macelleria del Perennial macella tutta la loro carne autonomamente come parte di un programma di carne “dal naso alla coda” e prepara il pane quotidianamente usando un grano perenne rigenerante che assorbe il carbonio chiamato kernza.

Tutta la carne e i latticini utilizzati al ristorante provengono da una fattoria locale di San Francisco, chiamata Stemple Creek Ranch, che pratica l’allevamento carbon farming. Lì, i bovini pascolano e si nutrono di pascoli trattati con compost, favorendo la crescita di erbe perenni che sono in grado di immagazzinare carbonio nelle loro radici. Il ristorante gestisce anche una serra ad acquaponica, dove i rifiuti alimentari provenienti dalla cucina vengono utilizzati e trasformati in compost. The Perennial spesso rinnova i suoi menu secondo i migliori prodotti disponibili, ma a cena quest’inverno, un’insalata acquaponica, un merluzzo nero di Monterey e un semifreddo al latticello per dessert saranno sicuramente il top!

GREENS

Aperto per la prima volta nel 1979, il ristorante Greens è diretto dallo chef e autore Annie Sommerville. Affacciato sul porto turistico di San Francisco con una splendida vista sul Golden Gate Bridge e sulle Marin Headlands, il Greens è uno dei ristoranti più famosi della Bay Area. Sommerville è una pioniera della sostenibilità alimentare, che lavora personalmente con aziende agricole biologiche locali come Green Gulch Farm nella contea di Marin per scegliere i prodotti stagionali più freschi e saporiti da portare in cucina e al tavolo.

Il ristorante stesso è anche un’opera d’arte sostenibile, costruito dal maestro artigiano Paul Discoe. L’intera costruzione è stata eseguita senza chiodi, utilizzando tecniche di falegnameria giapponese. Discoe incorpora dodici varietà di legno, tra cui porte in noce nera, scale in noce e un’enorme scultura in legno di sequoia.     I tavoli da pranzo sono fatti anche da diverse varietà come acero e legno di ciliegio. Il menu di Greens cambia stagionalmente e il ristorante ha anche una sezione greens-to-go per i clienti che hanno fretta con piatti da asporto! Da provare a brunch il Pinnacles Scramble con peperoncino ai fagioli neri o le Pappardelle al limone Meyer con funghi gallinacci e pomodori datterini gialli per cena.

HOG ISLAND OYSTER CO.

Incentrato sull’acquacoltura sostenibile e l’allevamento di ostriche, Hog Island Oyster Co. ha una filosofia “Bay to Bar” dalla Baia al tavolo. Biologi marini di giorno e allevatori di ostriche di notte, credono che ogni passo dalla fattoria alla tavola sia importante. Il personale di Hog Island raccoglie ogni ostrica a mano, selezionandole per dimensioni e qualità, ed i fondatori John Finger e Terry Sawyer hanno persino sviluppato un esclusivo sistema di stoccaggio di acqua salata che filtra e raffredda l’acqua dalla baia per utilizzarla negli appositi contenitori dove si conservano le ostriche.

Considerato uno dei ristoranti più rispettosi dell’ambiente di San Francisco, Hog Island Oyster Co. ha anche recentemente collaborato con UC Davis per studiare l’acidificazione degli oceani. Le ostriche di Hog Island Sweetwater sono un must per tutto l’anno, sono state la prima varietà coltivata nel 1983 quando è iniziata la Hog Island Oyster Co.! Oggi raccolgono quattro diverse varietà di ostriche insieme alle vongole e alle cozze di Manila raccolte stagionalmente per i loro clienti all’oyster bar.

TATAKI

Il primo sushi bar sostenibile negli Stati Uniti, Tataki serve frutti di mare di provenienza responsabile e rispettosi dell’ambiente. Tataki si impegna da sempre a superare le sfide create dallo sfruttamento eccessivo della pesca e dalla pesca commerciale. I menu sushi spesso contengono ingredienti sovrasfruttati, come otoro, tonno e salmone, rendendolo meno sostenibile. Tuttavia, Tataki è stato creato pensando a questa preoccupazione e i loro menu sono formati in base alla disponibilità di frutti di mare, consapevoli della pericolosità per i pesci. Inoltre, il ristorante non fa uso di alcun pesce catturato che potrebbe comportare catture accessorie.

Tataki è specializzato in ingredienti sani, sostenibili e a basso impatto. I frutti e le verdure locali biologiche vengono utilizzati per accompagnare i frutti di mare, mostrando l’eleganza e la bellezza della cucina giapponese e rispettando la fragilità e la purezza dell’ambiente. I piatti di Tataki sono una specialità composta da pesci squisitamente preparati, delicatamente scottati e abbinati ad ingredienti in perfetta armonia. katsuo, tonnetto striato pescato a canna con microgreens e senape dolce o piccante, capesante di mare allevate con aioli di agrumi, cracker di riso e masago sono di sicuro una tentazione per i vostri palati.

TRACE

Una parte del W Hotel, TRACE, fonde tutti i suoi ingredienti in modo sostenibile e locale, creando piatti moderni con un distinto stile californiano. Ispirato al concetto di poter rintracciare le origini naturali del cibo, il ristorante si impegna a creare un’esperienza culinaria premurosa e gratificante combinando la vibrante identità della Bay Area con il proprio impegno per cibo socialmente e ambientalmente responsabile.

Non solo il cibo è sostenibile, ma TRACE offre anche una carta dei vini con vini biologici e biodinamici. Il menu ruota stagionalmente ed è creato dall’Executive Chef, Frederic Hoffman, che espone il meglio della cucina californiana fresca e stagionale. Per cena, perché non ordinare una focaccia con fichi da condividere per poi buttarsi su un salmone del fiume Campbell con purea di finocchio e olive verdi varietà arbequiina?

DYANNA SANDHU

Born in Singapore, Dyanna Sandhu currently lives in London. A graduate of Comparative Literature and Linguistics, she believes that communication and compassion are fundamental. She loves adventure and is passionate about art and travel.

Questo progetto web utilizza la tecnologia 'cookies' per migliorare l'esperienza generale del Sito. I Cookies sono piccoli file testuali mantenuti sul proprio computer o dispositivo. Ci permettono di assicurarti la miglior esperienza di navigazione possibile e di capire come utilizzi il nostro sito. Questo messaggio di avviso ti viene proposto in base alle nuove normative sui diritti utenti nelle comunicazioni e servizi web, sui dati personali e la protezione della privacy. Privacy policy

Questo progetto web utilizza la tecnologia 'cookies' per migliorare l'esperienza generale del Sito.I Cookies sono piccoli file testuali mantenuti sul proprio computer o dispositivo. Ci permettono di assicurarti la miglior esperienza di navigazione possibile e di capire come utilizzi il nostro sito.Questo messaggio di avviso ti viene proposto in base alle nuove normative sui diritti utenti nelle comunicazioni e servizi web, sui dati personali e la protezione della privacy.

Chiudi Popup