Back
Covid-19 nel mondo

Covid-19 e Sud America: i casi di Perù e Cile, il modello Uruguay

Non solo il Brasile sta facendo i conti con il Covid-19, a causa delle scelte scellerate del presidente Jair Bolsonaro. Certo, la situazione brasiliana appare fuori controllo. Ma, seppure con cifre diverse, nel Sud America il quadro continua a essere preoccupante, seppure esistano modelli virtuosi come Paraguay e Uruguay. Perù e Cile, invece, stanno affrontando il dramma di una curva crescente dei contagi. Per entrambi i Paesi il conteggio dei casi di Coronavirus veleggia verso quota 300mila. Una cifra enorme, considerando che il Perù ha 31 milioni di abitanti e il Cile ancora meno, circa 19 milioni. La proporzione tra popolazione e infezioni è quindi impressionante.

Jair Bolsonaro

Jair Bolsonaro

Al Cile non basta il coprifuoco

Il presidente cileno, l’ultraconservatore Sebastián Piñera, non ha seguito la dottrina Bolsonaro: ha imposto lo “stato di catastrofe”, con restrizioni molto rigide e finanche coprifuoco nelle ore notturne. Le strade presidiate da militari sono pressoché deserte di sera ed è possibile uscire solo per motivi di salute o di lavoro. Al momento non si intravedono possibilità di allentare in maniera sostanziale il lockdown, con tutti i problemi economici che questa decisione comporta.

I danni sociali e al tessuto economico alimentano altri timori: già alla fine dello scorso anno c’erano state proteste di piazza contro il presidente, giudicato inadatto ad affrontare la crisi economica. L’unica parziale consolazione è che il Paese sta limitando i danni con le vittime, che sono poco meno di 6mila (fino al 3 luglio) con un rapporto incoraggiante rispetto ai contagi. Le guarigioni, prossime a superare quota 250mila, testimoniano la buona risposta su questo versante.

Perù, tra povertà e Covid-19

La mappa del Sud America

La situazione è peggiore in Perù. I casi di Covid-19 crescono di tremila al giorno da inizio giugno, talvolta con picchi verso l’alto (mai verso il basso). I decessi sono più di diecimila a conferma che il sistema sanitario è in pesante sofferenza di fronte all’aggravarsi dell’emergenza. Il presidente peruviano, Martín Vizcarra (indipendente di centrodestra), ha subito attuato misure drastiche per provare a contenere l’epidemia.

I risultati, al momento, sono deludenti. Il problema è legato all’alta concentrazione di abitanti nei centri urbani, come per la capitale Lima. E molte persone devono uscire, ogni giorno, per acquistare beni di prima necessità nei mercati: nelle aree più periferiche nelle case mancano i frigoriferi. Le chiusure necessarie contro il virus stanno provocando ulteriori problemi sociali: secondo le stime della Banca Mondiale, infatti, il Pile perderà circa 12 punti percentuali.

Sud America: i modelli virtuosi contro il Covid-19

Covid-19 mascherina guanti

Foto di leo2014 da Pixabay

Intanto anche l’altro Paese più grande del Sud America, l’Argentina, inizia a subire pesantemente l’ondata di Covid-19, nonostante abbia retto abbastanza bene nelle scorse settimane. I casi totali sono 70mila (sempre al 3 luglio) con un numero relativamente limitato di vittime (circa 1.500). Tuttavia, la preoccupazione è legata al costante aumento di contagi nel Paese: da una decina di giorni sono oltre duemila le persone a cui viene riscontrata l’infezione. Peggio va per la Colombia che ha superato i 100mila casi e ha subito oltre 3.500 decessi.

Ma quali sono i Paesi del Sud America che stanno limitando l’impatto del Coronavirus? I numeri ufficiali indicano tre esempi: Paraguay, Uruguay e Venezuela. Nel caso del Paraguay ci sono state solo diciannove vittime e un numero di contagi totale che ha riguardato poco più di duemila persone. Nonostante le tensioni sociali, il Venezuela ha tenuto bene con 6mila casi e cinquantasette decessi. Infine, l’Uruguay è il modello sudamericano migliore contro il Coronavirus: i casi sono meno di mille e i morti sono ventotto. Un risultato favorito dalla scarsità di aree densamente abitate e della capacità di trasporto che evita affollamenti sui mezzi pubblici.

Questo progetto web utilizza la tecnologia 'cookies' per migliorare l'esperienza generale del Sito. I Cookies sono piccoli file testuali mantenuti sul proprio computer o dispositivo. Ci permettono di assicurarti la miglior esperienza di navigazione possibile e di capire come utilizzi il nostro sito. Questo messaggio di avviso ti viene proposto in base alle nuove normative sui diritti utenti nelle comunicazioni e servizi web, sui dati personali e la protezione della privacy. Privacy policy

Questo progetto web utilizza la tecnologia 'cookies' per migliorare l'esperienza generale del Sito. I Cookies sono piccoli file testuali mantenuti sul proprio computer o dispositivo. Ci permettono di assicurarti la miglior esperienza di navigazione possibile e di capire come utilizzi il nostro sito. Questo messaggio di avviso ti viene proposto in base alle nuove normative sui diritti utenti nelle comunicazioni e servizi web, sui dati personali e la protezione della privacy.

Chiudi Popup