Back
pregiudizi

Cosa ostacola i cambiamenti sociali?

L’influenza dei media ed i pregiudizi sociali come ostacolo al cambiamento sociale. È la tesi che sostiene la Professoressa Lea Cassar, docente di Economia Empirica all’Università di Ratisbona, in Germania. Le sue ricerche nel campo della responsabilità sociale delle imprese, dell’imprenditoria sociale, degli incentivi non monetari e della motivazione intrinseca dei lavoratori sono state pubblicate sulle principali riviste scientifiche internazionali di economia e commercio.

E su Impakter.com ha scritto un post nel quale ha risposto ad una domanda che le è stata posta durante una video conferenza.

Riguardo la sua esperienza di insegnamento all’Università di Ratisbona, quali sono i principali pregiudizi psicologici che ostacolano il cambiamento sociale? In che modo gli studenti universitari ed i giovani imprenditori possono superare alcuni di essi?

“È una domanda che tratta di un argomento importante e che ritengo venga affrontato troppo raramente. La verità è che ci sono molte percezioni errate sul mondo, comprese alcune delle tendenze globali più significative.Una prova? Invitate tutti quelli che conoscete a fare il test di Gapminder (creato da Hans Rosling per gli studenti con una serie di domande  sulle condizioni dell’umanità: accesso all’acqua, livello di povertà, tasso di mortalità infantile, accesso delle donne all’educazione, reddito, distribuzione geografica della popolazione, bambini vaccinati e così via,ndr) e verificate quante persone rispondono correttamente. Ad esempio, questo test rivela che la maggior parte delle persone crede che i decessi per catastrofi naturali siano più che raddoppiati rispetto al secolo scorso. Ma è vero il contrario! I decessi per catastrofi naturali sono diminuiti a meno della metà rispetto al secolo precedente.

Allo stesso modo, la maggior parte delle persone crede che la percentuale di persone che vivono in condizioni di estrema povertà sia quasi raddoppiata negli ultimi 20 anni. Mentre è vero il contrario: la percentuale di persone che vivevano in estrema povertà negli ultimi 20 anni si è quasi dimezzata! Ora, perché le persone, anche quelle istruite, si sbagliano? Due delle ragioni principali sono il pregiudizio dei media e il pregiudizio di selezione.

Pregiudizi

Cosa ostacola i cambiamenti sociali? – @Jötâkå/Unsplash

I media

“I media influenzano fortemente la nostra percezione del mondo, ma non danno un’immagine oggettiva del mondo. Non dimentichiamo mai, ad esempio, che i media sono incentivati a scrivere su ciò che vende, e questo tipicamente riguarda eventi insoliti. Allo stesso modo, la nostra percezione del mondo è fortemente influenzata dalla nostra esperienza. Ma non dimentichiamo mai che la nostra esperienza personale non è rappresentativa! Ognuno di noi fa parte di un campione molto selezionato.

Ora, quali sono le implicazioni di tali pregiudizi per le politiche sociali e l’imprenditoria sociale? Beh, le persone possono finire per investire tempo e risorse nelle attività sbagliate. Possono sopravvalutare i benefici di una particolare azione/politica o l’importanza di un problema sociale specifico, sottovalutando i benefici e il significato di altri problemi.

Prendiamo l’esempio del microcredito: all’inizio si pensava che fosse la panacea: la soluzione alla povertà. Dopo alcuni scandali in India, in cui alcuni mutuatari si sono uccisi perché non erano in grado di rimborsare i prestiti, il microcredito è stato oggetto di un estremo contraccolpo. Ma la verità sta nel mezzo: il microcredito non è un miracolo ma neanche un male. Il microcredito può aiutare con alcuni aspetti della povertà, ma non con altri. E spesso gli effetti dipendono dalle caratteristiche specifiche dell’ambiente e del programma.

pregiudizi

Costa ostacola i cambiamenti sociali? – @Annie Spratt on Unsplash

Come faccio a saperlo? Beh, perché sono state fatte molte ricerche accurate per valutare l’impatto sociale dei programmi di microcredito. Il problema è che spesso questi risultati della ricerca non raggiungono i responsabili politici, gli imprenditori e i donatori. Quindi dobbiamo rafforzare il legame tra il mondo accademico e quello politico.

Dobbiamo spingere per la diffusione e per un facile accesso alla conoscenza scientifica. Ma, cosa ancora più importante, dobbiamo promuovere una cultura per una politica sociale basata sull’evidenza. In altre parole, le decisioni e le azioni, siano esse dei governi o degli imprenditori sociali, devono essere guidate il più possibile dalla conoscenza scientifica e dall’evidenza scientifica, e non dall’ideologia e dalle opinioni di parte.

Un modo è quello di convincere le organizzazioni a valutare attentamente l’impatto dei loro programmi e delle loro politiche. Purtroppo, questo accade raramente. Che si tratti di enti di beneficenza, organizzazioni pubbliche o imprese sociali non vogliono valutare l’impatto dei loro programmi in modo scientifico o attento.

Perché? Forse perché hanno paura dei potenziali risultati? E se scoprite che la vostra impresa sociale, a cui avete dedicato tutta la vostra vita, non ha un impatto sociale sostanziale? Potete vedere le implicazioni di questo ragionamento; ecco perché credo che la trasformazione sociale non possa avvenire senza una trasformazione personale. Ma questo è un altro argomento”.

Qui il post della Pro.ssa Cassar su Impakter.com

 

Questo progetto web utilizza la tecnologia 'cookies' per migliorare l'esperienza generale del Sito. I Cookies sono piccoli file testuali mantenuti sul proprio computer o dispositivo. Ci permettono di assicurarti la miglior esperienza di navigazione possibile e di capire come utilizzi il nostro sito. Questo messaggio di avviso ti viene proposto in base alle nuove normative sui diritti utenti nelle comunicazioni e servizi web, sui dati personali e la protezione della privacy. Privacy policy

Questo progetto web utilizza la tecnologia 'cookies' per migliorare l'esperienza generale del Sito. I Cookies sono piccoli file testuali mantenuti sul proprio computer o dispositivo. Ci permettono di assicurarti la miglior esperienza di navigazione possibile e di capire come utilizzi il nostro sito. Questo messaggio di avviso ti viene proposto in base alle nuove normative sui diritti utenti nelle comunicazioni e servizi web, sui dati personali e la protezione della privacy.

Chiudi Popup