Back

Cosa combinano i cambiamenti climatici indotti dall’uomo ?

La comunità scientifica ha da tempo avvertito che i cambiamenti climatici antropogenici, quei fenomeni cioè prodotti dall’attività dell’uomo, possono esasperare eventi meteorologici estremi, tra i quali i cicloni tropicali, le ondate di calore, siccità e forti precipitazioni. Il dibattito però è su quanto sia forte l’influenza dell’attività umana sui tornado.

Dubbi che nascono in parte a causa di una quantità limitata di dati storici. A differenza dei dati sulla temperatura e gli uragani, che risalgono a più di un secolo fa, quelli affidabili sui tornado risalgono a pochi decenni fa.

Prima di andare avanti è utile stabilire le differenze fra ciclone, uragano e tornado, troppo spesso confusi tra di loro.

Un ciclone è una zona di bassa pressione atmosferica, perturbazione atmosferica violenta con andamento rotatorio, caratterizzata da forti venti vorticosi e piogge abbondanti, uragano con vento furioso, tromba d’aria.

L’uragano è un ciclone tipico del mare delle Antille che si manifesta nel periodo tra luglio e ottobre; vento della massima violenza di circa 30-40 metri al secondo, gran temporale con diluvio d’acqua e furia di vento.

Il tornado è un ciclone terrestre di area limitata, breve ma molto violento, che imperversa specialmente nelle regioni equatoriali e tropicali dell’America settentrionale e ha l’aspetto di una colonna d’aria dal moto vorticoso, che si sposta con paurosi effetti distruttivi; temporale violento, bufera e uragano.

Tornando alla questione della carenza di dati, vi sono prove che il nostro cambiamento climatico può lasciare un segno, causando gruppi di tornado e uno spostamento della portata degli stessi.

“Mentre c’è qualche dibattito all’interno della comunità scientifica sui dettagli di come il cambiamento climatico avrà un impatto sui tornado, ci sono prove crescenti che un’atmosfera in riscaldamento – con più umidità ed energia turbolenta  – favorisce sempre più grandi scoppi di tornado, come l’epidemia alla quale abbiamo assistito negli ultimi giorni negli Stati Uniti” ha detto Michael Mann, uno scienziato del clima alla Pennsylvania State University,

In altre parole, i gas serra che riscaldano la Terra potrebbero dare impulso alle tempeste che alla fine hanno posto le basi per lo sviluppo del tornado.

La IV^ Valutazione Nazionale sul Clima, un rapporto federale con mandato congressuale pubblicato alla fine dell’anno scorso, ha concluso che i tornado sono “diventati più variabili” e sono tra gli eventi meteorologici estremi che “mostrano cambiamenti che possono essere collegati ai cambiamenti climatici, ma la comprensione scientifica non è ancora abbastanza dettagliata da proiettare con fiducia la direzione e l’entità dei cambiamenti futuri“. La relazione osserva inoltre che “ci sono indicazioni che, in un mondo più caldo, il numero di giorni con condizioni favorevoli ad una forte attività temporalesca è destinato ad aumentare“.

 

Questo progetto web utilizza la tecnologia 'cookies' per migliorare l'esperienza generale del Sito. I Cookies sono piccoli file testuali mantenuti sul proprio computer o dispositivo. Ci permettono di assicurarti la miglior esperienza di navigazione possibile e di capire come utilizzi il nostro sito. Questo messaggio di avviso ti viene proposto in base alle nuove normative sui diritti utenti nelle comunicazioni e servizi web, sui dati personali e la protezione della privacy. Privacy policy

Questo progetto web utilizza la tecnologia 'cookies' per migliorare l'esperienza generale del Sito.I Cookies sono piccoli file testuali mantenuti sul proprio computer o dispositivo. Ci permettono di assicurarti la miglior esperienza di navigazione possibile e di capire come utilizzi il nostro sito.Questo messaggio di avviso ti viene proposto in base alle nuove normative sui diritti utenti nelle comunicazioni e servizi web, sui dati personali e la protezione della privacy.

Chiudi Popup