Back

Coronavirus e sport: quale criterio?

Tutto nasce dall’emergenza del Coronavirus nel nostro Paese. Dalla difficoltà di conoscere esattamente di cosa stiamo parlando. E quindi di come orientarsi nel mare di informazioni – troppo spesso false – che circolano in questi giorni. Qui Impakter Italia ha provato a fare un punto della situazione.

La confusione si estende ad ogni aspetto della vita quotidiana compreso ovviamente lo sport, una di quelle attività che in genere nei casi di crisi dovrebbe assicurare alla popolazione quei momenti di spensieratezza e di libertà dalle preoccupazioni. Il Decreto Legge del Governo emesso nella tarda serata di sabato 22 febbraio era stato chiaro su un punto: nella giornata di domenica 23 febbraio era prevista “la sospensione di manifestazioni, eventi e di ogni forma di riunione in luogo pubblico o privato“. Tra queste rientrano le manifestazioni sportive.

In base a questo decreto il CONI sempre domenica 23 febbraio ha fatto questo comunicato :

Su indicazione del Governo, Il Ministro per le Politiche Giovanili e lo Sport Vincenzo Spadafora, ha chiesto al CONI di invitare le Federazione Sportive Nazionali, le Discipline Sportive Associate e gli Enti di Promozione Sportiva, a sospendere, per la giornata di Domenica 23 febbraio, tutte le attività sportive in programma nelle Regioni di Lombardia e Veneto.

Su indicazione del Consiglio dei Ministri il CONI invita le Federazioni Sportive Nazionali, le Discipline Sportive Associate e gli Enti di Promozione Sportiva, a sospendere per la giornata di domenica 23 febbraio tutte le attività sportive in programma nella città di Torino.

Coronavirus e sport: quale criterio per il rinvio delle partite?

E quindi la Lega Serie A di calcio ha rinviato Inter-Sampdoria; Verona-Cagliari; Torino-Parma ed Atalanta-Sassuolo.  Ma alle 12 di domenica 23 febbraio a Torino al PalaGianni Asti si è giocata RealeMutua Torino-Novipiù Casale Monferrato, serie A2 Lega Nazionale Pallacanestro. Perchè? Perché contemporeaneamente poi la stessa Lega Nazionale Pallacanestro ha rinviato Biella – Scafati e Bergamo-Capo d’Orlando previste per il 27 febbraio? Eppure il 23 febbraio la Federazione Italiana Pallacanestro aveva scritto molto chiaramente sul sito:

“Su indicazione del Consiglio dei Ministri, il CONI invita le Federazioni Sportive Nazionali, le Discipline Sportive Associate e gli Enti di Promozione Sportiva a sospendere per la giornata di domenica 23 febbraio 2020 tutte le attività sportive in programma in Lombardia e Veneto e nella città di Torino”.

La Lega Basket Femminile ha di fatto rinviato quasi l’intera giornata di serie A1 di domenica 23 febbraio salvo Battipaglia-Venezia che si è giocata venerdì 21 febbraio e Vigarano-Ragusa che si è disputata domenica 23. Vigarano è in provincia di Ferrara, Regione Emilia Romagna, regione che nel corso della domenica è stata interessata da contagi e dunque dai provvedimenti del DL. Però sono state rinviate, nello stesso campionato Bologna-San Martino di Lupari (Padova), Empoli-Broni (Pavia), Schio (Vicenza)-Palermo, Lucca-Torino, ed ovviamente Sesto San Giovanni-Costa Masnaga (Lodi). Ma perché a Vigarano si è giocato?

Coronavirus e sport: quale criterio per il rinvio delle partite?

E veniamo alla pallavolo. Nel fine settimana era prevista la Final Four della Coppa Italia. A Casalecchio di Reno, Bologna. In campo Civitanova Marche, Perugia, Trento e Modena. Sabato per le semifinali nessun allarme ma domenica? Alle 18, ora della finale, si sapeva già che l’Emilia Romagna era coinvolta in qualche modo nella vicenda Coronavirus. Perché non è stata fermata la finale? Solo oggi, lunedì 24 febbraio la Lega Volley ha deciso la sospensione di tutte le attività maschili e femminili fino al 1° marzo.

Infine un ultimo caso della confusione che regna. Domenica 23 febbraio alle ore 11 a Bologna era prevista una gara del campionato giovanile di basket in carrozzina del Girone A “Roberto Marson” tra i  Bradipi Circolo Dozza Bologna e Key Estate Porto Torres. La decisione presa nel corso della serata di sabato 22 febbraio. Nella motivazione alle due società è stato detto che “stante il viaggio in nave” che quelli di Porto Torres dovevano affrontare e poi il viaggio da Genova – porto di approdo –  a Bologna in autobus era meglio rinviare. L’altra partita dello stesso campionato rinviata è stata quella tra Briantea84 Cantù e Volpi Rosse Firenze.

Coronavirus e sport: quale criterio per il rinvio delle partite?

Conclusione. Benissimo la prudenza. Anche eccessiva. Con la salute non si scherza. Ma in questo quadro che abbiamo esposto ci sono tante incongruenze ed emerge anche una vuoto decisionale che preoccupa vista la massa di persone che partecipa alle manifestazioni sportive.

Chi decide? Qual è lo schema: il CONI invita le Federazioni ad assumere certi atteggiamenti che vengono suggeriti in base alle quali le varie Leghe decidono autonomamente? In base a quali misure scientifiche? Così fosse sarebbe frammentario a dir poco. Forse la confusione che regna ha invaso anche i palazzi del potere sportivo ed ora tutti corrono ai ripari. Ma se domenica – cosa che nessuno si augura – lì dove si è giocato e non si poteva o sarebbe stato meglio non giocare – fosse stato trasmesso qualcosa?

 

 

 

Questo progetto web utilizza la tecnologia 'cookies' per migliorare l'esperienza generale del Sito. I Cookies sono piccoli file testuali mantenuti sul proprio computer o dispositivo. Ci permettono di assicurarti la miglior esperienza di navigazione possibile e di capire come utilizzi il nostro sito. Questo messaggio di avviso ti viene proposto in base alle nuove normative sui diritti utenti nelle comunicazioni e servizi web, sui dati personali e la protezione della privacy. Privacy policy

Questo progetto web utilizza la tecnologia 'cookies' per migliorare l'esperienza generale del Sito.I Cookies sono piccoli file testuali mantenuti sul proprio computer o dispositivo. Ci permettono di assicurarti la miglior esperienza di navigazione possibile e di capire come utilizzi il nostro sito.Questo messaggio di avviso ti viene proposto in base alle nuove normative sui diritti utenti nelle comunicazioni e servizi web, sui dati personali e la protezione della privacy.

Chiudi Popup