Back
clima

Clima : le promesse non mantenute

Le promesse non mantenute sul clima sono quelle dell’Accordo di Parigi del 2015. In base al quale il Mondo inteso come tutte le Nazioni presenti e firmatarie di quell’accordo, si sarebbe impegnato per ridurre le emissioni di Co2 nell’atmosfera e dare battaglia per contrastare i cambiamenti climatici che sono opera dell’uomo.

Ed invece. Nel suo messaggio di buon lavoro ai partecipanti alla pre Cop26 di Milano (di cui abbiamo scritto qui) il Segretario Generale dell’Onu, Antonio Guterres, ha usato toni e parole molto dure per descrivere lo stato della situazione. “Manca solo un mese alla COP26, la più importante conferenza sul clima dopo Parigi.   È essenziale per tutta l’umanità che noi manteniamo la promessa dell’accordo di Parigi.

Questo significa ridurre le emissioni per limitare l’aumento della temperatura a 1,5 gradi dai livelli preindustriali.  Significa fornire 100 miliardi di dollari ogni anno al mondo in via di sviluppo per l’azione sul clima.  E significa bilanciare il sostegno finanziario per la mitigazione e l’adattamento. Non siamo ancora arrivati a questo punto. Per quanto riguarda la mitigazione, gli attuali Nationally Determined Contributions porteranno ad un catastrofico aumento della temperatura globale di 2,7°C”. 

I Nationally Determined Contributions sono proprio le promesse che sono state avanzate dai governi di tutto il mondo in termini di riduzione delle emissioni di gas ad effetto serra. Tali documenti vengono raccolti dall’Unfccc, la Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici: l’organismo che organizza le Cop, le Conferenze delle parti che si tengono ogni anno sul tema.

Possiamo raggiungere l’obiettivo di 1,5 gradi solo se tutti i paesi del G20 – ha scritto Guterres –  che sono responsabili dell’80% delle emissioni globali, si impegnano a intraprendere azioni più decisive in nuovi o aggiornati NDC. Il principio delle responsabilità comuni ma differenziate alla luce delle circostanze nazionali è un pilastro dell’accordo di Parigi. 

Ma tutti i leader devono riconoscere che siamo nel mezzo di un’emergenza climatica.  Le economie sviluppate devono prendere l’iniziativa. Ma tutti hanno un ruolo cruciale da svolgere. Chiedo anche alle economie emergenti di fare un passo in più e fornire più tagli alle emissioni”.

clima

Il tempo e la questione dei soldi

Nel discorso, Guterres ha ribadito l’estrema necessità di fare in retta, perchè tutto deve essere fatto oggi, non domani:”Siamo tutti sulla stessa barca e dobbiamo fare fronte comune. Ecco perché chiedo a tutte le nazioni di migliorare gli NDC e le politiche interne tutte le volte che è necessario e senza ritardi finché non siamo collettivamente sulla strada giusta.

Non posso sottolineare abbastanza che il tempo sta per scadere. I punti di svolta irreversibili del clima sono vicini in modo allarmante. La società civile sta osservando da vicino e sta finendo la pazienza. Il singolo passo più efficace che possiamo fare per limitare l’aumento della temperatura è eliminare gradualmente il carbone, iniziando con nessuna nuova centrale a carbone.

Accolgo con favore il più recente annuncio della Cina sulla cessazione del finanziamento internazionale dell’energia da carbone.  Ora chiedo alla finanza privata, dalle banche commerciali ai gestori patrimoniali, compresi molti negli Stati Uniti, in Europa e nell’Asia-Pacifico, di seguire rapidamente l’esempio e smettere di finanziare il carbone.  E chiedo che le coalizioni di governi e istituzioni finanziarie pubbliche e private si uniscano per aumentare i meccanismi finanziari esistenti per ritirare il carbone e finanziare una giusta transizione verso l’accesso universale alle energie rinnovabili.

Sappiamo tutti cosa deve essere fatto. I paesi sviluppati hanno la responsabilità di aumentare i loro impegni individuali e di onorare il loro impegno collettivo per consegnare i 100 miliardi di dollari promessi all’anno.

Questa è una questione essenziale di fiducia. Secondo l’OCSE, il divario è ancora di 20 miliardi di dollari.  E i 100 miliardi di dollari sono, ovviamente, solo un acconto di ciò che è necessario per finanziare la mitigazione e l’adattamento nei paesi in via di sviluppo. Alla COP26, le parti dovranno anche concordare un processo per lanciare il lavoro sull’obiettivo post-2025. Apprezzo i recenti annunci di alcune nazioni sviluppate, ma sottolineo che gli impegni devono essere sostenuti da azioni e risultati concreti.

L’Accordo di Parigi dice: “La fornitura di maggiori risorse finanziarie dovrebbe mirare a raggiungere un equilibrio tra adattamento e mitigazione”.  Sei anni dopo, non siamo affatto vicini. L’adattamento rimane la metà trascurata dell’equazione climatica, rappresentando solo il 25% dei finanziamenti per il clima a sostegno dei paesi in via di sviluppo.  Ancora peggio, l’adattamento rappresenta solo lo 0,1% dei finanziamenti privati.

Quindi, oggi, ripeto il mio appello ai donatori e alle banche di sviluppo multilaterali di destinare almeno il 50% del loro sostegno climatico all’adattamento e alla resilienza. I bisogni di adattamento aumentano ogni anno. I paesi in via di sviluppo hanno già bisogno di 70 miliardi di dollari per l’adattamento, e questa cifra potrebbe più che quadruplicare a 300 miliardi di dollari all’anno entro la fine di questo decennio.  

Il mancato raggiungimento degli obiettivi significa una massiccia perdita di vite umane e di mezzi di sussistenza”.

Questo progetto web utilizza la tecnologia 'cookies' per migliorare l'esperienza generale del Sito. I Cookies sono piccoli file testuali mantenuti sul proprio computer o dispositivo. Ci permettono di assicurarti la miglior esperienza di navigazione possibile e di capire come utilizzi il nostro sito. Questo messaggio di avviso ti viene proposto in base alle nuove normative sui diritti utenti nelle comunicazioni e servizi web, sui dati personali e la protezione della privacy. Privacy policy

Questo progetto web utilizza la tecnologia 'cookies' per migliorare l'esperienza generale del Sito. I Cookies sono piccoli file testuali mantenuti sul proprio computer o dispositivo. Ci permettono di assicurarti la miglior esperienza di navigazione possibile e di capire come utilizzi il nostro sito. Questo messaggio di avviso ti viene proposto in base alle nuove normative sui diritti utenti nelle comunicazioni e servizi web, sui dati personali e la protezione della privacy.

Chiudi Popup