Back

Carbonio : meriti e colpe (nostre) di questo elemento

Carbonio. Il nemico dei nostri tempi. Carbonio il nemico di sempre della Terra. Carbonio il tredicesimo elemento più abbondante in natura al punto che moltissimi materiali utilissimi sono fatti di carbonio grafite e diamante per citarne due.

Quando viene unito al calcio, magnesio e ferro diventa carbonato, rocce, calcare, marmo.  Con l’idrogeno si trasforma in petrolio, carbone, gas naturale. Senza carbonio sarebbe difficile – anzi impossibile – immaginare la vita perché il carbonio è l’elemento di base per la formazione delle molecole organiche

Diamante e grafite

I ricercatori del Deep Carbon Observatory, un programma di ricerca che studia il ciclo del carbonio biologico, con sede a Washington iniziato nel 2009, rilevano che ci sono 1,85 miliardi di gigatonnellate di carbonio sul nostro pianeta e di queste il 99,8 per cento è sotto terra.

Il carbonio viene rilasciato in natura sotto forma di gas dai vulcani e dai camini idrotermali e viene riportato nel sottosuolo dai movimenti del magma, sui confini delle placche tettoniche. Questo riciclo ha dato origine all’aria ed al clima accettabile dei quali abbiamo goduto fino ad oggi. Meglio fino a cento anni fa: perché le emissioni di carbonio che il sistema economico globale produce appunto da un secolo circa sono tra 40 e 100 volte superiori a quelle naturali ed hanno alterato quel riciclo di cui sopra.

Il vulcano Yellowstone

Per spiegarla con dei paragoni basta dire che nella storia del nostro pianeta si incontrano spessi eventi naturali che hanno alterato il clima : eruzione che distrusse l’area dello Yellowstone 2 milioni di anni fa negli Stati Uniti; l’esplosione del vulcano Huaynaputina, in Peru nel 1600, che ha coinciso con un raffreddamento del clima; quella dello stratovlucano (un vulcano caraterizzzato da una forma conica e da pendii molto scoscesi che possono raggiungere un’ inclinazione anche di 45° gradi) Pinatubo nelle Filippine nel 1991 che ha fatto diminuire le temperature di 0,5 gradi per oltre un anno.

Un’asteroide

Ancora prima, ma molto molto prima, la scienza ci racconta della caduta dell’asteroide Chixculub ebbe effetti devastanti sugli esseri viventi del tempo: li uccise tutti a cominciare dai mitici dinosauri. Accadde 66 milioni di anni fa. Lo sconvolgimento dei gas che avevano il controllo del clima provocò prima il riscaldamento e poi il raffreddamento dell’aria che coincise con l’estinzione degli animali e delle piante, in ragione del 75 per cento, presenti in quel momento sulla Terra.

Tutto questo detto ecco il paragone con quello che sta accadendo nei nostri tempi:  le attività umane rilasciano nell’atmosfera 10 gigatonnellate di anidride carbonica ogni anno, un ritmo che secondo i ricercatori del Deep Carbon Observatory, è più di dieci volte superiore a quello che servirebbe ai processi geologici di riportare naturalmente il carbonio sotto terra. Ecco perché – sempre secondo gli studi dei ricercatori – stiamo assistendo agli stessi sconvolgimenti del passato:aumento delle temperature, ipossia e acidificazione degli oceani, estinzione di massa.

Questo progetto web utilizza la tecnologia 'cookies' per migliorare l'esperienza generale del Sito. I Cookies sono piccoli file testuali mantenuti sul proprio computer o dispositivo. Ci permettono di assicurarti la miglior esperienza di navigazione possibile e di capire come utilizzi il nostro sito. Questo messaggio di avviso ti viene proposto in base alle nuove normative sui diritti utenti nelle comunicazioni e servizi web, sui dati personali e la protezione della privacy. Privacy policy

Questo progetto web utilizza la tecnologia 'cookies' per migliorare l'esperienza generale del Sito.I Cookies sono piccoli file testuali mantenuti sul proprio computer o dispositivo. Ci permettono di assicurarti la miglior esperienza di navigazione possibile e di capire come utilizzi il nostro sito.Questo messaggio di avviso ti viene proposto in base alle nuove normative sui diritti utenti nelle comunicazioni e servizi web, sui dati personali e la protezione della privacy.

Chiudi Popup