Back

Cambiamenti climatici più killer del Covid

“Cambiamenti climatici più killer del Covid”: è il concetto che nell’ultima Assemblea generale dell’ONU girava tra i vari uffici e stanze. Durante la riunione è stato detto :”se non ci uccide il virus, lo farà il cambiamento climatico“, oppure per bocca del Primo Ministro delle Figi Frank Bainimarama :””Stiamo già assistendo a una versione dell’Armageddon ambientale”. Giusto il tempo di ricordare a chi non ne avesse familiarità, che il termine Armageddon nel Nuovo Testamento identifica un luogo dove alla fine dei tempi avverrà la battaglia finale tra il Bene ed il Male.

La Siberia che quest’anno ha visto la sua temperatura più calda mai registrata e gli enormi pezzi di calotte di ghiaccio in Groenlandia e Canada scivolati in mare; gli incendi boschivi negli Stati Uniti occidentali e il blocco di ghiaccio della Groenlandia che si è staccato che è più grande di un certo numero di nazioni insulari: questi ed altri esempi hanno permesso ai leader internazionali di affermare di essere perfettamente consapevoli del fatto che non esiste un vaccino per i cambiamenti climatici e che questo che doveva essere l’anno “in cui ci saremmo ripresi il nostro pianeta – ha detto Bainimarama –  è invece l’anno in cui il coronavirus ha deviato le risorse e l’attenzione da quello che avrebbe potuto essere il problema centrale in questa assemblea delle Nazioni Unite“.

Il summit globale sul clima delle Nazioni Unite è stato rinviato alla fine del 2021.

License: Free for personal & commercial use

Le Nazioni che hanno paura

La voce più alta che si è sentita durante l’Assemblea generale dell’ONU è stata quella dei paesi che stanno lentamente affondando le isole a quelli africani aridi.

Tra altri 75 anni, molti … membri non potranno più avere un seggio alle Nazioni Unite se il mondo continuerà il suo corso attuale“, ha detto lAlleanza dei Piccoli Stati insulari e il Gruppo dei Paesi meno sviluppati.

L’obiettivo principale dell’accordo sul clima di Parigi del 2015 è di limitare l’aumento delle temperature globali a 2 gradi Celsius (3,6 gradi Fahrenheit) al di sopra dei tempi preindustriali, ma gli scienziati dicono che il mondo è sulla buona strada per andare oltre. Un nuovo studio ha scoperto che se il mondo riscalderà altri 0,9 gradi Celsius (1,6 gradi Fahrenheit), la calotta di ghiaccio dell’Antartide occidentale raggiungerà un punto di scioglimento irreversibile. Ha abbastanza acqua per innalzare il livello globale del mare di 5 metri (16 piedi).

La nazione delle isole del Pacifico di Palau non ha avuto una sola infezione da COVID-19, ma il presidente Tommy E. Remengesau Jr. avverte che sarà l’aumento del livello dei mari a far crollare il paese.

Il momentaneo calo delle emissioni (di carbonio) di quest’anno non può generare alcun compiacimento per il progresso globale”, ha detto, riferendosi ai cieli scintillanti che hanno seguito i blocchi per rallentare la diffusione del virus in tutto il mondo. L’inquinamento si è insinuato di nuovo, man mano che le restrizioni si attenuano.

Le potenze mondiali non possono sottrarsi ai loro impegni finanziari per combattere i cambiamenti climatici durante la pandemia, ha detto Remengesau, anche se le economie sono malconce.

Pochi però sono stati gli impegni concreti che sono emersi al raduno delle Nazioni Unite, a parte l’annuncio della Cina che mira ad avere un picco di emissioni di anidride carbonica prima del 2030 e a raggiungere la neutralità del carbonio entro il 2060.

La pandemia ha cambiato la modalità della riunione dell’Onu, con i leader mondiali che non hanno parlato dal podio di New York, ma in video da casa. Questo ha ridotto l’urgenza della diplomazia e ha lasciato le nazioni a chiedersi quante persone stiano ascoltando.

In mezzo alla preoccupazione che il mondo sia distratto, non è stata forse una sorpresa che il movimento studentesco Fridays for Future sia tornato in piazza questa settimana per le prime grandi manifestazioni per l’azione sul clima dopo mesi. Eppure, le nazioni insulari hanno colto le circostanze insolite per mostrare la posta in gioco.

@Mr. Ben Mieremet, Senior Advisor OSD, NOAA – Taken from http://www.photolib.noaa.gov/htmls/mvey0290.htm

Gli esempi più drammatici

Il primo ministro di Tuvalu, Kausea Natano, ha pronunciato il suo discorso all’ONU con una vista di acque turchesi e fronti ondeggianti alle sue spalle che hanno scatenato all’istante l’immaginazione degli spettatori diretti in casa.

Ma il primo ministro ha rapidamente mandato in frantumi ogni sogno. Mentre Tuvalu è libera dal coronavirus, la pandemia ha colpito mentre il resto la popolazione si stava riprendendo da un paio di cicloni tropicali – tempeste che, secondo gli scienziati, sono destinate a diventare più umide con i cambiamenti climatici ed il riscaldamento della Terra. Il punto più alto di Tuvalu è a pochi metri sul livello del mare. L’effetto della pandemia sulla circolazione delle merci ha messo a nudo l’insicurezza alimentare, poiché l’agricoltura locale diventa più difficile con l’innalzamento del livello del mare, ha detto Natano.

Mentre COVID-19 è la nostra crisi immediata, il cambiamento climatico rimane la più grande minaccia per i mezzi di sussistenza, la sicurezza e il benessere del Pacifico e dei suoi popoli nel lungo periodo“, ha detto il primo ministro.

Dalle Isole Marshall, anch’esse libere da COVID-19, il presidente David Kabua ha usato l’esempio del virus per chiedere aiuto.

Il cambiamento si basa sulla protezione dei più vulnerabili, perché coloro che sono in prima linea – sia gli operatori sanitari che combattono la pandemia, sia le piccole nazioni insulari che lanciano l’allarme sul cambiamento climatico – sono fondamentali per la sopravvivenza di tutti noii. Le piccole nazioni insulari e gli atolli come la mia non hanno tempo per promesse di carta“, ha aggiunto Kabua.

Nel favorire soluzioni basate sul rispetto della natura, stiamo anche preservando la salute dei nostri popoli“, ha detto il presidente Issoufou Mahamadou del Niger, parte della regione del Sahel a sud del deserto del Sahara, dove si prevede un aumento della temperatura di 1,5 volte superiore alla media mondiale.

La nostra casa globale che brulicava di milioni di specie di creature date da Dio, grandi e piccole, sta lentamente morendo“, ha detto il presidente keniota Uhuru Kenyatta, che l’anno scorso ha osservato che il suo Paese è stato l’unico in Africa a raggiungere l’obiettivo di rendere l’energia rinnovabile al 75% del suo mix energetico. Ed ha aggiunto: “Il nostro mondo desidera che fermiamo la sua rovina“.

Questo progetto web utilizza la tecnologia 'cookies' per migliorare l'esperienza generale del Sito. I Cookies sono piccoli file testuali mantenuti sul proprio computer o dispositivo. Ci permettono di assicurarti la miglior esperienza di navigazione possibile e di capire come utilizzi il nostro sito. Questo messaggio di avviso ti viene proposto in base alle nuove normative sui diritti utenti nelle comunicazioni e servizi web, sui dati personali e la protezione della privacy. Privacy policy

Questo progetto web utilizza la tecnologia 'cookies' per migliorare l'esperienza generale del Sito. I Cookies sono piccoli file testuali mantenuti sul proprio computer o dispositivo. Ci permettono di assicurarti la miglior esperienza di navigazione possibile e di capire come utilizzi il nostro sito. Questo messaggio di avviso ti viene proposto in base alle nuove normative sui diritti utenti nelle comunicazioni e servizi web, sui dati personali e la protezione della privacy.

Chiudi Popup