Back

Il caffè sostenibile va coltivato “all’ombra”

Caffè sostenibile? In Nicaragua sono specializzati. Ecco come i coltivatori locali combattono gli effetti dei cambiamenti climatici.

Caffè “all’ombra”

Nella regione di Pantasma, a nord del Nicaragua, esistono diverse cooperative di coltivatori di caffè che sfruttano un sistema di coltivazione assai efficace per contrastare gli effetti dei cambiamenti climatici. Essa consiste nella coltivazione all’ombra di piante di caffè resistenti alle malattie combinata con quella di piante multifunzionali. Questa strategia rafforza la resilienza ecologica del sistema agricolo, diversifica i flussi di reddito, riduce la CO2 e potenzia l’habitat della fauna selvatica. In un singolo progetto realizzato a San Juan de Rio Coco, in 17 anni si è avuta una riduzione dell’emissione di CO2 pari a 28mila tonnellate.

Coltivazione all’ombra e piante multifunzionali. Di cosa stiamo parlando?

La coltivazione all’ombra prevede che la pianta riceva fino a 2 ore di luce solare diretta. Si differenzia dalla coltivazione a mezz’ombra (da 2 a 4 ore) e da quella delle piante da sole (da 4 ore in poi). Si tratta di un metodo che permette di risparmiare acqua e di ridurre l’utilizzo dei fertilizzanti. Questo perché il materiale organico deposto dagli alberi fertilizza naturalmente il terreno e lo mantiene umido, riducendo al minimo il fabbisogno di acqua. Pertanto, coltivare caffè all’ombra significa non usare fertilizzanti, insetticidi o altre sostanze tossiche. Tutto questo allunga la vita della piantagione e migliora la qualità del prodotto.

Combinando la coltivazione all’ombra con quella di piante multifunzionali, la sostenibilità ambientale della produzione e la difesa della qualità del prodotto vengono armonizzati con la sostenibilità sociale. Ecco perché. Le piante multifunzionali sono quelle in grado di soddisfare più necessità contemporaneamente. Possono fornire cibo sottoforma di frutta o verdura; legname da ardere per produrre calore ed energia, depositano materiale organico nel terreno mantenendolo fertile. Nel caso della coltivazione del caffè, piante multifunzionali aventi un’altezza maggiore  conferiscono a quest’ultimo quella protezione dalla luce solare diretta che consente nell’arco della giornata di ottenere un’esposizione compresa entro le 2 ore. Ovvero, come abbiamo detto sopra, una coltivazione all’ombra.

Una strategia vitale per i piccoli coltivatori locali

Questa resa di quasi il 100% delle piante multifunzionali è cruciale per l’agricoltura di sussistenza. Questo consente la sopravvivenza di piccole fattorie autoctone, contribuendo così a raggiungere gli obiettivi 1,2 e 8 dell’agenda 2030 dell’ONU.

 

“Ho piantato questi alberi per i miei nipoti. Forniranno il legno per le loro case future e miglioreranno l’approvvigionamento idrico della nostra comunità nei prossimi anni”. Queste le parole di Roumaldo Benavidez, uno delle migliaia di produttori locali di caffè che hanno tratto beneficio da questa forma di produzione sostenibile.

Questo progetto web utilizza la tecnologia 'cookies' per migliorare l'esperienza generale del Sito. I Cookies sono piccoli file testuali mantenuti sul proprio computer o dispositivo. Ci permettono di assicurarti la miglior esperienza di navigazione possibile e di capire come utilizzi il nostro sito. Questo messaggio di avviso ti viene proposto in base alle nuove normative sui diritti utenti nelle comunicazioni e servizi web, sui dati personali e la protezione della privacy. Privacy policy

Questo progetto web utilizza la tecnologia 'cookies' per migliorare l'esperienza generale del Sito.I Cookies sono piccoli file testuali mantenuti sul proprio computer o dispositivo. Ci permettono di assicurarti la miglior esperienza di navigazione possibile e di capire come utilizzi il nostro sito.Questo messaggio di avviso ti viene proposto in base alle nuove normative sui diritti utenti nelle comunicazioni e servizi web, sui dati personali e la protezione della privacy.

Chiudi Popup