Back

Basta con la fast fashion, per cambiare informati c’è un nuovo strumento

L’industria della moda è il secondo più grande inquinatore industriale dopo l’aviazione, e rappresenta fino al 10% dell’inquinamento globale. Nonostante gli impatti ambientali ampiamente pubblicizzati, tuttavia, l’industria continua a crescere, in parte a causa dell’aumento del fast fashion, che si basa su una produzione a basso costo, un consumo frequente e l’uso di capi di abbigliamento di breve durata. Questa è la premessa di uno studio e di un allarme pubblicato sulla rivista Nature Reviews Earth and Environment da alcuni esperti.

Gli impatti dell’industria della moda comprendono oltre 92 milioni di tonnellate di rifiuti prodotti ogni anno e 1,5 trilioni di litri d’acqua consumati. Sulla base di questi impatti ambientali, gli esperti che hanno scritto su Nature Reviews, sostengono la necessità di cambiamenti fondamentali nel modello di business della moda, tra cui una decelerazione della produzione e l’introduzione di pratiche sostenibili lungo tutta la catena di fornitura, nonché un cambiamento nel comportamento dei consumatori – vale a dire, la diminuzione degli acquisti di abbigliamento e l’aumento della durata di vita dei capi. Questi cambiamenti sottolineano la necessità di un’urgente transizione verso una moda “lenta”, minimizzando e mitigando gli impatti ambientali dannosi, in modo da migliorare la sostenibilità a lungo termine della catena di fornitura della moda.

Produzione e lavaggio vestiti a Mumbai, India

La maggior parte dell’inquinamento ambientale si verifica in paesi come il Bangladesh, la Cambogia, l’India e l’Indonesia, dove si producono tessuti e abbigliamento. Mentre molti capi d’abbigliamento sono prodotti nel Sud del mondo, le sedi di molti marchi si trovano nell’UE o negli USA. Questo scollamento tra il luogo in cui un articolo è stato progettato e quello in cui è stato realizzato aumenta enormemente le possibilità di commettere errori, il che contribuisce anche al problema dei rifiuti.

E’ dunque necessario un cambiamento delle abitudini dei consumatori che deve essere urgente: adesso non domani se si vuole veramente contribuire alla salute della Terra. Ed evitare rischi per la salute come abbiamo evidenziato qui.

Per il cambiamento responsabile e sostenibile è necessario che tutti siamo informati su cosa e come fare.

Ecco che in Italia – ma non solo – è nato uno strumento che in questo senso può risultare molto importante: Suistainable Gate. Operativo da poco, il nuovo sito intende diventare nel breve tempo il più completo database di moda sostenibile, capace, nel contempo, di fornire chiare informazioni – piacevoli o spiacevoli che siano – sul sistema moda, con l’obiettivo di formare consumatori consapevoli. A gestirlo, una giovane fashion stylist, Fiammetta Bignotti, con il supporto di un’agenzia di comunicazione milanese

Su www.sustainablegate.com i consumatori possono effettuare una ricerca mirata di brand sostenibili ed etici operanti nei settori dell’abbigliamento, delle calzature, degli accessori e della gioielleria/bigiotteria

Fra le molte sezioni interessanti, tre colpiscono in modo particolare:

  • un’ampia sezione, Be Conscious, con contenuti informativi sul sistema moda e un confronto critico tra fast e slow fashion: ogni informazione è corredata dalla sua fonte. Questa sezione, con il tempo, verrà costantemente ampliata con contenuti sempre nuovi (l’industria della pelle, l’impatto di diamanti e metalli preziosi ecc.)
  • la sezione Be Inspired, con consigli per lo shopping dalla nostra stylist, per mostrare come la moda sostenibile non abbia nulla da invidiare alla moda classica
  • la sostenibilità parte da noi: il sito Sustainable Gate compensa le proprie emissioni tramite piantumazione di nuovi alberi nell’ambito del progetto ForestaMI del Comune di Milano.

Fiammetta Bignotti

Questo progetto web utilizza la tecnologia 'cookies' per migliorare l'esperienza generale del Sito. I Cookies sono piccoli file testuali mantenuti sul proprio computer o dispositivo. Ci permettono di assicurarti la miglior esperienza di navigazione possibile e di capire come utilizzi il nostro sito. Questo messaggio di avviso ti viene proposto in base alle nuove normative sui diritti utenti nelle comunicazioni e servizi web, sui dati personali e la protezione della privacy. Privacy policy

Questo progetto web utilizza la tecnologia 'cookies' per migliorare l'esperienza generale del Sito. I Cookies sono piccoli file testuali mantenuti sul proprio computer o dispositivo. Ci permettono di assicurarti la miglior esperienza di navigazione possibile e di capire come utilizzi il nostro sito. Questo messaggio di avviso ti viene proposto in base alle nuove normative sui diritti utenti nelle comunicazioni e servizi web, sui dati personali e la protezione della privacy.

Chiudi Popup