Come curare i gerani in primavera: la soluzione semplicissima dell’esperto

Se non hai il pollice verde e sei anche a corto di tempo la soluzione ideale è quella di piantare dei gerani: sono da sempre un fiore perfetto, generoso, colorato, resistente e perfetto per trasformare il balcone o il proprio giardino in un posto circondato dal verde.

Ovviamente, come tante altre piante, anche questi vanno curati nel modo giusto: il primo step è quello di scegliere il geranio giusto e quindi, recarsi nei centri di giardinaggio o nei vivai e scegliere quello che fa al caso vostro, anche in base al luogo in cui decidete di piantarlo.

Fatto questo, tenere conto che i gerani possono iniziare a fiorire anche da metà Maggio, per cui il consiglio è sempre quello di attendere che per il periodo di freddo sia passato, quindi scegliere sempre come riferimento il periodo della primavera.

E proseguiamo: non dimenticarsi mai di scegliere il compost adatto, gli esperti non hanno dubbi, è sempre meglio usare un compost multiuso di qualità e poi procedere con il giusto drenaggio. Inseguito, aggiungere dei fertilizzanti naturali o del letame qualche settimana prima di piantarli.

Come curare i gerani in primavera-impakter.it

Gerani in primavera: come fare per scegliere il periodo giusto

Come accennato prima, è sempre meglio aspettare che le gelate siano passate, le condizioni climatiche devono essere sempre molto adatte, inseguito cercare un posto soleggiato in cui posizionarle. Il geranio nasce in SudAfrica e per questo motivo, ha sempre bisogno di posizioni cariche di sole, solo alcune varietà riescono a tollerare una leggera ombra.

Ancora, i gerani tollerano molto bene la siccità, ma gli esperti non hanno dubbi, lasciarsi soffrire in un terreno troppo asciutto non è mai una soluzione adeguata, il consiglio è quello di annaffiarli in modo regolare per tutto il corso della primavera e dell’estate.

Infine, per assicurarsi che i gerani possano produrre nuovi fiori in modo veloce, è sempre meglio tagliare prima gli steli dei fiori secchi.

Lascia un commento